Fringe 4×01 – Né Di Qua Né Di LàTEMPO DI LETTURA 2 min

in Recensioni by
Titolo encomiabile per la sua capacità nel descrivere le sensazioni provate durante questa puntata. Nè carne nè pesce nè fringe,non quello che conosciamo almeno,questo è qualcosa di nuovo, qualcosa di alternativo a cui ovviamente non eravamo abituati ma daltronde da una serie rivoluzionaria come questa non mi aspetto ne più ne meno,magari solo un po più di spiegazione.
Partendo dal presupposto che ogni

inizio stagione sia buono per racimolare nuovi spettatori (e Fringe ne ha davvero tanto bisogno), veniamo catapultati in una nuova realtà Gialla,un mix della Blu e della Rossa in cui Peter Bishop non esiste più perchè ha adempiuto al suo scopo (era solo il “mezzo” con cui l’Osservatore ha provato a sistemare le cose) ma rimangono delle particelle di lui disperse nell’aere come a sottolineare che c’è ancora una traccia del passato pronta a riaffiorare e sarà curioso vedere come gli autori lo introdurranno anche se ho già i brividi come Walter per l’escamotage che useranno. In questo realtà mixata l’universo Blu e quello Rosso si intersecano in un punto ben preciso: nella sala della macchina della creazione-distruzione dell’universo. Qui si ricomincia ma in maniera del tutto diversa perchè vi sono importanti novità,prima fra tutte la condivisione delle informazioni tra le due Olivie. Decisamente poco simpatiche l’una all’altra,cercano di impegnarsi per risolvere i casi misteriosi dei rispettivi universi e per cercare una soluzione a questa guerra scatenata da un Peter di cui nessuno si ricorda,nè Olivia,nè Walter. Proprio il Dott. Bishop è quello che risente maggiormente dell’assenza del suo fantafiglio,ora vive nel suo laboratorio da cui non esce più ed è ancora più imparanoiato di quando lo abbiamo incontrato nel Pilot 4 anni fa,francamente mi aspettavo di vederlo scombussolato ma così è un po esagerata come situazione. Audace inoltre la scelta di inserire il personaggio del giovane Lincoln Lee e non del sempre simpatico Charlie Francis,ormai ridotto a semplice comparsa causata anche da scelte di budget.
In tutto ciò si va a caccia di quelli che sembrano i soliti Mutaforma della realtà Rossa ma mi aspetto novità importanti su questo fronte dato che nulla è ciò che sembra,spero anche che non sia una svista narrativa quella in cui durante l’inseguimento iniziale Lincoln ammanetta un Mutaforma(?) e se lo dimentica dopo che scopre l’uccisione del suo partner. Da Fringe certe cose non me le aspetto proprio,fortunatamente anche il giovane Osservatore la pensa così…

PRO:
  • Astrid finalmente ha un lavoro serio
  • John Noble offre prestazioni eccellenti come se fossero noccioline
  • Introduzione di Lincoln nel Fringe Team
  • Osservatori,osservatori ed osservatori
CONTRO:
  • Assenza di Peter
  • Svista narrativa del Mutaforma ammanettato e dimenticato
  • Nessun confronto fra Walter e Walternativo che mi sarei aspettato ad inizio puntata

Come inizio stagione è un buon intro ma spero cominci ad ingranare già dalla prossima puntata perchè di cose da spiegare e di personaggi da reintrodurre ce ne sono a decine. Sufficienza decisamente abbondante comunque.

VOTO EMMY

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: