Pilot 2016/17TEMPO DI LETTURA 17 min

in Recensioni by

Per velocizzare la ricerca del Pilot che cercate vi suggeriamo di cercare tramite CTRL+F ? all’interno della pagina.

http://www.recenserie.com/2017/04/13-reasons-why-1x01-tape-1-side-a.html

SPAZIO

13 REASONS WHY


Per godersi appieno un prodotto televisivo sono necessarie due cose: non avere aspettative troppo alte e accettare le premesse iniziali. Fatto questo, 13 Reasons Why offre un buon pilot e costringe lo spettatore ad un binge-watching forzato per scoprire al più presto le ragioni del suicidio di Hannah.
http://www.recenserie.com/2017/02/24-legacy-1x01-1200-noon-100-pm.html
SPAZIO

24: LEGACY

È 24. Semplicemente. Il nucleo centrale è quello, il resto gli viene rimodellato attorno.
SPAZIO

3%

Serie Netflix. E già questo basterebbe per invogliare qualcuno a vederla, ma c’è da tener presente di tanti fattori che, almeno nel pilot, azzoppano la storia. Per il momento sono piccole cose ma se si dovessero trascinare potrebbero risultare un peso non da poco sulle spalle della serie stessa.
http://www.recenserie.com/2017/02/apb-1x01-hard-reset.html
SPAZIO

APB


La FOX ha puntato su un prodotto senza mordente in cui si salva la regia fluida ma poco altro. La trama poteva essere sviluppata con l’aggiunta di qualche elemento innovativo o di interesse ed invece si è scelta una strada diversa. Come detto, il panorama televisivo offre una scelta ampia e APB non è tra le prime serie da tenere in calendario.
SPAZIO

BETTER THINGS


Better Things omaggia l’omonima canzone dei The Kinks ma non è collegata in alcun modo ad essa. Può piacere come no, può essere compresa come no. 20 minuti settimanali non sono poi questo grande sforzo, ma è anche vero che a parità di tempo investito ci sono comedy o dramedy più interessanti.

http://www.recenserie.com/2017/02/big-little-lies-1x01-somebodys-dead.html

SPAZIO

BIG LITTLE THINGS


La trama può sembrare trita e ritrita ma la bravura delle interpreti, la fotografia da grande cinema e alcuni meccanismi narrativi costruiti ad arte la rendono una delle serie meglio riuscite del 2017 (almeno finora). Il lato dramedy delle vicende si sposa in maniera ottima con quello crime creando un prodotto di alta qualità. Un consiglio per i nostalgici: scordatevi le “fidanzatine d’America degli anni 90”, le interpreti di questo show dimostrano una padronanza e una consapevolezza dei propri personaggi straordinarie.
SPAZIO

BRAINDEAD


Il “Save” è forse il voto che più ricorre nelle recensioni delle puntate pilota. Effettivamente è facile che si voglia sospendere il giudizio, considerando che molto difficilmente un primo episodio possa catturare totalmente lo spettatore (tolte poche eccezioni). Anzi, spesso un pilot molto seducente può nascondere soltanto grosse delusioni, almeno nell’immediato futuro.
BrainDead, ai nastri di partenza, merita sicuramente più fiducia, sia per il pedigree dei suoi creatori, sia per l’ambizioso e originale format proposto.
SPAZIO

BULL


Non bisogna farsi ingannare dall’enorme seguito avuto dalla premiere: Bull è stato posizionato nello slot che segue NCIS che è un traino di tutto rispetto. Il tutto senza considerare l’affetto di tutti gli aficionados di NCIS, in lutto per la scomparsa di Weatherly dal loro show. I 15 milioni e mezzo sono spiegabili così, oltre che da un interessante trailer che aveva ingannato anche noi a Maggio. Purtroppo Bull è l’archetipo del prodotto seriale superficiale che avrà successo fintanto che avrà un traino come quello di NCIS, niente di più e niente di meno.
Non fatevi ingannare dagli ascolti, Bull è solo apparenza ma non ha sostanza.
SPAZIO

CHANCE


Hugh Laurie funziona. Tutto il resto non tanto.
SPAZIO

CLASS


Tanti spunti, positivi e negativi. Sicuramente tratti distintivi inequivocabili per i fan del Dottore. Siamo tuttavia ancora in un oblio per cui non sappiamo se l’asticella si alzerà o se le nostre aspettative sono destinate ad appiattirsi del tutto. Il giudizio finale vuole porsi nel mezzo dei futuri possibili di Class: solo il futuro potrà dirci se si tratterà di una rampa di lancio o di una speranza tradita.
SPAZIO

CRISIS IN SIX SCENES


Per salvare la series premiére la si salva. Sicuramente un altro episodio come questo potrebbe compromettere seriamente il giudizio complessivo della serie. Per ora è meglio rimanere in modalità “attendista”.
SPAZIO

DESIGNATED SURVIVOR


In 24 c’era un presidente afroamericano, poi è arrivato Obama. Allora hanno introdotto un presidente donna e adesso c’è Hillary Clinton in corsa per la Casa Bianca, vedremo a novembre cosa succederà. Cambiando serie, Kiefer Sutherland non rinuncia a giocare d’anticipo ma stavolta prova a farlo introducendo un personaggio positivo, con cui empatizzare, proprio del genere di cui si lamentava la mancanza da tempo nel panorama tv. La risposta del pubblico a questa prima puntata è stata davvero buona e addirittura la rete spera di rendere lo show un punto di riferimento per una discussione a livello nazionale sulle prossime elezioni alla Casa Bianca. 

http://www.recenserie.com/2017/04/dimension-404-1x01-matchmaker.html

SPAZIO

DIMENSION 404

Il mondo virtuale di Internet ha infinite potenzialità di espansione e di sviluppo. Nascosta nei meandri dell’assurdo, una di queste potenzialità (la quattrocentoquattresima, diciamo) non ha il sapore tragico di Black Mirror, ma al contrario una sana dose di spensieratezza anch’essa utile ad osservare e giudicare la realtà 2.0 che ci sta attorno. Dimension 404, pur avendo esordito in sordina e inosservato da tutti, ha esordito bene.

SPAZIO

DIRK GENTLY’S HOLISTIC DETECTIVE AGENCY


Non si sa che strada prenderà questa nuova serie, sta di fatto che per ora gli elementi sono tutti estremamente positivi. Se metà del delirio verrà mantenuto, in tutti gli altri episodi ci sarà da divertirsi.
SPAZIO

DIVORCE


Non si può giudicare una serie intera solo dal pilot, quello che si può fare è valutarne le premesse. E le premesse, per quanto riguarda “Divorce”, sono deboli e molto poco convincenti. 
http://www.recenserie.com/2017/02/doubt-1x01-pilot.html
SPAZIO

DOUBT


Una nuova occasione per Katherine Heigl per dimostrare le sue doti recitative, per gli sceneggiatori di raccontare una storia forse già vista ma comunque interessante, usando la bravura del cast a disposizione. Doubt inizia salvando bene la sua partita ma per affermarsi dovrà fare di più.
SPAZIO

EMERALD CITY


Tanta fatica, tanti anni di lavoro, tanta cura all’aspetto scenico per poi lasciar regnare la superficialità e la pochezza generale di un prodotto “senza magia”: questo è l’unico vero nemico di Oz, non la Beast Forever del titolo.
SPAZIO

FEED THE BEAST


Pur non essendo un capolavoro (almeno per ora) e avendo diversi difetti, Feed The Beast convince abbastanza da ottenere la salvezza o, quantomeno, la visione del secondo episodio. Del resto, AMC merita sempre fiducia.
http://www.recenserie.com/2017/03/feud-bette-and-joan-1x01-pilot.html
SPAZIO

FEUD


Pilot realizzato come si deve e che funziona perfettamente. Il ritmo risente di questo ma rimane un prodotto di qualità, con grandi interpretazioni, una scrittura solida e che contiene tutte le caratteristiche che si conoscono già dei telefilm di Ryan Murphy.
SPAZIO

I MEDICI


Produzione sfarzosa, premiata da ottimi ascolti, dovuti non soltanto alla presenza prestigiosa di Dustin Hoffman e alla bella presenza di Richard Madden. Si prova a variare un po’ il menù, rispetto ai soliti standard delle produzioni Lux Vide per la Rai, per modernizzare il prodotto. Sicuramente molta strada c’è ancora da fare, ma da qualche parte bisognerà pur cominciare e il tentativo è apprezzabile. 
SPAZIO

KEVIN CAN WAIT


Il pilot di una serie dovrebbe mettere in mostra le qualità migliori per poter catturare l’attenzione del massimo range di pubblico, ma purtroppo Kevin Can Wait si presenta solo inconcludente e banalotto. Come detto ad inizio recensione: la serie potrebbe essere un buon prodotto, ma non si applica.
http://www.recenserie.com/2017/02/legion-1x01-chapter-1.html
SPAZIO

LEGION


Legion, nuova promessa di FX, è un prodotto televisivo che cammina grazie alle contaminazioni del genere supereroistico ma che non ha praticamente nulla dei canonici elementi del genere che serial comics come Marvel’s Daredevil e The Flash si sono impegnati a promuovere. È una produzione sicura di sé, consapevole delle proprie possibilità e con la voglia di raccontare la travagliata e spezzata esistenza di David Haller il più a lungo possibile, giocando soprattutto su un’operazione di continua rottura delle tipiche narrazioni supereroistiche. Questo non vuol dire che la produzione si faccia trovare impreparata e, anzi, Noah Hawley, Dan Stevens, Rachel Keller e tutto il cast dimostrano di essersi documentati sul protagonista ed il mondo che lo circonda. Semplicemente, Legion ha deciso di arrivare dove altri serial non hanno osato, facendo provare sulla propria pelle certe emozioni e sentimenti, non più attraverso simulazione, ma attraverso esperienza diretta. Forse è la nascita di una nuova generazione di serie tv.

SPAZIO

LEMONY SNICKET’S A SERIES OF UNFORTUNATE EVENTS


Un Neil Patrick Harris mastodontico, una regia curatissima ed una sceneggiatura firmata dallo stesso autore delle opere letterarie non possono che essere la formula perfetta per una rivisitazione seriale di Lemony Snicket’s: A Series Of Unfortunate Events. I pochi dubbi che si potevano avere all’inizio sono letteralmente vaporizzati dopo questi 49 minuti.
SPAZIO

LETHAL WEAPON


Lethal Weapon si dimostra un prodotto abbastanza solido e ben rodato che può puntare ad un percorso tranquillo, da 6 politico. Non il paradiso per gli amanti di prodotti innovativi e sperimentali, ma comunque ci sono tutti i presupposti per ottenere la salvezza.
http://www.recenserie.com/2017/03/making-history-1x01-pilot.html
SPAZIO

MAKING HISTORY


Era da un po’ di tempo che non si trovava una nuova comedy che facesse effettivamente ridere ed è un piacere constatare che le aspettative di Maggio non sono sono state frantumate. God Bless Making History.
SPAZIO

MAN WITH A PLAN


Classica sit-com familiare con un Matt Le Blanc imbolsito e perennemente imprigionato nel suo personaggio di Friends. Gag buone ma prevedibili e meccanismi che nascono già triti e ritriti ancora prima di cominciare. Buona l’idea ma lo sviluppo deve essere migliorato, sit-com da rimandare, con debito, a data da destinarsi.
SPAZIO

MARS


National Geographic sforna un buon pilot in stile documentario che si fa apprezzare sia per i dettagli tecnici che per la realizzazione. Ora le altre 5 puntate avranno il compito di confermare quanto di buono si è visto in questa series premiére, per ora comunque andrebbe consigliata la visione a tutti.
SPAZIO

MARVEL’S LUKE CAGE


Marvel’s Luke Cage non si lascia tanto impressionare per il debutto solista del suo nerboruto protagonista quanto per essere (passateci il termine) una “serie per neri, scritta da neri”. L’obiettivo, pienamente centrato, era quello di prendere “Power Man” e tornare a farlo diventare uno strumento con cui si potessero affrontare tematiche scottanti. Magari il termine “una serie per neri, scritta da neri” può sembrare razzista ma non era il nostro intento. Il nostro intento era quello di descrivere una precisa cultura che è finita per diventare una piccola, grande nazione senza fissa dimora attraversata da problemi ben precisi, quindi Marvel’s Luke Cage cerca di descrivere questi problemi con il suo linguaggio utilizzando tutte gli strumenti tipici della cultura dei neri.
SPAZIO

NOTORIUS


Il 22 settembre 2004 andava in onda il pilot di Lost ed ancora oggi a tale data viene ricollegato tale fatto seriale. Difficile che in futuro a tale data venga ricollegata la messa in onda del pilot di Notorious.
SPAZIO

OUTCAST


Per come ne abbiamo parlato il Save Them All potrebbe stare un po’ stretto, tuttavia lo diamo come segno di incoraggiamento e non di punizione. Outcast ha delle valide potenzialità, tutto sta nel saperle gestire bene con le prossime 9 puntate.
http://www.recenserie.com/2017/02/powerless-1x01-wayne-or-lose.html
http://www.recenserie.com/2017/02/powerless-1x01-wayne-or-lose.html
SPAZIO

POWERLESS


Powerless è una comedy come le altre che riesce a spiccare dalla massa solo per il fatto di avere una licenza DC Comics da utilizzare. C’è effettivamente qualcosa di buono ma quel potenziale non è l’elemento che il pilota e l’intera serie intende utilizzare di più. L’umorismo, la caratteristica che cerca di incentivare di più, ha ancora molti progressi da fare. E se proprio si vuole puntate tutto sul ridere, beh, è il caso che tra “Wayne Or Lose” la spunti il “Wayne”, perché Powerless rischia di finire come la precedente e infelice collaborazione tra DC e NBC
SPAZIO

PREACHER


Indubbiamente Preacher deve ancora ingranare e “Pilot” di certo non aiuta a comprendere appieno le potenzialità del serial, quanto più si limita a mostrarle e ad introdurle per poi promettere che le svilupperà in un secondo momento. Nonostante ciò, il serial AMC riesce nell’ardua impresa di portare sul piccolo schermo in maniera inalterata la mentalità e lo spirito della serie Vertigo, dato che era fondamentale che non andassero deturpati nè il linguaggio nè l’approccio di Preacher. Non era un’impresa facile e, pertanto, era giusto premiarlo con un Thank Them All.
SPAZIO

QUARRY


Dopo Banshee, The Knick e in parte Outcast, Cinemax sembra aver sfornato la quarta serie originale degna di nota. Peccato solo per gli ascolti indegni.
SPAZIO

RANSOM

Ransom appare come un buon procedurale, con delle buone basi di sviluppo e, con un creatore e sceneggiatore come Frank Spotnitz, qualche sorpresa è da tenere in considerazione. Ma il pilot appare più che mai acerbo e privo di nerbo.
http://www.recenserie.com/2017/01/riverdale-1x01-chapter-one-rivers-edge.html
SPAZIO

RIVERDALE


Archie Andrews non poteva festeggiare nel modo peggiore i suoi 75anni. Alla fine della visione di “Chapter One: The River’s Edge” si arriva con la sensazione che questo telefilm non abbia nessuna ragione d’esistere. La sensazione è che The CW volesse, appunto, dei telefilm nella sua scuderia come Pretty Little Liars e Gossip Girl e così ha optato per la trasposizione di un fumetto, dando vita allo Scempio™.
E la cosa ha funzionato. Molti siti vi diranno il contrario di quanto scritto qui perché per loro questo Riverdale è partito bene e offre ottimi spunti di riflessione e qualità ma non è così. È semplicemente un prodotto commerciale fatto per prendere più piccioni con una fava, dalla mancanza di idee della The CW alla voglia di stare sempre al passo con le trasposizioni fumettistiche. Purtroppo Riverdale non è quello che doveva essere.
http://www.recenserie.com/2017/02/santa-clarita-diet-1x01-so-then-bat-or.html
SPAZIO

SANTA CLARTIA DIET


Unire due generi come l’horror/splatter e la comedy è un’impresa che solo poche serie sono riuscite a fare. Questa ci riesce benissimo unendo cannibalismo e sit-com familiare. La narrazione procede spedita con dialoghi brillanti e colpi di scena (soprattutto il cliffhanger finale) che danno un quadro generale della situazione e spingono ad andare avanti con gli episodi. Una Drew Barrymore e un Timothy Oliphant, entrambi in stato di grazia, tengono in piedi benissimo lo show circondati da alcuni attori comprimari veramente bravi. Al momento una delle sorprese più piacevoli di Netflix in questo 2017.
http://www.recenserie.com/2017/01/six-1x01-pilot.html
SPAZIO


SIX


Six è una serie che tratta di guerra e lo fa prendendo in esame (male) i cardini narrativi dal quale pellicole ben più famose hanno già attinto (e forse prosciugato) ogni spunto. È solo il pilot ma c’è già tanto lavoro da fare.
http://www.recenserie.com/2017/03/snatch-1x01-all-that-glitters.html
SPAZIO

SNATCH


Snatch che non è Snatch, almeno dal pilot. Ma presa come serie a sé, il tempo per la sua visione sembrerebbe meritarselo. O almeno non sembrerebbe tempo sprecato.
SPAZIO

SON OF ZORN


Son Of Zorn si presenta come una comedy innovativa fresca e irriverente per il contrasto insito della natura visiva e creativa. FOX ha fatto centro, bisogna dargliene atto, dopo anni di flop questa volta ha fatto centro.
SPAZIO

SPEECHLESS


Rischioso ma riuscito il tentativo di affrontare il tema della disabilità in chiave comedy, un cast azzeccato con Minnie Driver vera protagonista. Un pilot soddisfacente ma che lascia a desiderare per quanto riguarda il trattamento di alcuni personaggi come il padre e la figlia Dylan, che si spera verranno approfonditi nei prossimi episodi.
SPAZIO

STARTUP


La sensazione è che “Seed Money” sia solo una prefazione inespressa delle vere potenzialità della serie. Nel dubbio una visione fugace non ve la sconsigliamo.
SPAZIO

STRANGER THINGS


Viene quasi voglia di andarsi a recuperare qualche vecchio lavoro di Carpenter.

http://www.recenserie.com/2017/01/taboo-1x01-shovels-and-keys.html

SPAZIO

TABOO


Taboo si sofferma forse troppo su vezzi stilistici ma riuscendo comunque a dare un primo quadro di una storia che si preannuncia intrigante quanto inquietante. Sicuramente il lato più accattivante è quello mistico e misterioso con l’ambientazione esotica e si confida ovviamente che non sia solo fumo negli occhi sparato da trailer ambiziosi ma anche un nuovo prodotto affascinante, almeno quanto il suo protagonista.
SPAZIO

THE CROWN


Se la BBC ha scelto di rappresentare i grandi cambiamenti avvenuti nella società inglese, fra gli anni ’50 e ’60, con prodotti come Call the Midwife, qui il punto di vista è quello della famiglia reale e della ristretta cerchia che le gravita attorno. La qualità produttiva è alta, con le sue minute ricostruzioni degli ambienti e di un’epoca. Il taglio intimista può non piacere a tutti e rischia di non essere adeguato in certi passaggi. Il risultato, comunque, è interessante e una seconda stagione è già in lavorazione. 
SPAZIO

THE EXORCIST


Fregiarsi di un nome talmente conosciuto come The Exorcist è un peso non indifferente che bisogna saper portare. Fino in fondo. La serie pare essere partita con il piede giusto, ma ha ancora qualche mancanza che nel prosieguo potrebbe farsi sentire ed azzopparla (sia in termini di trama, sia in termini di personaggi credibili).
SPAZIO

THE GET DOWN


The Get Down si presenta inizialmente in maniera convulsa, salvo poi migliorare sensibilmente con l’avanzare del minutaggio. Se la premiére si fosse interrotta al 40° minuto, ovvero all’entrata del Les Inferno, non ci troveremmo a “salvare” l’episodio, bensì a schiaffeggiare Luhrmann per la sua impostazione superficiale. Sono però i restanti 52 minuti che risollevano l’opinione finale di “Where There Is Ruin, There Is Hope For A Treasure” permettendoci di “salvare” la series premiére e al contempo tenerci un attimo stretti nella votazione date le potenzialità si sono intraviste. In fin dei conti è di Baz Luhrmann che si sta parlando, le aspettative sono state ampiamente rispettate. Nel bene e nel male.
http://www.recenserie.com/2017/02/the-good-fight-1x01-1x02-inauguration.html
SPAZIO

THE GOOD FIGHT


Christine Baranski e i coniugi King rappresentano una garanzia, oltretutto l’universo di The Good Wife, con il suo brillante stile narrativo, aveva ancora molto da regalare (e visto il finale riservato a Diane nella 7×22, il suo personaggio meritava di proseguire).
Però in tutto questo anche BrainDead era fichissimo e non lo dovevano cancellare.
SPAZIO

THE GOOD PLACE


È ancora troppo presto per giudicare, ma chi ben comincia…

SPAZIO

THE MICK


Pilot e serie da “salvare”. Sicuramente non un prodotto di qualità eccellente o che conceda allo spettatore una morale collegata a ciò che è avvenuto durante l’episodio, tuttavia il suo compito, quello di far ridere, lo svolge. Il minimo sindacale anche se difficilmente rimarrà nella storia della televisione.

SPAZIO

THE OA


“Homecoming” è solo un primo doveroso atto introduttivo che sconquassa stomaco e cervello, illude e sorprende e, proprio per questo motivo, può essere mal digerito da molti. Sinceramente ci sentiamo di promuovere l’audacia di un prodotto del genere che, proprio per lo stuolo di predecessori che hanno affrontato questi temi, è riuscito a portare lo spettatore lì dove non era mai andato nessuno.
Il tutto senza considerare che questo è solo il pilot.
SPAZIO

THE YOUNG POPE


La nuova opera di Sorrentino ha debuttato su Sky Atlantic con un vero e proprio boom di ascolti: 953000 spettatori di media, ovvero il 45% in più rispetto al debutto di Gomorra – La serie e il 42% in più rispetto al debutto di 1992. La serie, girata in lingua inglese, è già stata venduta in 80 Paesi. I numeri premiano un prodotto di indubbia qualità, interpretato da ottimi attori. Lo stile molto personale del regista, ricco di momenti surreali, con squarci inaspettati di dolcezza, dove forse c’è il vero Dio cercato da molti, deve piacere. Chi lo apprezza, però, si può godere pagine di grande tv.
SPAZIO

THIS IS US


La stagione telefilmica e la corsa ai nuovi pilot è appena iniziata e, per ora, la NBC sembra aver segnato già il primo punto. 
http://www.recenserie.com/2017/03/time-after-time-1x01-1x02-pilot-i-will.html
SPAZIO

TIME AFTER TIME


Time After Time è senza dubbio uno dei peggiori titoli della stagione. Jack Lo Squartatore ha smesso di uccidere? E allora lo diamo noi un bel Kill.
SPAZIO

TIMELESS


Kripke e Ryan insieme: da collaborazione idilliaca a coppia da disassemblare prima che partoriscano altri pilot riprovevoli. Tutte le note positive del trailer e della trama sono scoppiate come bolle di sapone e niente si può salvare in Timeless. A quanto pare è stato concepito e partorito male sin dall’inizio.
http://www.recenserie.com/2017/03/trial-error-1x01-1x02-pilot-wrench-in.html
SPAZIO

TRIAL & ERROR

Trial & Error, ovvero come la NBC cerca di attirare i vecchi patiti di Parks And Recreation con una serie tv a cui non manca relativamente nulla.

http://www.recenserie.com/2017/01/urban-myths-1x01-bob-dylan.html
SPAZIO

URBAN MYTHS


Tra le serie antologiche per episodio non si è citata la statunitense Documentary Now!, qui in RecenSerie molto apprezzata. Caratteristica di questa serie è quella di sfoderare le sue carte migliori a metà e alla fine della stagione, mai all’inizio, prediligendo una partenza più soft, utile a far immergere lo spettatore nel clima della serie.
Seguendo questa pista, c’è ragione di credere che i prossimi episodi regaleranno scintille. Pur non presentando difetti degni di nota, riserviamo un “misero” ringraziamento a “Bob Dylan” per averci aperto le porte di questa serie fiduciosi che, se le premesse sono queste, le benedizioni arriveranno molto presto.
SPAZIO

WESTWORLD


Alla fine della visione di “The Original” l’immersione in Westworld è completa. Non si desidera altro se non avere subito a disposizione un altro episodio per approfondire questo mondo, i suoi abitanti ed i suoi creatori. Jonathan Nolan è riuscito a prendere l’universo creato da Michael Crichton ed elevarlo ad un nuovo livello, il tutto impostando una narrazione che, secondo le sue stesse dichiarazioni, è programmata per dipanarsi in almeno 5 stagioni. Il tutto con il benestare di HBO.

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: