Once Upon A Time 6×02 – A Bitter DraughtTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni by

Dopo una season premiere senza troppi scempi, Once Upon A Time prosegue il suo sesto ciclo con un trend leggermente più positivo rispetto alla stagione precedente. Siamo solo alla seconda puntata, questo è vero, ma l’atmosfera da last season rende tutto un po’ più sostenibile e, perché no, anche magico. Ormai il telefilm creato da Horowitz & Kitsis ha dato tutto quello che poteva dare, spremendo fino alla fine ogni possibile personaggio e storyline. “A Bitter Draugh”, infatti, sembra quasi tirare le conclusioni e preparare i nostri eroi allo scontro finale, soprattutto Emma, che ancora una volta dovrà vedersela con le inquietanti visioni inerenti il suo prossimo futuro. I protagonisti saranno chiamati a fronteggiare nuovamente i fantasmi del proprio passato, le proprie untold stories, come anticipato dalla Evil Queen. Questi scheletri nell’armadio potrebbero mettere a repentaglio l’equilibrio della cerchia di eroi creatosi a Storybrooke e porre fine all’universo onceiano che abbiamo imparato ad amare e, ahimè, anche odiare in questi anni? Lo stampo buonista dello show non può essere ignorato, quindi potremmo essere sicuri quasi al cento per cento che il tutto si risolverà con un happy ending, anche se conclusivo e definitivo. Nonostante, però, un finale già telefonato e parecchio prevedile, la puntata risulta godibile al punto giusto, solleticando la curiosità dello spettatore che si chiede quali oscuri segreti possano mai nascondere i Charming e compagnia bella.
Ovviamente i soliti elementi negativi pesano come macigni, ma lo show non se ne libererà mai, anzi, ne fa ancora di più un suo marchio di fabbrica. Continuare a portare avanti personaggi inutili come Rumple, Belle e Zelena, i quali possono tranquillamente ergersi a portabandiera del piattume narrativo, non fa altro che azzoppare le potenzialità del telefilm, che sembra sempre invischiato nella stessa ciclica storyline: il cattivo che vorrebbe cambiare, ma alla fin fine non più di tanto, il farsi accettare dagli altri per quello che si è realmente, la bella fanciulla innamorata di un mostro dal quale non riesce davvero a fuggire. Tutti tempi importanti, per carità, ma troppo abusati da Horo & Kitsis.
A controbilanciare i thumbs down ci pensa la trama orizzontale che, come detto precedentemente, crea suspence per le prossime puntate e movimenta la situazione altrimenti troppo statica. Insomma, nessuno avrebbe voluto assistere a una sesta stagione interamente dedicata a Belle che tenta di dimenticare Rumple e crescere un bambino da sola, mentre lui la segue costantemente come un cagnolino bastonato. Giusto?
Ben vengano, dunque, le licenze poetiche di questo secondo episodio, ovvero l’introduzione di un personaggio non fiabesco, ma letterario quale Edmond Dantès, il protagonista del romanzo “Il conte di Montecristo”, scritto da Alexandre Dumas. Anche nelle passate stagioni con il Dottor Frankenstein e l’anno scorso con il più recente Mister Hyde il telefilm si era discostato dal filone delle fiabe e novelle per abbracciare un universo più ampio. Se in un primo momento tutto questo ci ha fatto storcere il naso, a conti fatti ci rendiamo conto che potrebbe essere la soluzione migliore per evitare una ripetitività altrimenti pronta a saltare fuori a ogni angolo.
Soprassediamo, dunque, su dialoghi non troppo brillanti e su spiegazioni troppo banali e frettolose, concentrandoci sui punti positivi della puntata, godendoci una sensazione di curiosità che non percepivamo da tempo.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Il bacino delle fiabe si estende anche all’universo dei romanzi
  • Piccoli indizi sul passato dei nostri protagonisti, a quanto pare non così perfetto come volevano farci credere
  • Curiosità per le puntate future
  • L’atmosfera di chiusura, di cerchio che si chiude
  • La presenza tediosa di Belle, Rumple e Zelena, ai quali vengono affidati minutaggi senza capo né coda
  • Risoluzioni di trama troppo scontate, che devono essere accettate per partito preso. Della serie: “è andata così, punto.”
  • Granny che inveisce contro il Montecristo Sandwich
Gli spettatori continuano a scendere e questa sesta stagione di Once Upon A Time sembra sempre di più essere quella conclusiva. Il carrozzone del trash sta, dunque, giungendo presso la sua stazione di arrivo e non potremmo esserne più lieti. Siamo, dunque, pronti a tutto: scontri all’ultimo sangue tra frenemies, ritorni al lato oscuro, pentimenti, espiazioni, segreti svelati che nemmeno Un Posto Al Sole potrebbe permettersi. Insomma, godiamocela fino in fondo, sperando sia davvero la fine di tutto. 
The Savior 6×01 3.99 milioni – 1.3 rating
A Bitter Draught 6×02 3.72 milioni – 1.1 rating

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

Origin 1×10 – I Am

Arrivati al capitolo finale della storia, Origin aveva il compito di concedere
error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: