Broadchurch 3×04 – Episode 4TEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni by

In ogni giallo che si rispetti c’è sempre una vittima, un detective e una scena del crimine. E in ogni giallo che si rispetti, l’arguto detective – di solito anche molto affascinante – torna sulla scena del crimine esattamente da dove erano partite le sue indagini.
E noi telespettatori, tutti arguti e affascinanti detective, cominciamo proprio da qui.
Rispetto agli episodi che lo hanno preceduto, questo quarto capitolo di Broadchurch ha il pregio di cominciare a delineare i personaggi coinvolti, finora poco inquadrati dalla serie: abbiamo il datore di lavoro innamorato, l’amica del cuore ferita dal tradimento (palese che sappia della tresca tra suo marito e Trish), l’amante eclettico, un ex marito sospetto, il tassista provolone e, per non farci mancare nulla, si aggiunge lo stupratore già condannato da una giuria. Il giallo si fa decisamente più interessante, emergono nuove scoperte, si scorgono piccoli dettagli e l’hype si alza sempre di più, catturando e mantenendo definitivamente la nostra attenzione.
La narrazione è in perfetto stile Broadchurch – o meglio in perfetto stile del giallo christienano – che, prima ci fa conoscere tutti i personaggi che ruotano intorno al fatto e, solo in un successivo momento, comincia a svelare qualche carta. E non poteva che essere altrimenti: che empatia proveremmo per un personaggio che non conosciamo? Cosa stimolerebbe la nostra curiosità per un personaggio che non sappiamo come collocare nella storia? Chibnall, invece, relega prima un ruolo a tutti, per poi farli intrecciare nella piccola cittadina britannica.
Se il giallo procede molto bene, diventando sempre più succulento, quello che non funziona allo stesso modo è la dormiente storyline del piccolo Danny Latimer: Mark non ha ascoltato i consigli della moglie e ha trovato Joe Miller, facendone menzione all’ormai inutile prete del paese. Per quanto la prima stagione rimarrà per sempre nei nostri cuori come sinonimo di perfezione seriale, bisogna ammettere che i vecchi personaggi (in quest’episodio ricompare anche Nige) non funzionano come dovrebbero. L’attenzione è rivolta molto più al giallo della stagione e ai personaggi di cui ancora non si memorizzano i nomi, piuttosto che ai Latimer o al Reverendo Paul o al figlio di Miller, tutti personaggi ben consolidati da due stagioni.
Altra pecca di questa stagione e di questo quarto episodio in particolare è proprio intrecciare i vecchi abitanti di Broadchurch con i “nuovi”. Se per onestà seriale si può accettare il fatto che ci possano essere cittadini che non per forza debbano conoscere i Latimer; se si può accettare il fatto che nella piccola comunità di Danny Latimer non proprio tutti si conoscano; se, ancora, si può accettare il fatto che oh, alla fine in questa Broadchurch si consumano più crimini che the del pomeriggio… Se si può accettare tutto questo pur di godere di un giallo ben scritto e ancora meglio recitato, non si può però non notare la forzatura di inglobare tutti i personaggi nella trama principale. La partita sulla spiaggia, giocata tra i veterani e i novellini del nostro giallo, stonava un po’. La presenza di Mark, Cloe, addirittura di Nige, era forzata e fuori luogo: se già il collegamento tra Beth e Trish era stato gestito un po’ ad canem, la partita tutti insieme sulla spiaggia non è decisamente da Broadchurch.  
E infine c’è lui: Alec Hardy. Il nostro infallibile detective che tra una dimensione lavorativa ed una più intima e simpatica riesce sempre ad ammaliarci. In fondo, in un vero giallo che si rispetti, non c’è cosa più bella e rassicurante di sapere di avere accanto a noi il detective numero uno della Gran Bretagna: nulla di male potrà mai accaderci con lui al nostro fianco.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Flashback del party
  • Ritmo incalzante
  • Il nostro detective Alec Hardy
  • I personaggi cominciano a definirsi
  • Rivelazione finale: il mistero si infittisce
  • Storyline di Joe Miller ancora poco convincente e in generale unione troppo repentina delle “due” Broadchurch
Cadere in cliché e rischiare di ripetersi era facile in una serie come Broadchurch, eppure ogni singolo episodio riesce nel suo sporco lavoro: farci guardare quello successivo.
Episode 3 3×03 6.8 milioni – ND rating
Episode 4 3×04 8.3 milioni – ND rating

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: