);

True Blood 7×07 – May Be The Last TimeTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni by

Ora basta. Ho atteso qualche puntata cercando di salvare il salvabile, di trovare un briciolo di quello che mi legava a True Blood e a quello che lo show ha rappresentato ma, dopo questo episodio orrendo, non ho più idea di che cosa stia guardando.
In sette stagioni, questa è una delle puntate peggiori, insulse e non-sense; non di quel WTF? che tanto ci
intratteneva e che una sua coerenza l’ha sempre avuta, ma la più totale assenza di nuove idee unita alla prevedibilità, pura e semplice. Mi chiedo perchè Buckner&Co. abbiamo deciso di gettare al vento i propositi di riportare il prodotto alla figata che era inizialmente, abbandonando all’indecenza sia gli spettatori che gli stessi attori.
Mi sento abbastanza frustrata e presa in giro, nel dettaglio vediamo perchè.
Sookie e Bill: va bene il primo amore, la fairy vagina, il riferimento alla prima stagione con la biondina che corre dal suo vampiro vestita di bianco, però che noia. Oltre al fatto che sapevamo dell’imminente copulazione, con annessa la passionalità di due comodini, il tentativo da parte di Sookie di salvare Bill è inutile e priva di qualsivoglia tensione narrativa. Il breve ritorno della Dott.ssa Ludwig e Nonno Niall è anche carino ma niente di più: avevamo già intuito che il sangue di fata accellera il processo e che la morte è qualcosa da accettare. Senza considerare, ancora una volta, i flashback sulla vita umana di Mr. Compton: a cosa servono? Perchè? Nessuna risposta e mancano tre episodi al finale.
Puntata di ritorni: a Bon Temps arriva Hoyt con fidanzata gnocca. Jason, di nuovo, si sente attratto dalla ragazza dell’amico; con tutto il casino del triangolo Hoyt-Jessica-Jason accaduto tempo fa, gli autori hanno sentito la necessità di farci rivivere la cosa, anche solo per un momento, mandando a quel paese l’evoluzione personale del giovane Stackhouse e il suo sentimento ritrovato per la Rossa.
Violet si vuole vendicare di Jessica: c’è bisogno di coinvolgere Adilyn? Certo! Per rendere un minimo drammatica la situazione, che tanto, non interessa a nessuno.
Arriviamo alla parte che sopra ogni altra mi ha fatto pensare di aver sottratto minuti preziosi alla mia vita: fino a questo momento i segmenti dedicati a Eric, Pam e Sarah erano quelli che tenevano in piedi la baracca, che ancora resistevano allo scempio. Grazie a “May Be The Last Time”, perdiamo interesse anche verso di loro. Intendiamoci: restano comunque i frangenti migliori dell’episodio ma è tutto dire.
Il vampiro vichingo, che ha sempre dimostrato un certo orgoglio e una certa coerenza, si lascia convincere a fare da testimonial per il “New Blood”, praticamente il “True Blood” curativo con il sangue sintetizzato della Newlin. Ma perchè???? Perchè, abbassarsi ad accettare un compromesso in denaro, Eric, non ne hai bisogno!
Dulcis in fundo, il siparietto blasfemo-idiota in cui è coinvolta Sarah: per quanto io abbia apprezzato il brevissimo ritorno di Steve (come per Russel Edgington, che Lilith l’abbia in gloria), tutta la scena, che avrebbe dovuto risultare comica ma al tempo stesso profonda, è soltanto ridicola. La Newlin che si proclama il Messia, cosa ovvia visto che vuole vivere, non ha quell’aura veramente mistica di Billith, per esempio. Niente, il vuoto, l’ennesima occasione sprecata, anche solo per realizzare della satira ben fatta sulla religione: bei tempi quelli della Compagnia del Sole!
Ad oggi, continuano le mille trame, i personaggi sono l’ombra di ciò che erano e se l’intenzione di arrivare “True To The End” era semplicemente ristabilire lo status quo della prima stagione, allora l’obiettivo è centrato: New (True) Blood, i vampiri si salvano e convivranno con gli umani. Se invece, si voleva chiudere il cerchio con il botto, in modo diverso, dico: autori, lo state facendo molto male.

PRO:

  • L’incursione di alcuni ex-personaggi
  • Nonostante l’assurdità, Eric e Pam, fanno sempre la loro figura
CONTRO:
  • Tutto il resto, il riproporsi delle solite dinamiche e l’introspezione dei personaggi pari a zero
Questo episodio è lo spartiacque tra quello che True Blood era e prometteva di tornare ad essere e quello che è: un concentrato di banalità. Siamo agli sgoccioli, solo un miracolo potrà trasformare le ultime puntate in qualcosa di buono. Intanto la delusione si fa sentire e siamo ben lontani dalla sufficienza.
Karma 7×06 3.3 milioni – 1.8 rating
May BeThe Last Time 7×07 3.4 milioni – 1.7 rating

VOTO EMMY

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: