The Big Bang Theory 5×17 – La Disintegrazione Di RothmanTEMPO DI LETTURA 2 min

in Recensioni by
C’è un motivo se Jim Parsons ha già vinto 2 Emmy per miglior attore protagonista in una serie tv comica ed è lo stesso motivo per il quale si merita di vincerlo anche quest’anno: la sua bravura. Non ne siete convinti? Guardatevi la triplice spiegazione di Carta-Forbice-Sasso-Lizard-Spock e 
ammutolite e se non vi zittite da soli passerò io di casa in casa ad inscoccettare le vostre bocche. Immenso, non si può aggiungere altro se non un caloroso “mi spiace” per gli altri contendenti all’Emmy nella stessa categoria, in particolare ad Alec Baldwin e Larry David.
Discorsi di Emmy a parte, è indiscutibile lo spessore psicologico che ci viene fornito dall’interpretazione di Jim Parsons in ogni puntata, una colonna portante che da sola manda avanti lo show, per dirla in termini calcistici è il Messi della serie. Un altro personaggio che cerca di guadagnarsi un ruolo importante nel serial è Amy che, sfruttando le problematiche nelle relazioni sociali, cerca di assomigliare a Sheldon sfigurando al confronto.
Spesso ci capita di assistere a scene in cui sono presenti unicamente Amy, Bernadette e Penny e sempre più spesso ci tocca subire i loro dialoghi ed i loro sketch a causa del volere della CBS di attirare pubblico femminile in un telefilm altrimenti rivolto al solo pubblico maschile, sketch che ogni secondo urlano “Cambia canale!” o “Spegnimi ti prego!”. Oggi no. Oggi grazie ad un dio non ben precisato assistiamo ad uno sketch decente, addirittura buono! Non sono pazzo, la pazza è Amy che, per nostra fortuna e sempre per bontà di un dio non ben precisato, decide di spendere 3000 $ per fare un quadro gigante con raffigurate le facce di lei e Penny. Sfortunatamente non vedremo mai il nudo artistico che ci rivela Amy nel finale ma diciamo che oggi apprezzo già il miracolo che ci è stato concesso.
Venendo al lato più maschio della puntata non si può non apprezzare la battaglia sul campo di basket tra Sheldon e Kripke che, grondanti di sudore, non riescono a fare un lancio decente che sia uno. A tal proposito si può passare sopra la trascendentalità della scena resa esageratamente irreale da risultare quasi kitsch. Quindi apprezziamo lo sforzo fisico dei due contendenti e lasciamo stare altri commenti sulla “fattibilità” della sfida.

PRO:
  • Il quadro gigante
  • La sfida a basket
  • Il Prof.Rothman che gira nudo e i commenti di Raji sul suo cappello
  • La triplice spiegazione di Carta-Forbice-Sasso-Lizard-Spock
  • Utilizzando la spugna con dell’acqua e del sapone il quadro può rivelare un interessante nudo artistico
CONTRO:
  • Non vedremo mai il nudo artistico del quadro
  • Sempre troppe poche battute a Raji ed Howard

Per la prima volta l’intero episodio non è sorretto solo dalla controparte maschile ma anche da quella femminile che, sforzandosi tantissimo, riesce a strappare sorrisi e risate dopo fin troppi momenti buii causati dalla loro presenza.

VOTO EMMY

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: