Mozart In The Jungle 1×01 – PilotTEMPO DI LETTURA 5 min

in Recensioni by

In un regime di democrazia che sembra troppo irreale per essere vero, Amazon continua a far scegliere al pubblico ciò che vuole vedere ed il popolo ha decretato che vuole vedere un’intera stagione di Mozart In The Jungle. Non si tratta di una versione fantasy di Wolfgang Amadeus Mozart che impara a suonare e comporre come Tarzan. ma bensì di una trasposizione sul piccolo schermo dell’omonimo libro “Mozart In The Jungle: Sex, Drugs And Classical Music”, non un romanzo ma bensì una raccolta di memorie dell’oboista Blair Tindall che racchiude eventi ed esperienze del periodo passato nella “jungle” della Grande Mela mentre lavorava alla New York Philharmonic ed in vari show di Broadway. C’è una cosa che è bene chiarire fin da subito: la visione della serie è adatta agli amanti della musica classica che sicuramente coglieranno molte più sfumature dello spettatore medio, tuttavia anche quest’ultimo può guardarlo senza problemi, magari cogliendo meno sfumature prettamente musicali.
Per la trasposizione del libro della Tindall si sono mossi Roman Coppola, figlio del più celebre Francis Ford e fratello di Sofia, Jason Schwartzman, cugino di Roman, e Alex Timbers, scrittore e direttore di svariati spettacoli teatrali di Broadway. Insomma, gente con un certo fiuto e acume ed un paio di esperienze alle spalle sia in tv che in teatro. Il trio Coppola-Schwartzman-Timbers segue l’impronta che Amazon ha voluto dare a The Cosmopolitans scegliendo quindi il filone radical-chic e cavalcando l’onda di rinnovamento alternativa che il “network” sta portando nel mondo seriale. Mozart In The Jungle è un prodotto che, pur basandosi su fatti e personaggi realmente esistiti, calca un po’ troppo la mano per rendere l’ambiente dei musicisti newyorkesi una èlite di incompresi che non viene riconosciuta per i suoi reali valori e attributi, qui però è giusto spiegarsi meglio. L’idea che passa è che il prototipo del musicista medio stia solo con i propri simili, cioè persone che lavorano in orchestre, a Broadway o comunque in teatro, non contempli la possibilità di frequentare persone non acculturate o che non appartangeno ad un ceto elevato o, al massimo, siano artisti, anche essere ballerini della Juliard va bene. In questo clima molto “alternative”, si respira una certa puzza sotto il naso mista ad umiltà qualora l’occasione lo richieda, nello specifico, e qui arriva il punto, la stragrande maggioranza degli individui appartenenti a questa classe sociale prova a risaltare dimostrando le sue qualità in ogni modo e ogni occasione può rappresentare la possibilità di una svolta. Ovviamente la frustrazione e gli sforzi compiuti nei vari tentativi aleggiano negli occhi di ciascun musicista, musicisti che devono essere tutti visti come predatori in una savana, pronti ad azzannarsi l’un l’altro appena possibile e se esiste la possibilità di salire la scala sociale. Nel mentre si usa qualsiasi vizio come anestetico per il proprio status da “underdog”.
L’abuso di droga, alcol e sesso viene espresso sin troppo bene in un “Pilot” che, invece di puntare alla tridimensionalità di tutti i personaggi, preferisce evidenziarne solo un paio, Rodrigo e Hailey, per risaltare invece il modo di vivere, la frenesia ed i vizi che albergano in ciascuno di loro. La musica diventa quindi un pretesto per entrare in un mondo fatto di festini, “giochi della bottiglia” che si trasformano in tristi “music battle” a colpi di flauto e clarinetto, ed un più che smodato appetito sessuale, neanche fossimo negli anni ’70. Tutto ciò, se da un lato è apprezzabile perchè definisce molto bene l’ambiente e l’atmosfera, dall’altro rende difficile l’apprezzamento di personaggi che si distaccano veramente troppo dal modello comune. Rodrigo, il nuovo eccentrico e geniale direttore, pur essendo il protagonista insieme a Hailey, non riceve il giusto spazio, o meglio lo riceve ma viene fatto passare quasi come un “villain” pronto a ribaltare completamente gli ordini creatisi nell’orchestra e quindi pronto a “danneggiare” l’ecosistema che vige da tempo. Hailey dal canto suo riesce a far breccia nello schermo ma risulta sopra le righe in ben più di un momento per merito/colpa del suo appetito sessuale e del suo estro decisamente poco gestibile. Entrambi i personaggi meriterebbero un maggior minutaggio per essere analizzati correttamente, minutaggio che questo “Pilot” non offre loro, e, di conseguenza, il risultato è quello di una prima brutta e superficiale impressione che solo una stagione completa può sovvertire.
Il pubblico ha scelto Mozart In The Jungle perchè diverso dalle altre serie ma sicuramente non lo ha scelto per i suoi protagonisti. Certi spunti che vengono lanciati durante il “Pilot” sono interessanti e sicuramente verranno sviluppati in seguito, tuttavia sarebbe stato meglio parlare meno di sesso e focalizzarsi di più sull’introspettività dei character. Chance sprecata almeno nel pilot.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Ottima caratterizzazione dell’atmosfera che si respira tra i musicisti newyorkesi
  • Frenetici cambi di scena
  • È ben espressa la passione che prova ciascun protagonista di fronte a musica e a tutte le altre forme d’arte, compreso il sesso
  • Eccessivo calcare la mano sul fattore sesso solo per movimentare le cose
  • Decisamente poco tempo sfruttato per caratterizzare i protagonisti
  • Rodrigo, pur essendo il protagonista, non cattura nè per simpatia nè per impronta scenica
A dispetto di tutte le critiche portate avanti fino ad ora, il “Pilot” risulta sufficiente se non altro per la caratterizzazione alternativa che propone, per l’attenzione al dettaglio musicale e per l’atmosfera che trasuda. Tuttavia va riconosciuta l’esistenza di difetti macroscopici e anche il fatto che una serie del genere sicuramente non è destinata ad un pubblico mainstream, anzi. Siete avvertiti.
Pilot 1×01 ND milioni – ND rating

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: