Men At Work 1×01 – 1×02 – Pilot – Milo Full Of GraceTEMPO DI LETTURA 2 min

in Recensioni by

Ogni anno stessa storia e la roulette delle sitcom è più letale di quella russa, non si sa mai cosa può venir fuori ma 4 serie su 5 sono da buttare nel dimenticatoio. Men At Work è quella che si salva.
La noia, la scontatezza e il riciclo di idee fanno mucchio e garantisco a
quelle 4 sitcom una fine giusta ed indecorosa perchè, pur avendo attori talentuosi, la trama fa schifo. Questa serie, pur non discostandosi dal solito tran tran dei quattro migliori amici in cerca di ragazze, ha però qualcosa di diverso che la rende meritevole di qualche attenzione ed un briciolo di fiducia.
Il plot più che banale tratta di quattro ragazzi sulla trentina che lavorano nella redazione di un magazine e a parte quello sono, scontatamente, il più dissimili possibile l’uno dall’altro. C’è il protagonista, Milo, interpretato da un indimenticato Hyde di That 70’s Show ora più maturo e barbuto; troviamo in seguito una vecchia conoscenza degli amanti di The O.C., Tyler che dà l’idea di essere il metrosexual del gruppo; Neal, il più pacato del quartetto nonostante sia insieme alla figlia del capo, è stato per qualche tempo la nemesi di Buffy (ricordate Warren nella 6° stagione?); ed infine arriva lui, Gibbs, la vera star comica della serie che, stando a queste due puntate, è rinomato per essere un conquistador e un maniaco di caffè.
Dopo questo “doveroso” riassunto non resta che spiegare cosa rende diversa questa comedy da tutte le altre: niente. E’ un po’ come chiedere che differenza c’è fra la Coca Cola e una sottomarca qualsiasi di Cola, la differenza sta solo nell’originalità e nell’evitare la banale copiatura aggiungendo qualcosa di prettamente personale. Può essere l’ambientazione diversa, la caratterizzazione dei personaggi, la mole di guest star in già soli due episodi, scegliete voi ma comunque la vogliate mettere Men At Work ha carattere da vendere e soprattutto fa ridere e non solo sorridere. Dategli una possibilità.

PRO:
  • Gibbs e la sua mania del caffè
  • La donna delle pulizie di Tyler che si bomba Gibbs
  • Atmosfera tipicamente maschilista
  • C’è J.K. Simmons!!!
  • Ragazze a profusione
  • Si ride di gusto
CONTRO:
  • Forse troppo scontato la caratterizzazione dei 4 protagonisti

20 minuti liberi ce li abbiamo tutti quindi, invece che guardarvi schifezze varie stile Happy Endings, guardatevi questa, potrebbe ricordarvi le atmosfere di Man Up ma è molto meglio!

VOTO EMMY

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: