Shameless 7×01 – HiraethTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/Shameless by

Hospital said nobody came looking for me.

Il termine “hiraeth” è un termine gallese di cui non esiste una diretta traduzione ma che potrebbe tranquillamente essere affiancato al più celebre “saudade”. È la hiraeth di Frank quella di cui si fregia il titolo ma , subdolamente, è un termine molto più riflessivo di quanto potrebbe poter sembrare e che, volendo, si potrebbe anche accostare al precoce ritorno su Showtime della serie. “Shameless is back” dopo solamente 6 mesi, un lasso di tempo relativamente breve, causato da bisogni della rete via cavo Showtime. Generalmente, come ben sapete, Shameless è solito ritornare sugli schermi agli inizi di Gennaio, quest’anno sarà Homeland a prendere il suo posto nel palinsesto, scelta dovuta alle tempistiche di produzione più lente di quest’ultima serie, un contrattempo che i fan della famiglia Gallagher non possono far altro che benedire.
Stagione dopo stagione è sempre più evidente che questa serie abbia due pregi molto “rari”: essere costantemente  in evoluzione, sia per quanto riguarda la trama sia per quanto riguarda i personaggi, ed essere avanti con i tempi. Per avanti con i tempi si intende l’avanguardia con cui la serie di Wells affronta problemi dei nostri giorni, problemi reali che una persona, o una famiglia, potrebbe dover affrontare davvero. Grazie a queste qualità Shameless può essere indicata come il drama in cui gli spettatori si riescono ad identificare maggiormente con i character. Chi può dire di non essersi mai immedesimato nei panni di qualche membro della famiglia Gallagher o di aver almeno avuto qualche problema simile? Da sempre tutti i Gallagher, nessuno escluso, devono superare gli ostacoli architettati dalla mente “meschina” e “sadica” di John Wells: amori crudelmente finiti, vizi che portano allo sbando più totale, imprevisti pericolosi ed un susseguirsi imperterrito di conseguenze. Shameless dovrebbe essere etichettata come un genere diverso: non più drama, ne tanto meno comedy, ma “life”.  Le difficoltà della vita sono affrontate in ogni episodio e lasciano solchi indelebili nei personaggi e questa season premiere non è da meno.
Familia Supra Gallegorious Omnia!” ci aveva lasciato nello sconforto e nell’estasi più totale (ah, gli effetti di Shameless sulla gente) causati dall’atto meschino ed egoistico di Frank. Quest’ultimo aveva smascherato Sean e rovinato il matrimonio di Fiona e la sua progenie, per vendicarsi, l’avevano buttato nel fiume. La nuova stagione si apre con il risveglio dal coma, causato dalla caduta e dal congelamento, del capofamiglia. William H. Macy delizia lo spettatore con una performance sublime in questo episodio (non che non lo faccia mai), riuscendo a trasmettere perfettamente i propri sentimenti e così creando empatia con il pubblico, nonostante le ragioni del suo atto siano puramente egoistiche. Prendendo spunto dal famoso film Pixar Inside Out, Frank potrebbe essere quella vocina nella nostra testa che ci suggerisce di fare le cose per il nostro compiacimento personale, la parte peggiore di ogni persona. Eppure Frank non lo si riesce ad odiare completamente, la colpa non è del tutto sua, non è nato così, è stato formato, Frank è diventato il Frank che lo spettatore conosce a causa delle difficoltà che ha incontrato nella vita. Tutti i suoi figli, partendo da Fiona e finendo con Liam, non saranno mai quelle persone che sarebbero potute essere se fossero nate in un posto diverso dal South Side. Fiona non sarebbe costretta a lavorare per mantenere i suoi fratelli, Ian vivrebbe in un luogo più consono e sicuro, lontano da problemi che potrebbero peggiorare la sua malattia, Lip non sarebbe un alcolista, Debbie non sarebbe madre, Carl avrebbe ancora il prepuzio e Liam… beh Liam sarebbe tale e quale ad ora probabilmente.
Confrontando questa season premere con quella della scorsa stagione vi sono diversi passi avanti ma certe pecche continuano ad essere evidenti. Lo spettatore non si scontra nuovamente, e fortunatamente, con il problema temporale che aveva caratterizzato la scorsa stagione, ma certi character non riescono più a recuperare la brillantezza e l’interesse dei tempi che furono, vedasi Debbie e Lip. La prima sembra aver scordato l’intelligenza che la caratterizzava nelle prime stagioni, il secondo sembra aver intrapreso la strada per diventare come Frank, strada che sicuramente sarebbe da evitare. Per quanto riguarda il resto dei personaggi si continua sulla scia del finire della scorsa stagione, ma chi ruba la scena a tutti non può essere che Frank che torna e si barrica in casa, nonostante tutti sperassero fosse morto. Sarà la mina vagante di questo inizio di stagione.
“Hiraeth” inaugura questa nuova stagione nei migliori dei modi, la puntata è più che godibile e scorre via che è un piacere. Grande merito di alleggerire la pesantezza (nel senso buono) della serie è dovuto al trio Svetlana/Vi/Kevin che continua a far sorridere lo spettatore con sketch sempre più esilaranti. La speranza è che la serie continui l’ottimo lavoro dello scorso anno nell’approfondire sempre più il personaggio che fino ad ora era stato messo in secondo piano, la scorsa stagione era toccato a Carl. Se quest’anno sarà il turno di Lip, l’introspezione di questo membro della famiglia Gallagher potrebbe essere la chiave di volta che tanto si aspettava.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Frank Gallagher/William H. Macy
  • Liam impassibile
  • Trio Svetlana/Vi/Kevin
  • Ritmo incalzante
  • Musiche
  • Scena Iniziale
  • Debbie meh
  • Lip meh

 

E voi, siete stati circoncisi?

 

Familia Supra Gallegorious Omnia! 6×12 1.63 milioni – 0.7 rating
Hiraeth 7×01 1.24 milioni – 0.5 rating

 

Sponsored by Shameless US Italian Page, • Cameron Monaghan Italy •

Tags:

A.A.A. Re bello ed impossibile cerca regina con cui frustare i suoi numerosi schiavi. Nell'attesa del lieto evento Eros Gallagher sta guidando la sua nazione, dove tutto è lecito tranne che guardare The Walking Dead. Nelle scuole vengono insegnate le grandi gesta di Eleanor Shellstrop, Titus Andromedon e Saul Goodman. L'unica religione ammessa è il Scrubsianesimo, atta a venerare il santo John Dorian. Lasciate i vostri nickname di Instagram al 4 8 15 16 23 42. Saluti e tante care cose.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: