Grey’s Anatomy 12×13 – All Eyez On MeTEMPO DI LETTURA 5 min

in Grey's Anatomy/Recensioni by

Un uomo con un osteosarcoma molto aggressivo alla gamba e un team che tenta l’impossibile per salvarlo sono gli elementi al centro di questa tredicesima puntata di Grey’s Anatomy.
“All Eyez On Me” si divide in due: da una parte lo staff medico che, a Seattle, si occupa di un gruppo di cheerleader insopportabili, dall’altra il dream team – composto da Callie, Bailey, Jackson e Meredith, con l’aiuto di Jo – in partenza per l’ospedale militare Bauer Medical per compiere un miracolo. Se da una parte ci si occupa di un gruppo di ragazzine alle prese con gelosie e regole sciocche (fondamentale qui è Stephanie che rispolvera il suo piglio di ex capo cheerleader), dall’altra ci si interessa ad un caso complicatissimo che potrebbe cambiare la storia della chirurgia. Se da una parte ci sono le relazioni sentimentali tra medici (Maggie-DeLuca, Amelia-Owen Hunt), dall’altra ci sono Meredith e Jackson, liberi e forse pronti per rimettersi in gioco. Se da una parte c’è la presa di posizione di Ben Warren che, per salvare un paziente, fa di testa sua non chiedendo aiuto a nessun superiore, dall’altra c’è Callie che, in un momento di panico, vede solo la complessità dell’intervento e non la possibilità di dare un futuro a un paziente.
I due “universi” sono molto più simili di quanto si possa immaginare, alla base c’è la noia. “All Eyez On Me” infatti ripropone schemi ormai triti e ritriti che denotano una mancanza di originalità di scrittura e le poche novità presenti – lo scambio di numeri tra Meredith e il dottore dell’altro ospedale – vengono trattate con superficialità. Il risultato? Poco interesse nello spettatore.
I personaggi in “All Eyez On Me” sono intrappolati nei loro stessi cliché, riproponendosi ancora e ancora – pensiamo all’ennesima discussione su quanto sia difficile il rapporto amoroso tra un superiore e un sottoposto, su quanto giovi avere una relazione con il capo.
E’ vero, quando uno spettatore guarda uno show per tanto tempo, come in questo caso, si crea un legame forte tra lui e la serie stessa, fatto di empatia e fiducia, ma nel caso di Grey’s Anatomy è veramente troppo l’uso ripetuto di situazioni, dialoghi e problemi che ormai conosciamo bene. Il pubblico infatti si aspetta anche una qualche evoluzione, una qualche audacia nella scrittura; non è lo status civile a rendere diverso un personaggio, ma la sua caratterizzazione e ciò che dice, ciò che fa. La reiterazione non aiuta una serie, va bene riconoscersi e riconoscere ciò che si vede, ma questo non vuol dire calma piatta.
I casi più complicati, le sofferenze più atroci toccano sempre alle creature create da Shonda Rhimes, sbattute di qua e di là come delle marionette sfortunate. Tra incidenti aerei, morti improvvise, malattie, pazzi con pistole, Grey’s Anatomy è arrivato alla dodicesima stagione, sperando che l’idillio con il suo pubblico non si rompa, grazie agli amori – Maggie e DeLuca iniziano una storia alla luce del sole, ma non sembra che l’uomo sia particolarmente felice, Bailey e Warren litigano, come capo e specializzando, ma poi tornano moglie e marito. Di fronte allo spettatore resta una macchina oleata fino all’esasperazione, ma rabberciata con pezzi di altre macchine.
Ciò che risulta più riuscita, in questa desolazione, è la narrazione del complesso intervento, raccontato alla maniera di Grey’s Anatomy. L’ennesima articolata operazione mette a dura prova i nostri medici – che devono essere come scoiattoli – prima fra tutte Callie, fino ad ora tenuta in disparte. La donna in questa puntata ha un ruolo più importante, dubbiosa, impaurita dal momento che si rende conto che l’intervento è definitivo e non si può tornare indietro, non teme di non essere all’altezza, ma pensa di dover trovare una diversa strategia d’intervento. Grazie al supporto di Meredith e degli altri colleghi, riesce a uscire da quel tunnel di angosce e ripensamenti, mettendo a repentaglio, nell’attesa, la vita del paziente e la reputazione dell’ospedale. “All Eyez On Me” inizia con un corpo su cui il gruppo sperimenta l’intervento, poi lo spettatore vede il corpo del vero malato su cui la Teoria si è fatta Pratica.
Ci può essere una similitudine tra la serie e quel pover’uomo sul lettino che sarà costretto a vivere con una gamba sola al centro del corpo, infatti in entrambi i casi l’oggetto viene tagliato, sezionato, irrorato e ricostruito.
Ci può essere una similitudine tra il paziente che viene tagliato da Warren con strumenti di fortuna per rianimarlo e lo show di Rhimes che viene tagliato e ricucito, sperando di allungare il brodo, sopravvivendo così ancora un po’.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • La preghiera del dream team
  • Il corpo del paziente come metafora del disfacimento della serie
  • La lite tra Warren e Webber e Warren e Bailey
  • I rapporti amorosi, primo fra tutti quello tra Maggie e DeLuca
  • Lo scambio di numeri tra Meredith e il medico conosciuto al Bauer Medical
  • La storia delle cheerleader
  • Poco ritmo e poca originalità nella storia e nel modus narrandi
  • Jackson che finge di non capire che lo stanno corteggiando
“All Eyez On Me” è una puntata noiosa, poco interessante e che, nonostante gli eventi, non tiene legato a sé il pubblico. Ogni episodio è un colpo al cuore, nulla può risollevare uno show che va avanti per forza di inerzia. Shonda Rhimes dovrebbe pensare che la vita di una serie tv è come una relazione amorosa, c’è un momento in cui è meglio chiudere, per evitare di peggiorare il tutto.
My Next Life 12×12 7.67 milioni – 2.2 rating
All Eyez On Me 12×13 7.53 milioni – 2.1 rating

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: