Raising Hope 3×05 – Don’t Ask, Don’t Tell Me What To DoTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni by
Burt è molto poco choosy: infatti afferma che non gli importa chi tra
Romney e Obama diventerà presidente perché tanto l’America è un paese
meraviglioso! E Natesville se solo esistesse sarebbe certamente la città
perfetta in cui vivere, aggiungo io. 
Questa volta troviamo Jimmy Chance alle prese con Halloween, o come lo

chiamano loro “ The Gay Christmas”, e per l’occasione Sabrina gli chiede di
uscire con il suo migliore amico Jordan e il suo compagno Elijah; nessun
problema se non fosse per il fatto che Jimmy non sa mai come comportarsi in
loro presenza. Fa figuracce e non riesce a stare dietro ai loro modi di dire,
ed è proprio per questo che decide, insieme a suo padre, di andare ad
aggiornarsi in un locale gay, il Polka Dot. Aggiornamento riuscito alla
perfezione, visto che Burt si troverà molto a suo agio tanto da voler passare Halloween
vestito da postino dei Village People anche se in realtà nei Village People un
postino non c’è mai stato, ma non diteglielo, lui è felice così. Mentre invece
i due novelli fidanzati si ritroveranno ad affrontare un altro problema: Jordan
e Elijah chiedono a Sabrina se le piacerebbe fare da madre surrogata al loro
bambino, lei accetta senza sentir ragioni e Jimmy con l’aiuto di Virginia
macchina un ingegnoso piano per far cambiare idea ai due ragazzi, ma ovviamente
fallirà miseramente. Anche questa puntata finirà con un bellissimo Happy Ending
che vedrà Jimmy e Sabrina riappacificati mentre Jordan e Elijah sceglieranno
per l’affitto dell’utero un’altra ragazza e Virginia vestita da Charlie Chaplin
raggiungerà Burt al Polka Dot.
Posso dire senza alcun dubbio che questa è stata una delle puntate più
divertenti di sempre, tutte le volte che penso che gli autori non possano fare
meglio di come già stanno facendo ecco che spunta un episodio di questo
calibro. Venti minuti senza smettere di ridere o ridacchiare, e quando non si
rideva era perché si era troppo impegnati a sospirare per la dolcezza di Hope
vestita come Dorothy del mago di Oz. (guardate la foto e capirete) Tra Burt che
gioca da solo a battaglia navale davanti allo specchio e Barney che mascherato
da Hulk ha una reazione allergica e butta all’aria il supermercato non saprei
dire chi dei due è stato più divertente.
Certamente mancava Maw Maw, ma nonostante la sua assenza sono riusciti a
far divertire comunque, anche se non nascondo che avrei voluto vedere la sua
reazione davanti a un Burt che si atteggia a ballerino gay.
PRO:

  • Il Charlie Chaplin di Virgina scambiato per Hitler da Burt.
  • Hope è la dolcezza personificata, anche quando prende a calci il padre
    per avere il ciuccio.
  • Barney Hulk con l’allergia e la battaglia navale solitaria di Burt.
  • Jimmy che prende lezioni di omosessualità al Polka Dot. 
CONTRO:

  • L’assenza di Maw Maw.
Raising Hope è una comedy che riesce a trasformare una piccola cittadina
in un teatro comico in piena regola, e soprattutto punta alla semplicità
nonostante l’assurdità di alcune situazioni, ed è proprio per questo che fa
così ridere. Credo che sia un piccolo capolavoro, e dato che è così poco
conosciuta in Italia vi invito a seguirla, 
e fidatevi, una volta conosciuti i Chance non potrete più farne a meno.
Questa puntata in particolare è stata geniale e ha anche toccato temi delicati
con dolcezza e delicatezza. Complimenti come sempre a Greg Garcia e a tutto il
cast!

VOTO EMMY

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: