Person Of Interest 1×23 – FirewallTEMPO DI LETTURA 2 min

in Person Of Interest/Recensioni by
Si tirano le somme di questo nuovo action drama dalle fosche tinte cospirative che possiamo tranquillamente asserire di essere la miglior nuova serie tv di quest’annata 2011-2012. Merito sicuramente di un’idea meravigliosamente inquietante e possibilmente realizzabile o addirittura già reale (chi non ci ha mai pensato al Grande Fratello?) e di una coppia di autori e di attori invidiabile da chiunque. Il buon Gesù si è trasformato

sapientemente in una ex spia governativa incapace di vivere col proprio passato e sopportato/supportato solo dall’ormai non più tanto pavido topo di biblioteca Mr. Finch che in ogni puntata è riuscito a mantenere quell’espressione inquietante che si è tatuato addosso da Lost. Insomma un mix di cose decisamente favorevoli che hanno impreziosito decisamente questo show.

Se vogliamo fare una critica all’intera stagione possiamo solo dire che ci fossero fin troppe trame da gestire e che a volte i modi di inserirle siano stati un po’ ripetitivi, vedi ad esempio la qui presente nella foto signorina Caroline Turing e il simpatico boss mafioso di NY Elias. Le analogie trai due personaggi sono molte, a partire ovviamente dalle intenzioni poco amichevoli che entrambi hanno e dalla quantità di tempo che si è impiegato nell’introdurli oltre al come li si è introdotti. Entrambi hanno trascorso un periodo in compagnia di Mr. Reese come numeri di previdenza sociale da difendere mentre sono braccati in un palazzo se non che, la macchina in questo non ha aiutato sicuramente, alla fine del loro episodio si sono rivelati essere i 2 big boss della strana coppia, uno l’ascendente boss mafioso del Maggia e l’altra la famigerata hacker dalle unghie nere che tanto filo da torcere avevo dato a Mr. Finch, per gli amici d’ora in poi la chiameremo Root. 
Devo però fare i miei complimenti agli sceneggiatori e agli stessi attori che mi hanno ingannato dal primo minuto di farsa al mio “oh cazzo” di stupore. Applausi meritati.
Ora che è stata fatta fuori anche la fastidiosa Alicia e Harold è stato preso in ostaggio non resta che affidarci a 3 mesi di ansiosa attesa per sapere chi ha telefonato al solitario John per aiutarlo, sempre che sia un aiuto quella chiamata.
PRO:
  • Interpretazioni maestose da parte tutta la crew
  • Finale inaspettato e decisamente carino
  • Alicia ammazzata a sangue freddo mentre blaterava, ora darà fastidio a qualcun altro all’inferno
  • Harold che fa l’hacker bloccando tutte le trasmissioni
  • Carter e Fusco che finalmente vengono a sapere l’uno dell’altra
CONTRO:
  • Poco credibile che Carter sappia esattamente da dove usciranno gli agenti FBI visto che non ha nessuna mappa davanti
  • Buttare lì un “Elias li vuole morti entrambi” non avrebbe guastato

Si risolvono un bel po’ di questioni in sospeso e se ne creano delle altre, ringraziando il cielo che Fusco e la Carter si sono parlati, era abbastanza ridicola la loro situazione. Sfortunatamente non va sopra i 4 Emmy perchè la trovata del telefono alla fine e la stessa modalità di “scoperta” di Root e di Elias mi è parso un puro plagio anche se veramente ben fatto.

VOTO EMMY

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Person Of Interest

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: