American Crime Story: The People V. O. J. Simpson 1×10 – The VerdictTEMPO DI LETTURA 9 min

in American Crime Story/Recensioni by

Superior Court of California, County of Los Angeles in the matter of People of the State of California “versus Orenthal James Simpson, case number BA097211. We the jury in the above-entitled action find the defendant Orenja… Orenthal James Simpson… not guilty of the crime of murder in violation of penal code section 187(A), a felony, upon Nicole Brown Simpson, a human being, as charged in count one of the information. 
We the jury in the above-entitled action “find the defendant Orenthal James Simpson not guilty of the crime of murder in violation of penal code section 187(A), a felony upon Ronald Lyle Goldman, a human being, as charged in count two of the information.

Alle ore 10 del 3 Ottobre 1995 negli Stati Uniti D’America e, solo poi, nel mondo è cambiato qualcosa: O. J. Simpson è stato trovato non colpevole per le morti di Nicole Brown Simpson e di Ronald Lyle Goldman. La non colpevolezza in sè non è quello che ha fatto cambiare qualcosa in America, è il valore intrinseco dato a questa decisione della giuria che rappresenta il vero cambiamento perchè, nel corso di diversi mesi, grazie alla strategia difensiva di Cochran ha assunto maggior importanza l’aspetto sociale degli afroamericani americani piuttosto che gli omicidi in sè. L’assoluzione da questi pesanti capi d’accusa è stata infatti viziata dal mutamento avvenuto all’interno del processo stesso che è passato dal focalizzarsi sul duplice omicidio al comportamento razzista tenuto dalla polizia di Los Angeles e nello specifico da Mark Fuhrman: era diventata una questione razziale, non più un processo riguardante un duplice omicisdio. Non è stato assolto O. J. Simpson ma si è parificato il metro di giudizio tra bianchi e neri, è questo quello che è veramente accaduto.
In maniera splendida e altrettanto accurata dal punto di vista storico, Scott Alexander e Larry Karaszewski, accompagnati da una regia molto attenta di Ryan Murphy, hanno riportato a galla un momento storico che ha cambiato l’America e a cui molti di noi non hanno potuto assistere, almeno non con il clamore mediatico e la sensibilità di un americano. In parte romanzato e in parte inventato (visto e considerato che si può solo presumere il tenore delle conversazioni tra avvocati e nel privato), The People V. O. J. Simpson è riuscito a farsi amare per la fermezza dei toni e per i vari tocchi retrò (visione degli eventi tramite immagini della televisione vere o fittizie ed interviste realmente fatte) con cui si è scelto di dipingere l’episodio. E per questo non possiamo che dire grazie perchè in questo modo si è saputo elevare il tutto.
Per tutto l’arco del processo, pur sapendo già l’esito, si è rimasti più volte interdetti circa l’effettiva validità delle prove a carico di Simpson (nello specifico per quanto riguarda la possibile manomissione ad opera di Fuhrman), così come si è rimasti più volte sorpresi dal peso che si è dato in sede di processo ad altre prove. In tal senso le arringhe finali di Marcia Clark e Johnnie Cochran, intervallate da Darden, riescono perfettamente a riassumere la difficile scelta davanti a cui giurati ed opinione pubblica si sono trovati a schierarsi e che è culminata in una scelta di assoluzione morale, come confermato dalla stesso Garcetti durante l’intervista finale alla stampa (“But it was clear to me and to the prosecution that this was an emotional trial. And apparently, the jury’s decision was based on… emotion and not reason.“).

Marcia Clark: Good morning. Jurors: Good morning. Ladies and gentlemen, we are coming close to the end, I promise. And I want you all to know how much I appreciate what you’re doing here… For justice… And to thank you all from the bottom of my heart for the incredible sacrifices that you’ve made. Thank you. 
I would like to begin by first addressing the issue of Mark Fuhrman. Just to be clear, is he a racist? 
Yes. 
Is he the worst LAPD has to offer? 
Yes. 
Should LAPD ever have hired him? 
No. 
Should such a person be a police officer? 
No. 
In fact, do we wish there were no such person on the planet? 
Yes. 
But the fact that Mark Fuhrman is a racist and lied about it on the witness stand does not mean that we haven’t proven that the defendant is guilty beyond a reasonable doubt. And it would be a tragedy if O.J. Simpson were found not guilty because of the racist attitudes of one police officer. There is an ocean of evidence that has been unchallenged by the defense. In an attempt to distract you from it, they took you through a twisted road. One moment saying the police are bumbling idiots, the next moment saying the police are cunning conspirators. They threw out alternate theories, hoping one would stick. But instead of focusing on those distractions, I ask you to consider the evidence the defense did not, and cannot, refute. 
The shoe prints at Bundy were from a size-12 Bruno Magli shoe. The defendant wears a size-12. Hair from the defendant was on the knit cap at Bundy. Hair from the defendant was on Ron Goldman’s shirt. The glove found at Rockingham contains fibers that match Ron’s hair. The glove contains fibers that match Nicole’s hair. It has Nicole’s blood. It has Ron’s blood. It has the defendant’s blood. The gloves are extra-large, the defendant’s size. Here are photos of the defendant wearing the Aris gloves at numerous football games. When limo driver Allan Park arrived, there was no Bronco out front. When he left with the defendant, there was now a Bronco parked outside. A drop of blood in the Bundy driveway matches the defendant at a rate of one-in-170-million. Nicole’s blood was on the defendant’s sock. This was a match at the rate of one-in-6.8-billion. The blood on the rear gate at Bundy matches the defendant at rate of one-in-57-billion. There are only five billion people on the planet. 
That, ladies and gentlemen, is an identification. When the defendant was informed of his wife’s death, he did not ask how she died. Think about that. He did not ask how she died. And then ask yourself, “Why?”.

Johnnie Cochran: At the outset… let me say that not one bit of domestic violence is tolerable. O.J. Simpson is not proud of some of the things that happened during his marriage. Does that add up to murder? No. Mr. Darden talked about 1985, but he missed the whole point. Something interesting happened in 1985. Mark Fuhrman responded to a call on Rockingham. He saw a white woman married to a powerful black man. He didn’t like that. He didn’t like that. ‘Cause he’s a hardened racist. 
Mark Fuhrman is the one who said, “If I see an interracial couple, I’m gonna stop them. If I don’t have a reason, I’m gonna make something up.” So you have a lying Mark Fuhrman, the personification of evil, who found the gloves. But don’t be fooled. This isn’t just one officer. Mark Fuhrman represents the entire… LAPD. 
Now, you may not know this, but you are… empowered. Your decision has a major implication both in this courtroom and outside of it. Things happen for a reason in life. Maybe that’s why we’re gathered together. Something in your background, your character, helps you to know that this is wrong. Maybe you’re the right people at the right time to be able to say, “No more.” We can’t have this.” What they have done is disgraceful. O.J. Simpson is entitled to an acquittal. They have entrusted this case to a man who says he’d like to see all niggers gathered together and killed. That is genocide. That man speaks like Adolf Hitler. 
Now, since you can’t trust the man and you don’t trust the People, is it any wonder, in the defining moment in this trial, when they asked O.J. Simpson to try on the glove and the glove didn’t fit. It didn’t fit because it wasn’t his. If you don’t stop this cover-up, who will? Send them a message. Let them know that your verdict will travel far outside these walls. 
Ladies and gentlemen, remember these words: if it doesn’t fit, you must acquit. 
If it doesn’t fit, you must acquit. 
If it doesn’t fit… you must acquit.

“The Verdict” non si distacca dalla traccia data alla serie e mantiene quel potente tenore narrativo che ha elevato la serie sopra i normali canoni televisivi. Nel momento stesso in cui lo spettatore non è più interessato a sapere come finirà il processo ma è totalmente focalizzato nel discernimento delle prove reali e di quelle fittizie date dalla difesa, vuol dire che Murphy, Alexander e Karaszewski hanno svolto perfettamente il loro lavoro. La valenza della recitazione di ogni singolo character, della regia, dell’aspetto psicologico e del taglio narrativo imparziale che si è scelto di dare alla serie sono le chiavi che hanno reso questa 1° stagione di American Crime Story encomiabile. Tutti gli attori, dal primo all’ultimo, compreso il plastificato John Travolta, sono riusciti nel difficile compito di risultare credibili e perfino David Schwimmer in questo season finale è riuscito a riscattarsi dando al suo personaggio un senso: “I’m done Jason“.
Un Cuba Gooding Jr. in splendida forma ha poi dato vita ad un introverso O. J. che qui, in maniera del tutto pretestuosa e teatrale (ma lo si può concedere alla serie visto che raramente si è addentrata nella “fantascienza narrativa” della vicenda), ha esternato senza parole tutto il dolore e la solitudine di un uomo che, pur essendo con tutta probabilità il responsabile dei due omicidi, è meno libero ora rispetto a quando era in carcere. Nel taglio emotivo dato a O. J. Simpson si denota una sofferenza non dettata dal senso di colpa per quanto accaduto (ricordiamo infondo che la 1° domanda posta ai poliziotti non è stata come è morta Nicole) ma dalla perdita del suo status sociale: ripudiato dai suoi vicini di casa di Brentwood dopo il processo, abbandonato dal suo migliore amico Robert Kardashian dopo aver capito la sua totale assenza di morale e la sua responsabilità nel duplice omicidio, totalmente senza alcun amico/conoscente alla sua festa di bentornato. O. J. Simpson è uscito dal carcere guadagnando la libertà ma si è distrutto totalmente la vita di lusso e di fama costruita negli anni. Il crollo di un mito, la caduta di un eroe americano, l’inizio dell’uguaglianza sociale.
Era solo il 1995, 21 anni fa. Ora appare impossibile pensare ad una situazione del genere, tutto sempre estremamente distante dalla realtà odierna, dannatamente arcaico e bigotto per le ultime generazioni, eppure era così. “The Verdict” è qualcosa di più di un semplice season finale, è un documento storico ricreato per non dimenticare il razzismo americano e non.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Recitazioni impeccabili
  • Attenzione ai dettagli storici come interviste e parole
  • Estremamente interessante la resa nel pubblico e nel privato della sentenza
  • Regia perfetta
  • Niente

 

La 1° stagione di American Crime Story si conclude in maniera epica così come era cominciata. Siamo di fronte ad un mezzo capolavoro e non possiamo che attendere in maniera spasmodica che questo piccolo miracolo si ripeta con la prossima stagione.

 

Manna From Heaven 1×09 2.75 milioni – 1.1 rating
The Verdict 1×10 3.27 milioni – 1.3 rating

 

Sponsored by American Crime Story Italia

 

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: