Wilfred 2×10 – HonestyTEMPO DI LETTURA 2 min

in Recensioni by

“Honesty and transparency make you vulnerable. Be honest and trasparent anyway..” 

“Onestà e trasparenza rendono vulnerabili. Sii onesto e trasparente lo stesso.”
Madre Teresa

Per un certo periodo ho pensato che avessero silurato Jenna, insomma non ha senso tralasciarla avendo a
disposizione un’infinità di trame grazie a lei e al rapporto con Ryan. Vabbè che c’è crisi economica ma non è il caso di stare a speculare sulla dsua presenza nello show.
A spiegare la sua assenza è la stessa Jenna che pragmaticamente ammette di abusare della cotta che Ryan prova per lei affinchè lui tenga compagnia a Wilfred. Non male come modo di fare visti i luoghi comuni sulle bionde.
Ciò che è interessante di questa ammissione di colpevolezzaè il fatto che non nasce spontanea e, come per Ryan, è frutto di molte puntate passate in attesa che venisse a galla ma abbiamo dovuto aspettare un titolo come “Honesty” che rendesse giustizia a tale prova di coraggio per poterla vedere. Coraggio perchè per essere onesti bisogna essere coraggiosi e rischiare di far male agli altri invece che continuare a proteggerli nell’ignoranza dei fatti e da Wilfred si può solo che imparare. Sempre a proposito di coraggio, speriamo che gli sceneggiatori osino un po’ di più e utilizzino maggiormente il personaggio di Jenna perchè la nostra Squishy Tits merita maggior attenzione,
La lezione di oggi è importante ed è l’ennesimo piccolo panso che si fa per affrontare al meglio lo spauracchio finale del Signor Newman, verosimilmente presente nel season finale dove autore e regista è lo stesso Zuckerman, mente dietro show.
Una doverosa citazione va fatta all’autore dell’episodio Jason Gann, l’interprete di WIlfred, che torna a fregiarsi del titolo di autore come già nella 2×07 e fatalità l’umorismo di questi due episodi è molto particolare e godibile seppur non memorabile quanto a trama, si sà che Zuckerman vuole avere le redini della carovana.
A parte i monologhi di Wilfred, sempre eccezionali e fuori luogo specialmente nel ruolo di regista, è da premiare l’idea degli autori di un amore mascherato d’odio per i gatti, davvero una bella scelta non scontata. Da applausi sono anche le riprese del video del gatticida con un Elijah Wood così terrificante da ricordare la sua interpretazione di Kevin in Sin City, così intenso che per un attimo ho davvero creduto di veder saltare la testa del gatto. Comunque alla fine ci hanno pensato i dobermann…
PRO:
  • Le riprese del gatticida che sodomizza e poi ammazza i gatti
  • La scoperta di una botola sotto il tavolo con dei gatti dentro
  • Una botta di vita alla trama orizzontale
  • Il ritorno di Jenna
CONTRO:
  • L’ombra del padre di Ryan cresce inesorabile alle sue spalle

La svolta nelle dinamiche tra semplici vicini a veri amici dovrebbe portare più Jenna nei prossimi episodi, ce lo auguriamo tutti ma ora sembra ancora più probabile. 

VOTO EMMY

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: