Wilfred 2×06 – ControlTEMPO DI LETTURA 2 min

in Recensioni by

“The master understands that the universe is forever out of control.” 

“Il maestro comprende che l’universo sarà sempre fuori controllo.”
Lao Tzu

Dopo la caduta di stile della scorsa puntata confidavo in una ripresa di stile
di Wilfred e così è stata, thanks God.
L’argomento cruciale di oggi è il controllo. Controllo delle cose, degli avvenimenti, delle persone, delle relazioni, controllo insomma.
Tutto nasce dalla necessità di presentare la sua (spero molto presto ex) fidanzata ai vicini di casa in seguito ad un incontro fortuito avvenuto in spiaggia in cui Ryan abbracciava Jenna e all’improvviso compariva Amanda, la fidanzata. Strano a dirlo ma questa volta Wilfred non c’entra niente e per quello dopo si dà da fare per rendere la cena un disastro, anche colpa di Bear stavolta.
Niente di nuovo sotto il sole ma una serie di gag ad opera di Wilfred e complice la fobia di Amanda riguardo ai cani fanno da sè la puntata. Quello che manca veramente, e che veniva maggiormente approfondito e fatto sentire agli spettatori, è il filo d’Arianna, quel filo conduttore che si segue per tutta la stagione e che serve a far sviluppare il protagonista, a farlo crescere e a migliorarlo. Qui non c’è ed è evidente.
Ormai non è più questione di pazzia o meno, in Wilfred si va avanti ogni puntata migliorando un aspetto di Ryan ma oltre a quello cosa c’è? La trama orizzontale, seppur minima, della prima stagione serviva a capire perchè diavolo stavamo davanti allo schermo a vedere un tizio che parla ad un altro tizio vestito da cane, ma qui invece? Non c’è nulla, nè un accenno al perchè Ryan riesce a vedere Wilfred, nè un pizzico di trama orizzontale con tanto di riavvicinamento a Jenna per mandare a farsi fottere Amanda e più nello specifico Allison Mack.

PRO:
  • Le scuse inventate da Ryan
  • Amanda viene resa un minimo più “simpatica” grazie a questo episodio
  • Wilfred che tiene su la baracca insieme all’alcolista Bear
  • Il video di Jenna
CONTRO:
  • Allison Mack in toto

Insomma al di là di un piacevole episodio c’è poco o nulla, speriamo che con l’arrivo del season finale si smuovino un po’ le acque…

VOTO EMMY

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: