Arrow 5×22 – MissingTEMPO DI LETTURA 3 min

in Arrow/Recensioni by

I almost forgot what it was like to celebrate a birthday. That’s because we’re usually saving the city from being destroyed this time of year.

Continua l’operazione nostalgia intrapresa già settimana scorsa (tra l’altro con un titolo – Honor Thy Fathers – che è anche una citazione esplicita agli inizi della serie), con un episodio che, seppur non punti molto sull’aspetto emotivo, convince per solidità e struttura: “Missing” è in un qualche modo la perfetta sintesi dei grandi passi avanti fatti finora da Arrow. Probabilmente nessuno, quando un anno fa Damien Darhk terrorizzava Star City con il progetto Genesis, si sarebbe aspettato ancora qualcosa dalla serie, che sembrava ormai sul viale del tramonto. A distanza di un anno invece è ritornata ad essere quel livello medio-alto di intrattenimento che ne aveva contraddistinto le origini.
La prima cosa che salta all’occhio di questa maturazione è lo spostamento del punto di vista operato rispetto alle passate stagioni. Nelle prime quattro, come ricorda Oliver con un pizzico di meta-narrazione, in quel di maggio we’re usually saving the city from being destroyed. Per la prima volta invece si elimina l’aspetto catastrofico e apocalittico in favore di quello che è un vero e proprio scontro tra personalità e eredità diverse. Un taglio più intimo, incentrato sul protagonista che, anche solo per l’effetto novità che rappresenta, non può che far bene.
Dopo l’Undertaking di Merlyn, l’invasione dell’esercito di Slade Wilson, lo scontro alla diga contro Ra’s Al Ghul e il già citato progetto Genesis, Star City non è più protagonista dello scontro finale e  -fermo restando i limiti imposti dall’origine fumettistica – il tutto ne guadagna in termini di credibilità senza dover rinunciare necessariamente al pathos che ci si aspetta dall’imminente season finale. Il crescendo narrativo viene infatti alimentato sia da un sempre pregevole Adrian Chase (forse poteva risultare leggermente anticlimatica la sua debacle nell’episodio precedente, ma qui ritorna subito in grande spolvero), sia dall’impressione di chiusura che aleggia su tutta la stagione, ma soprattutto su questi ultimi episodi.

Ehi, kid. I’m glad you came back.

Ci sono alcuni elementi all’interno della mitologia che Arrow ha costruito in questi cinque anni che valgono indubbiamente più di altri. Probabilmente non ci si ricorderà a lungo dei flashback ambientati ad Hong Kong o di tutti i criminali comparsi sulla lista di Oliver Sr., ma dimenticarsi del valore rappresentato da Lian Yu, Yao Fei, Slade Wilson a.k.a. Deathstroke, Malcolm Merlyn che riesce a entrare sempre e comunque nel covo è quasi impossibile. In “Missing”, sia nei flashback che nel presente, sono molti i ritorni graditi al fandom e, seppure alcuni lontani precedenti non avevano colto in pieno l’occasione, è qui molto più facile riconoscere la bontà d’intenti che sta animando Berlanti e soci: riempire la puntata alla vigilia del season finale di tutti gli elementi cardine dello show non è il tentativo disperato di chi alla deriva cerca in ogni modo di risollevarsi; è semplicemente la punta di diamante di una stagione che ha allontanato con decisione tutti i becchini e gli avvoltoi che gli gravitavano attorno. Come a dire, un anno fa Arrow respirava a fatica, mentre oggi torna a risplendere di luce propria.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Il rapimento di William funziona proprio perché off screen
  • Adrian Chase
  • Operazione nostalgia
  • Slade Wilson is returning bitches
  • Malcolm Merlyn che si intrufola nel covo
  • La tortura di Kovar soffre il confronto con quella di Chase 
  • Ma perché Katie Cassidy deve ritornare? 

 

Senza molti giri di parole, al nucleo centrale di “Missing” c’è tanto, tantissimo fan service. Dell’ottimo fan service possiamo dire. Le carte per il season finale sono state giocate e, per la prima volta da tantissimo tempo, lo si può aspettare con trepidazione e interesse.

 

Honor Thy Fathers 5×21 1.65 milioni – 0.6 rating
Missing 5×22 1.44 milioni – 0.5 rating

 

Tags:

Dario ha circa 20 anni e continuerà ad averli fintantoché un dipinto in soffitta invecchierà al posto suo. Alcune leggende raccontano di una grande passione per il tabacco, i libri americani, il cinema e l'alcol, ma una estrema ricerca della perfezione come virtù lo tengono lontano da ogni eccesso. Mentre non si impegna a capire perché gli è sconsigliato vivere di notte come i gatti, scrive legge e fa.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: