The Man In The High Castle 1×10 – A Way OutTEMPO DI LETTURA 5 min

in Recensioni by

Most days I watch these films and every time I learn something. I know Heydrich sent you to kill me and I don’t believe you are capable of doing it. Of killing anyone, ever again. 
You were lost Rudolph, the moment you lost faith in the Reich. Not to me but to yourself.
Killing me might reconcile you with your past but it will also prompt the people who sent you to attack Japan immediately. You must take responsibility for the one or the other.

Difficile parlare di “A Way Out” senza divagare.
Innanzitutto la puntata (potenzialmente series finale) riprende esattamente da dove finì “Kindness“, cioè da un cliffhanger a cui neanche Damon Lindelof avrebbe potuto pensare, figuriamoci spiegare. L’ultima ora di The Man In The High Castle parte subito in salita avendo l’impossibile compito di portare a termine tutte le storyline iniziate e protratte fino a qua, di conseguenza il tempo per elaborare una teoria accettabile del filmato sicuramente non è contemplata.
Si cincischia molto in questo season finale ma lo si fa consci del tempo a disposizione e soprattutto con la speranza che Amazon conceda un sospirato rinnovo, arrivato proprio mentre si sta scrivendo questa recensione. Spotnitz costruisce infatti “A Way Out” come la fine di una prefazione per una storia a più ampio respiro, il finale ne è la prova. Non si può guardare l’ultima scena e rimanere impassibili, senza fare alcune smorfie di dolore o gioia, semplicemente non si può. The Man In The High Castle è stato costruito per essere il rappresentante di una categoria ucronica e, come tale, mirava alla riproduzione fedele di un mondo privo di fantascienza ma ricco di immaginazione. Il viaggio del Ministro del Trasporto Tagomi è un salto dello squalo pazzesco, uno di quegli eventi da cui non si può tornare indietro e che stravolge completamente non solo la serie ma anche il genere stesso. The Man In The High Castle era ucronico fintanto che la realtà non fosse invasa dalla fantascienza (e non il contrario, è importante sottolinearlo), nel momento esatto in cui Tagomi viaggia tra il suo mondo e il 1960, per come lo conosciamo noi, non si può più parlare di quel genere. Non è più ucronia, è Fringe fantascienza. Ed in parte Philip K. Dick lo aveva anticipato.
Lo spettatore medio deve accettare di buon grado questa situazione per poter apprezzare l’intera serie, d’altra parte da qualche parte si doveva andare a parare e questa è una buona scappatoia anche per giustificare la provenienza delle pellicole del film The Grasshopper Lies Heavy. In un mondo tecnologicamente più avanzato di quello realmente esistito nel 1960 (“New York to San Francisco in under two hours.” come detto nel “Pilot“), la giustificazione della realizzazione di pellicole così dettagliate circa la caduta del Nazismo rappresenta un primo enorme dilemma da risolvere. Se la tecnologia è così avanzata per certi campi, per altri non lo è affatto, il cinema è uno di questi; se poi si aggiunge l’interpretazione da parte degli stessi protagonisti a loro insaputa (Frank e Joe), il tutto assume dei toni ancora più inspiegabili. La possibilità di viaggiare verso un’altra realtà, essa stessa ucronica nei confronti di quella di The Man In The High Castle, è un’ottima giustificazione per la provenienza della pellicola, tuttavia ancora poco giustificante per la presenza (puramente casuale) di Frank Frink e Joe Blake. Il cliffhanger di “Kindness” è stato costruito ad hoc, è chiaro, purtroppo alla luce di tutti i fatti fino ad ora mostrati però appare anche estremamente forzato. Ne prendiamo atto, lo apprezziamo ma ne riconosciamo anche l’abuso.
“A Way Out” chiude gran parte di tutte le trame imbastite sino a qua, sia quella ribelle di Rudolph Wegener con Hitler, sia quella patriottica dell’Obergruppenführer John Smith, sia quella amorosa/reazionaria di Frank-Juliana-Joe. La sensazione di completezza che si respira a fine puntata è sufficiente per poter contemplare l’idea che “A Way Out” sia un series finale, non sarebbe stata una bestemmia se Amazon avesse deciso di non andare avanti anche se l’ultima scena con il “viaggio” di Tagomi vale da solo come lasciapassare per una seconda stagione. E così è stato.
Philip K. Dick, prima di morire, aveva parlato più volte di un sequel letterario del suo “The Man In The High Castle”, parlato perchè, come riportato da lui stesso in diverse interviste, aveva più volte provato a scrivere il secondo libro senza però riuscirci in quanto “could not mentally bear to go back and read about Nazis again“. Due capitoli di questo libro mai finito furono pubblicati nella raccolta The Shifting Realities Of Philip K. Dick e già dal titolo si può intuire che la scelta di Spotnitz non sia stata fatta a caso ma, al contrario, stia seguendo le orme tracciate da Dick stesso. Il viaggio di Tagomi è una prima interpretazione per un sequel seriale audace che però si preparerebbe a stravolgere l’intero concept della serie e del libro, bisogna prenderne atto. Tuttavia, alla luce di ciò, si deve anche pensare alla possibilità che il Reich sia diventato quello che è esattamente per la possibilità che Hitler, raccogliendo tutte le pellicole di The Grasshopper Lies Heavy, abbia imparato dagli errori che nella nostra realtà gli furono fatali, evitandoli e realizzando il suo sogno di conquista. Speculazioni? Può essere, al momento però non abbiamo altre spiegazioni plausibili. “Most days I watch these films and every time I learn something.” ammette Hitler di fronte a Wegener, una frase che lascia trasparire ben più di quello che a prima acchito potrebbe sembrare.
Chissà se Philip K. Dick avrebbe apprezzato questa scelta, probabilmente si, noi valuteremo al termine della prossima stagione.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Ucronia che non è più un’ucronia
  • Finale aperto
  • Apparizione di Hitler
  • Chiusura di molte storyline
  • Ucronia che non è più un’ucronia
  • Alcune forzature, abbiamo visto di peggio nelle altre puntate
Con il rinnovo in tasca, The Man In The High Castle ha ora a disposizione tutto il tempo per dispiegare le ali e prendere il volo verso i lidi di eccellenza che ci si aspetta. Il primo assaggio di questo mondo è stato letale per molti spettatori nonostante alcuni dettagli (leggasi forzature) potessero far storcere il naso, la voglia di una seconda stagione ancora più densa di eventi e migliore di questa mette a Frank Spotnitz giusto poca pressione psicologica. Prego Frank.
Kindness 1×09 ND milioni – ND rating
A Way Out 1×10 ND milioni – ND rating

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

Origin 1×10 – I Am

Arrivati al capitolo finale della storia, Origin aveva il compito di concedere
error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: