);

Grey’s Anatomy 11×09 – Where Do We Go From HereTEMPO DI LETTURA 4 min

in Grey's Anatomy/Recensioni by
Rendersi conto che un rapporto è ormai saturo e giunto ai limiti della sopportazione umana è una cosa che solitamente destabilizza ambedue le parti perché chiarisce e sottolinea come la coppia non sia riuscita ad appianare diverbi o errori di percorso, ingigantendo forse quanto di negativo accaduto.
Il rapporto di Grey’s Anatomy con il proprio pubblico dovrebbe essere così, ma purtroppo non lo è: c’è una parte -il pubblico- che si è ormai resa conto delle continue mancanze sia recitative, sia relativamente alla trama ormai scarna e sfilacciata; c’è una parte però -la produzione della serie- che fa buon viso a cattivo gioco accontentandosi del nutrito gruppi di spettatori che ad ogni puntata registra, senza preoccuparsi di ciò che realmente la serie sta diventando puntata dopo puntata e stagione dopo stagione.
E’ naturale che ci sia un fisiologico decadimento strutturale dopo i numerosi anni di messa in onda, ed il continuare a riportare queste note dolenti (di cui si era già parlato in questa recensione ed in quest’altra) certo non è indispensabile ma serve a sottolineare quanto affetto ci fosse per il vecchio Grey’s Anatomy, quello che abbiamo conosciuto, apprezzato ed amato con il passare degli anni.
Ma, ahimè il tempo passa per tutti e guardarsi alle spalle certo non migliora le cose e non rende più facile il sopportare questo degrado.
La pausa natalizia ci aveva portato in dono due situazioni congelate: una sul versante Derek e Meredith che sono tornati a litigare non per ragioni ammissibili, ma per volere di trama; l’altra sul versante Jackson e April, i quali ci regaleranno almeno fino a fine stagione una lunga e sofferta apatia. E’ da sottolineare in questo caso perché ogni qual volta April compare sullo schermo, al caro spettatore non può che passare per mente il suicidio vista la mole di gioia e voglia di vivere che pervade la cara e dolce Kepner.
Sul primo versante non si hanno nuove o sconcertanti notizie se non quella che il caro McDreamy andrà a Washington, pur promettendo a Meredith che il loro rapporto reggerà e continuerà a funzionare. Ma sarà davvero così? Conoscendo Shonda e visto lo spiraglio lasciato aperto, sicuramente qualcosa accadrà e sconvolgerà gli equilibri. Ma è troppo presto per dirlo.
Per quanto concerne la nuova coppia di infelici (Jackson e April) tranne i continui battibecchi e la voglia del caro sposino di stare accanto alla sua donna in questo delicato momento, non sappiamo niente di più. Si fa sempre più strada la già paventata ipotesi, nella scorsa recensione, che la nascita del figlio della Kepner coinvolgerà Arizona.
Torna, dopo essere scomparso dalla luce dei riflettori, Owen. Ma semplicemente per sottolineare quanto gli manchi Cristina, non che si fosse notato visto quanto il personaggio sia stato messo in sordina e nascosto dopo l’abbandono di Sandra Oh. Ed anche il pianto di Meredith, conscia della sua attuale solitudine -priva del marito e di Cristina- serve ad evidenziare come la mancanza dell’attrice in questa stagione abbia appesantito i personaggi. La mancanza della sua sagacia, delle sue battute taglienti e della sua acidità smodata si sentono e privano di un pezzo fondamentale questa serie: quel collante che teneva uniti parecchi personaggi. E’ quindi naturale che Meredith dica “ho bisogno di una Persona“. Anche lo spettatore un po’ sente la mancanza di Cristina, ma giusto un poco.
Lasciati da parte le questioni di coppia, la puntata è piatta e praticamente nulla: nessun caso coinvolgente o di alto interesse, nessuno sconvolgimento in arrivo. Il nulla.
A ciò va anche aggiunto quanto i personaggi di Alex, Richard, Jo e Miranda siano stati tenuti fuori dai giochi in questa blanda e desolata puntata di inizio anno. Forse per salvaguardarli, o forse per potersi concentrare meglio sui personaggi sui quali la lente d’ingrandimento si era fermata nella conclusione della scorsa puntata. Purtroppo però se le carte non vengono giocate tutte, è difficile poter vincere la partita. O quantomeno racimolare un risultato positivo.
THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Arizona e il suo riuscito piano nel convincere la Herman a farsi operare. Seppur seguendo il suo scellerato “piano”
  • La scena del pianto di Meredith
  • April ed i suoi continui piagnistei 
  • Derek e Meredith: nessun cambiamento. Paralisi di trama
  • Nessun caso coinvolgente
  • Ridateci Sandra Oh
Le puntate più succulenti ancora devono arrivare e vedremo che argomento porteranno in seno come principale: Derek-Meredith ed il loro rapporto in frantumi, oppure qualche nuova notizia riguardo April e Jackson? Gli argomenti principali e tematici della stagione ormai sembrano questi.
Se ne aggiungeranno altri? Potrebbe darsi.
Risk 11×08 8.33 milioni – 2.4 rating
Where Do We Go From Here 11×09 8.71 milioni – 2.8 rating

Conosciuto ai più come Aldo Raine detto L'Apache è vincitore del premio Oscar Luigi Scalfaro e più volte candidato al Golden Goal. Avrebbe potuto cambiare il Mondo. Avrebbe potuto risollevare le sorti dell'umana stirpe. Avrebbe potuto risanare il debito pubblico. Ha preferito unirsi al team di RecenSerie per dar libero sfogo alle sue frustrazioni. L'unico uomo con la licenza polemica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: