Breaking Bad 5×04 – Fifty-OneTEMPO DI LETTURA 4 min

in Breaking Bad/Recensioni by
Nonostante il titolo dica “51” questo episodio segna un importante traguardo perchè a tutti gli effetti è il 50! Quindi, ironia degli autori nel dare i titoli a parte, per tradizione americana nei numeri speciali di fumetti e serie televisive tipo 50,100,150 e via

dicendo accadono sempre avvenimenti particolari e questo non è da meno.

Viene finalmente chiarito in che periodo della timeline di Breaking Bad ci troviamo e scopriamo che siamo esattamente ad un anno di distanza dal famoso flashforward di inizio stagione quindi da qui ai prossimi 365 giorni succederà di tutto. Fra un anno a partire da ora Walter White non si chiamerà più così, avrà un’identità nuova, un’arma discreta nel bagagliaio della macchina, un nuovo look e festeggerà da solo il suo 52° compleanno. Oltre a ciò non sappiano nulla ma possiamo solo presumere cosa sia successo e presumiamo che c’entri la DEA.
Diciamo che una cosa in comune ce l’hanno entrambi i compleanni: non vanno come Walter vorrebbe. Tralasciando il discorso flashforward e concentrandoci sul presente, l’imposizione del nuovo status quo di Heisenberg pervade la casa della famiglia White, piscina compresa è il caso di dirlo. Skyler, ormai fantasma di sè stessa, passa le giornate in silenzio assecondando sofferentemente il suo coniuge e gridando aiuto nel solo modo che ha: cercando l’annegamento (finto). Finto perchè in realtà lei non ha nessuna intenzione di suicidarsi, ha due figli a cui badare e da tener distanti da Walter, il suo gesto è più una dimostrazione del suo malessere fatta per attirare l’attenzione di Marie e Hank e alla fine ci riesce. D’altronde passare la serata non aprendo bocca e poi buttandosi in piscina può dare i suoi frutti.
Chi non se ne era ancora reso conto è proprio Walter che, annebbiato dalla sua brama di potere e credendosi invincibile dopo che ha ammazzato Fring, non si era accorto di niente e il suo unico problema al momento è vendere la vecchia auto per comprare a lui e a Junior due bolidi: a Jr. una Dodge Challenger e a sè stesso una Chrysler 300. Tipiche macchine che un tempo non si potevano permettere neanche in leasing ma che, col sottofondo di Skrillex ed una regia prepotente, ci mostrano come e quanto è gasato Heisenberg in questo momento, specialmente col suo cappello ritrovato.
Una parola bisogna spenderla anche su Jesse che, nonostante sia per ora abbastanza sottoutilizzato, riesce sempre a ritagliarsi uno spazio in qualche modo. Un regalo di compleanno ed una spia gps possono bastare per essere citati ma noi vogliamo più Jesse, sempre di più.
Tutto questo sarebbe perfetto per una puntata di Breaking Bad ma, e qui si spiega l’eccezionalità dell’episodio, avviene finalmente il conflitto verbale tra i due coniugi White. Più che conflitto è un massacro ai danni di Skyler che ad ogni parola e possibile escamotage da utilizzare contro Walter riceve potenti mazzate verbali che la zittiscono facendole cadere sempre più voglia di vivere fino a renderla un vegetale che fuma sigarette in salotto aspettando e augurandosi che il cancro porti via l’odiato marito. Più che un odio verso il marito nelle sue parole trasuda un odio verso ciò che il marito direttamente/indirettamente l’ha costretta a fare. Parlo di mentire alla sorella, quasi ammazzare Beneke, acquistare un autolavaggio per riciclare il denaro e via dicendo. Ma come ammette lei, questa è una donna priva di spina dorsale e in balia degli eventi decisi dal marito. La sua unica speranza risiede in un deus ex machina che sta lì fuori da qualche parte e che forse non si farà mai vedere ma la speranza è la sola cosa che la fa andare avanti. Per lei la speranza che il marito muoia presto, per il marito la speranza che lei lo ami per come è diventato ora.
PRO:
  • Walter ritrova il cappello da Heisenberg
  • La scena della piscina in toto
  • Monologo finale di Walter mentre Skyler fuma vittoriosa perchè i figli sono da Marie
  • L’arrivo della Dodge e della Chrysler a casa: figata!
CONTRO:
  • Troppo pochi minuti di Mike e Jesse
  • Lydia sta diventando un po’ una spina nel fianco…

Nonostante tutte le belle parole spese, questo episodio manca di un apporto corale dei vari protagonisti. Non bastano 5 minuti di un Jesse ed un Mike messi qua e là per dare quel senso di concatenazione degli eventi a cui siamo abituati ed è proprio questo che manca e che danneggia la puntata. Danneggia per modo di dire perchè comunque è una bella puntata ma non eccelsa. Mi aspettavo un po’ di più dalla n°50…

VOTO EMMY

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: