12 Monkeys 2×06 – ImmortalTEMPO DI LETTURA 5 min

in 12 Monkeys/Recensioni by
A un passo dal giro di boa stagionale 12 Monkeys mette in scena una puntata che, utilizzando una terminologia da bar, fa il suo dovere, senza la pretesa di essere nulla di più che un episodio riempitivo. Sfruttando l’elemento più “catchy” di questa seconda stagione, la spettacolarizzazione delle diverse epoche storiche, questa settimana gli autori ci catapultano negli anni Settanta, optando, tra le altre cose, per un’opening rockeggiante sulle note di Slow Ride dei Foghat, con annesso primo piano tamarro della coppia Cole/Ramse in stile Miami Vice a dare il via all’episodio.
Come di consueto, cominciamo con una brevissima sinossi per tenere sotto controllo l’avanzamento nelle diverse timeline, dopodiché procediamo con l’analisi della puntata. In Immortal la narrazione appare compartimentata in tre segmenti narrativi fortemente scollegati tra loro, ambientati in tre linee temporali differenti e in altrettante location. Al 2044 il compito di aprire e chiudere l’episodio: nulla da dire per quanto concerne la trama, questa settimana in fase di stallo nel “presente” di Katarina e colleghi; discorso differente per l’aspetto emotivo, quasi interamente concentrato in quest’epoca, prima con lo scambio di battute tra Ramse e suo figlio e infine con la dimostrazione di amore fraterno tra i due viaggiatori, fra imbarazzo e finto machismo da osteria. Un discorso differente va fatto per le altre due timeline, centro dell’azione e soprattutto fulcro narrativo dell’intero episodio. Nel 1975 i due compagni di viaggio rintracciano Kyle Slade, noto serial killer oltre che Primario, scoprendo la ragione nascosta dietro l’uccisione delle sue vittime: uccidere gli altri Primari per impedire ai Messaggeri di scatenare paradossi temporali. Nel 2016, invece, Cassie entra in contatto con il Testimone, presentatosi con le sembianze di Aaron, dando adito inizialmente ai timori espressi nella precedente recensione, rivelando infine la sua natura ingannevole e polimorfica. Il piano escogitato dal creatore dell’esercito delle 12 scimmie viene finalmente svelato: cancellare il tempo per annullare la morte. Mostrato il suo inganno, il Testimone sparisce, lasciandoci con lo sguardo “posseduto” di Cassie e, nuovamente, con una marea di dubbi sulla sua reale identità.
Cassie: “He told me he wants to destroy time, so there’d be no more death. He made it sound almost beautiful.
Jennifer: “Well, it’s not. Death is like everything. It’s a time clock that makes us better. Make us love harder. I don’t know, I think it’s like, maybe, what makes us human.
Quando si ha a che fare con produzioni televisive tratte da opere cinematografiche già esistenti la differenza nel minutaggio a disposizione, smisurato in relazione alla canonica ora e mezza da film, conduce, prima o dopo, ad episodi come “Immortal”, le cosiddette puntate riempitive, tendenzialmente autoconclusive e caratterizzate da una forte staticità narrativa. Nonostante il prodotto ideato da Matalass e Fickett abbia mostrato fin da principio una sua identità, utilizzando l’opera madre solo come traccia iniziale – oltre che come trampolino mediatico – e discostandosi dagli eventi mostrati nel lungometraggio diretto da Terry Gilliam, era inevitabile che prima o dopo si giungesse a episodi (parzialmente) filler come questo, costruiti sulla spettacolarizzazione del time travelling. A voler essere del tutto onesti, qualche piccolo avanzamento diegetico viene mostrato, più che altro finalizzato ad alimentare la già considerevole curiosità in merito all’identità del Testimone.
Essendo appunto un episodio di transizione, possiamo focalizzare la nostra attenzione sull’unico segmento narrativo realmente interessante, relegato praticamente agli ultimi dieci/quindici minuti di puntata. “Immortal” trae tutta la sua forza dalla continua alternanza tra 1975 e 2016, realizzata in maniera impeccabile tramite un’ottima gestione del montaggio. Il viaggio di Cole e Ramse, inizialmente al centro della narrazione, finisce per risolversi unicamente nell’uccisione di Kyle Slade, lasciando invece a Cassie e Jennifer il ruolo centrale per quanto riguarda l’avanzamento della trama principale. Nella sequenza appena citata, il parallelismo tra i dialoghi dei protagonisti, entrambi incentrati sulla Red Forest, viene ulteriormente valorizzato dall’impeccabile soluzione di montaggio, offrendo contemporaneamente allo spettatore due visioni diametralmente opposte del piano elaborato dal misterioso Testimone.
Allo stesso tempo assistiamo all’ennesimo ribaltamento psicologico tra Cole e Cassie, il primo nuovamente disposto a tutto pur di riportare ordine, la seconda alle prese con i dubbi relativi al piano dell’esercito delle 12 scimmie, rivalutato in seguito alla rivelazione circa l’annullamento del tempo e dunque la conseguente impossibilità di morire da parte degli esseri umani. Saranno le parole di Jennifer (riportate poco sopra), paradossalmente, a portare chiarezza nella testa di Cassie, visibilmente sconvolta dopo la lunga chiacchierata con la proiezione del suo amato Aaron. La “possessione” finale di Cassie, durante la quale la dottoressa assume gli occhi neri del Testimone, mescola nuovamente le carte in tavola, proiettandoci verso un settimo episodio che, certamente, cambierà in maniera definitiva i delicati equilibri della serie.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Coppia Cole/Ramse molto affiatata
  • Spettacolarizzazione delle varie epoche storiche
  • Montaggio alternato nella sequenza in cui si parla della Red Forest nelle due diverse timeline
  • Sequenza finale
  • Rischio di puntare su episodi autoconclusivi e procedurali
  • Ruolo di Cassie troppo centrale rispetto all’interesse spettatoriale rivolto al suo personaggio

 

Arrivato quasi a metà del suo percorso stagionale, 12 Monkeys confeziona un episodio assolutamente godibile dal punto di vista dell’intrattenimento ma che in fin dei conti aggiunge ben poco in termini di avanzamento narrativo. L’episodio si configura come una sorta di filler, sviluppato con l’intento di mostrare l’ennesima epoca storica in cui il virus non ha ancora mietuto vittime, sollecitando ulteriormente la curiosità dello spettatore grazie alla sequenza finale con protagonista Cassie. In virtù di ciò, questa settimana salviamo, confidando per un maggior approfondimento diegetico nel prossimo episodio, Meltdown.

 

Bodies Of Water 2×05 0.37 milioni – 0.1 rating
Immortal 2×06 0.35 milioni – 0.1 rating

 

 

 

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

12 Monkeys 3×08 – Masks

Nel 1842 il maestro della letteratura fantastico-orrorifica statunitense Edgar Allan Poe pubblica The
error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: