);

Breaking Bad 5×02 – MadrigalTEMPO DI LETTURA 2 min

in Breaking Bad/Recensioni by

Dite la verità: chi di voi non si fuma una bella sigaretta al ricino dopo mangiato?
Bravi, è ottima per la digestione e per prendere sonno velocemente ed in modo permanente. E poi non dite che non imparate niente guardando la tv, questa è una tipica cura erboristica del Prof. White che, sapendo quanto è preziosa, per non sprecarla decide di nasconderla dietro una spina della corrente. Ci fosse più gente come lui a sto mondo non ci sarebbero più sprechi…
Bando ai convenevoli e alle spiegazioni tramite flashback su ciò che è successo al termine dello scorso magico season finale, oggi non parleremo di Walter, Heisenberg o chi altro, oggi parleremo di Mike e solo di lui.
Diciamo che se ne sentiva il bisogno di una puntata in cui venisse approfondito questo splendido personaggio non nel senso fisico del termine. Mike è un uomo burbero, dai modo non certo raffinati che con un semplice sguardo riesce ad annientare ogni tua emozione e a paralizzarti li sul posto ed è quello che fa in tutto l’episodio, da quando riceve la proposta di Walter a quando sta per piantare due pallottole in testa alla sua ex partner Lydia, insomma lo conoscete, è Mike. In fondo in fondo vuole bene a tutti, solo che non gli si deve toccare la nipotina e gli affari, solo. D’altronde la famiglia è un tasto dolente un po’ per tutti, specialmente poi se si mette mano al fondo fiduciario milionario della piccola nipote allo zio Mike il sangue va al cervello e ti spara in un attimo dopo aver utilizzato il fulmisguardo, antica tecnica appartenente ai Pokemon.
L’episodio di oggi è ancora preparatorio per quello che sarà la 5°/6° stagione perché ci sono ancora troppi rancori da smaltire nel post Fring, sia in America sia in Germania alla Madrigal dove il suicidio da oggi è contemplato. Il cerchio si comincia a stringere intorno a tutti e prima o poi, come il flashforward della scorsa puntata ci ha mostrato, si chiuderà anche con Walter e Jesse ma intanto chissene e mettiamo su uno stabilimento di metanfetamine. Ci sono conti da saldare, mercati da soddisfare e un egocentrico futuro re della droga da assecondare anche se non si vuole e quindi tutti chiudono un occhio, vedasi Saul, chi ne chiude due, vedasi Lydia e il suo sicario, e chi non ne chiude neanche uno ma lavora malvolentieri, come Mike.
Insomma a denti stretti e muso duro si va avanti, tre partner con ognuno il suo compito ed inevitabili discussioni future che faranno astiare gli uni con gli altri. E’ inevitabile e non vedo l’ora che accada.

 

PRO:
  • Puntata total Mike
  • Ecco cosa è successo al ricino
  • I love metilammina
CONTRO:
  • Walter e Jesse vengono lasciati un po’ troppo da parte ma per una puntata con solo Mike posso accettarlo

 

Si sta preparando il terreno per questa stagione e già dalla prossima puntata si prevedono fuochi d’artificio tra Mike-Jesse-Walter.

 

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: