The Big Bang Theory 5×16 – L’Imposizione Della VacanzaTEMPO DI LETTURA 2 min

in Recensioni by
Cosa ci può essere di più destabilizzante per una persona affetta da manie ossessive che togliergli la sua routine quotidiana e cambiargli le sue usanze quotidiane? Ovviamente non sto parlando di Leonard, Howard o Raji ma di Sheldon che soffre di

stakanovismo acuto.

Quando il principale lo obbliga a prendersi ferie ecco che la pazzia prende il sopravvento e, come al solito, ci delizia per dei buoni 20 minuti, fortunatamente alternato a scene in cui le luci della ribalta sono concesse anche a qualcun altro, tipo tutti gli altri comprimari come Howard e Bernadette alle prese con il contratto prematrimoniale.
Se c’è una particolarità in questo episodio è sicuramente da riscontrare nelle piccolezze rispetto alla trama. Tante piccole perle come Sheldon che sviene alla vista del sangue o Leonard che canta in macchina sono da incorniciare perchè da sole tengono su l’intero episodio lasciando un ottimo sapore a questo episodio che di per sè non ha nulla che lo renda indimenticabile nonostante lo spunto iniziale della trama sia uno dei migliori visti in questa stagione, poi ci si perde in un bicchiere d’acqua o meglio in un laboratorio a pulire becker.
A proposito delle scene del laboratorio, sono rimasto allibito nel non notare un maniaco della pulizia come Sheldon senza guanti mentre fa una dissezione di un cervello con il bisturi, una svista che molti possono non aver notato ma che di sicuro è una grossa mancanza per i più attenti ai particolari. A parte questo comunque la puntata è susseguirsi di spassose gag che seguono però un trend decrescente toccando i minimi nei dialoghi finali tra Howard e Bernadette e nelle scuse di Sheldon, preferite, non si sa bene perchè, alle battute di Raji sempre in ombra e vittima di un “razzismo scenico” che lo porta ad essere sempre più un tappabuchi piuttosto che un protagonista. Manca davvero poco prima che lo etichettino come guest star piuttosto che come regular…

PRO:
  • Lo strano cocktail di Sheldon
  • Leonard che canta a squarciagola “I gotta a feeling” e le “orecchie sanguinanti” di Sheldon
  • Il Tamagotchi ancora vivo dal 98
  • Sheldon che sviene alla vista del sangue
  • “Come rendere la fisica divertente”
  • Inviti in klingon
CONTRO:
  • Le scene con il gruppo femminile sono sempre i punti più bassi dello show
  • Disattenzione dei particolari

Episodio carino, nella media di questa seconda parte di stagione decisamente migliore della prima. Non ci possiamo lamentare e quindi grazie e avanti un’altra puntata.

VOTO EMMY

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: