Anger Management 1×02 – Charlie And The SlumpbusterTEMPO DI LETTURA 2 min

in Anger Management/Recensioni by
Mai sentito parlare di Slumpbuster? Probabilmente perchè non siete fan di film e telefilm adolescenziali con tematiche sportive e senza peli sulla lingua. Letteralmente la parola significa “scaccia-crollo” ma visto il contesto in cui andremo a parlare è più consono utilizzare la terminologia di “spolvera-mazza”.
Vige una superstizione trai giocatori professionisti americani secondo cui

per uscire da una crisi di risultati consecutivi ed infrangere la superstizione ci si debba fare la ragazza più brutta che si riesca a trovare. Ecco, Charlie si è fatto Mel. Invidiosi? Almeno ha funzionato ed ha rotto la sua serie negativa, peccato che ora se la sia ritrovata come paziente in cura. In realtà non ha alcun problema di controllo della rabbia ma “solo” uno problema ossessivo nei confronti di Charlie che si chiama stalkeraggio.
E’ su questo che si basa l’intera puntata, una serie di situazioni poco credibili che dovrebbero risultare divertenti ed irriverenti. Certo non nego che alcune siano state carine ma dopo un po’ la presenza di questa stalker comincia a dare sui nervi, per non parlare dell’atteggiamento di sfida tenuto dall’ex moglie e dalla figlia: completamente fuori luogo.
C’è un netto calo di potenza narrativa rispetto al primo episodio che, come ogni pilot, deve rispecchiare tutte le potenzialità dello show per essere approvato e dare il via ad una stagione, tuttavia anche Anger Management non riesce ad evitare di cadere nella trappola della seconda puntata che come spesso accade è di qualità di contenuti consistentemente più bassa per poi assestarsi su un livello intermedio dalla terza o quarta puntata in poi. Speriamo sia così perchè altre 88 puntate simili rischiano di stare sul groppone anche ai fan più sfegatati dello psichiatra.

 

PRO:
  • Mel nuda con le gambe aperte in cucina
  • Citazione di Lilli e il Vagabondo
CONTRO:
  • Manca il vicino di casa
  • Troppo poco spazio ai pazienti
  • Scene che non fanno ridere

 

Carina la trovata dello Slumpbuster ma bisogna aggiungere qualcosa in più per rendere sufficiente l’episodio.

 

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: