Friends From College 1×08 – A Night Of SurprisesTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni by

“A Night Of Surprises” non è un episodio tanto complesso, ma possiede ramificazioni. L’andamento sostenuto dei 34 minuti di season finale vede una continua sovrapposizione di elementi utili a confermare la tematica principale di questa serie: i segreti e le bugie. La questione del libro, il ritorno del coniglio, i bambini che guidano sono soltanto aggiunte, arricchimenti e contorni del piatto principale costituito dall’affair tra Ethan e Sam e dall’avventura tra Lisa e Nick.
Ramificazioni quindi che si aggiungono e che incrementano la tachicardia dello spettatore, consapevole che, almeno in questo episodio, qualcosa di risolutivo dovrà avvenire. E qualcosa alla fine avviene, lasciando però da parte il segreto principale e sfruttando l’evento inaspettato del precedente episodio per creare una sorta di trama verticale in due episodi, garantendo così una conclusione parziale a questa prima stagione.
L’insieme frenetico di eventi, costituito da un brillante gioco di equivoci, porta la coppia protagonista al faccia a faccia finale, rendendo Lisa ancora più una vittima rispetto al resto della stagione, pur essendo ora anche lei “colpevole”. Particolare poi la contrapposizione tra il tradimento (estemporaneo) così esplicito e forte di Lisa mostrato in “Grand Cayman“, con quello di più lunga data di Ethan e Sam, ben più infimo, ma trattato in maniera assai più implicita – in tutta la stagione non li si vede mai copulare – e “romantica”.
Ma queste ramificazioni partono da due filoni principali.
Innanzitutto l’inquadratura finale, la rivelazione di quasi tutti i segreti, tranne quello per cui si sta così tanto con il fiato in sospeso dalla prima puntata, porta ad un nuovo livello di sicurezza riguardo il futuro dello show. Qualora dovesse esserci un seguito (da non sorprendersi in entrambi i casi, notando la recente politica di Netflix) è indubbio che i vari cambiamenti non avranno intaccato il vero filo conduttore della stagione, a questo punto della serie. Pensare a Friends From College, ad esempio, come progetto triennale potrebbe dare speranza che vi sia una lungimiranza nel percorrere la storia. Tuttavia la discontinuità tipicamente dramedy (ogni episodio ha una sua ambientazione e un suo contesto: elementi orizzontali sono solo incidentali nei dialoghi dei personaggi) rende più verosimile uno sfruttamento di Friends From College sulla verticalità più che sull’orizzontalità narrativa. Vederli ridere di fronte all’automobile dentro la piscina fa pensare che forse non tutto cambierà poi così tanto. Certo Ethan avrà problemi con Max e Nick per motivi diversi, Lisa e Ethan saranno separati, ma la sconclusionatezza di questa prima stagione porta a notare la coerenza narrativa con tutti i precedenti episodi, dove si presentavano innumerevoli occasioni di approfondimento sprecate malamente.
Il secondo grande ramo è riscontrabile nell’elemento ricorrente di cui si è parlato in quasi tutte le recensioni: il contrasto comedy-drama. Giunti alla fine si possono tirare le somme e notare come la commistione tra questi due generi sia stata eterogenea. Si può analizzare questo aspetto sia da un punto di vista scenico che da un punto di vista narrativo.
Ciò che questa serie vuole mostrare è l’effetto della bugia, della gestione di un segreto, della capacità di fingere di fronte a persone con cui si è in intimità e che si conosce da sempre. Oppure: viene proposta allo spettatore un’autoriflessione in proposito alla capacità di saper essere sincero o meno. Ancora più semplicemente, ci si chiede: “sono una brava persona?“. Friends From College, quindi, scava parecchio nella personalità, offrendo una profondità niente male anche se non originalissima (qualsiasi film di Woody Allen degli anni ’80 tratta abbondantemente questa insoddisfazione per la quotidianità tipicamente borghese). Ecco: smorfie, linguacce, simpatici incidenti creano l’eterogeneità di cui sopra.
A livello narrativo la cosa subisce un effetto simile. Tutte le progressioni di trama di questo finale di stagione vengono mosse da un insieme di eventi particolarmente inverosimili, accettabilissimi all’interno di un New Girl, totalmente insensati in un Flaked o Togetherness. Dall’assurda distrazione di Max a proposito del progetto della sua casa editrice, a Marianne che insegna a guidare alla figlia di Sam, fino al Mentalist (ottimo cameo di Chris Elliot) chiamato per mettere tutti in crisi: questi ed altri elementi possono tranquillamente starci per quello che questa serie ha mostrato finora, tuttavia confermano del tutto la percettibile differenza di ingredienti che porta lo spettatore, alla domanda “ti è piaciuto?“, a rispondere “boh“.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Suspense generale
  • Ritmo concitato
  • Gioco di equivoci
  • Il ritorno del coniglio
  • Recitazione di Cobie Smulders
  • Cameo simpatico di Chris Elliott
  • Elementi narrativi poco verosimili in una narrazione che vuole essere anche drammatica
  • Alla fine il tutto è un po’ sconclusionato

 

Tempo fa esisteva il Blockbuster. Capitava di andare ad affittare dei film per passare la serata. Tanto ci si voleva rilassare che si andava a scegliere film volutamente familiari e riconoscibili, sin dalla copertina, dal titolo o dalla sinossi in quarta di copertina. Capitava di scoprire il film della vita, ma più spesso ci si trovava di fronte all’opposto di quanto “promesso” dalle prime impressioni, oppure a qualcosa di totalmente anonimo che veniva rimosso dopo pochi giorni. Ma andava bene così.
Netflix sta diventando Blockbuster?

 

Grand Cayman 1×07 ND milioni – ND rating
A Night Of Surprises 1×08 ND milioni – ND rating

 

 

Approda in RecenSerie nel tardo 2013 per giustificare la visione di uno spropositato numero di (inutili) serie iniziate a seguire senza criterio. Alla fine il motivo per cui recensisce è solo una sorta di mania del controllo. Continua a chiedersi se quando avrà una famiglia continuerà a occuparsi di questa pratica. Continua a chiedersi se avrà mai una famiglia occupandosi di questa pratica.
Gli piace Doctor Who.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: