Gypsy 1×08 – MarfaTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni by

Lo si è detto più volte e lo si è descritto in svariati modi ma “Marfa” può essere forse uno degli episodi più esemplificativi di quanto Gypsy sia stata (perché ormai a due episodi della fine il tempo passato è giustificato) un’occasione persa. A due passi dal season finale, probabilissimo series finale, non si è ancora capita la strada intrapresa dallo show, il suo intento, la trama orizzontale che Lisa Rubin ha tentato di mettere nero su bianco. C’è solo tanta confusione, alcuni momenti apprezzabili, un soft-core sempre latente ma davvero pochi, pochissimi, momenti degni di nota.


Sidney: Give me a consolation prize.
Diane: Like what?
Sidney: Your last name.

Prendendo “Marfa” e sviscerandola per storyline e potenzialità, si può notare da un lato una certa predisposizione per il lato sentimentale/erotico che funge da motore della narrazione, dall’altro lato c’è molta pochezza a cui si aggiunge un minutaggio eccessivo per la densità della narrazione espressa. Fondamentalmente tutto si può ricondurre ai segreti, per non dire doppie vite, che Michael ma soprattutto Jean conducono. Se il primo è semplicemente a disagio, ora anche lavorativamente parlando, per le attenzioni speciali ricevute dalla segretaria, la seconda continua ad annotarsi su un diario tutte le cose che dice nel momento in cui si trasforma in Diane. In questa puntata più che mai emerge però una sorta di cross-over tra le due vite di Diane/Jean, vuoi per necessità, vuoi per piacere. La gentile concessione della dottoressa Holloway di far stare la sua paziente Allison nella casa di Diane è probabilmente il primo e vero gesto di invasione fisica di una persona all’interno della doppia vita del character della Watts; il tutto mentre lo schiaffo dato in doccia a Michael non è altro che un tentativo di vivere per trasposizione l’esperienza di Sam.

Michael: What was that for?
Jean: Don’t ever go to my coffee shop again.

C’è molto di sottinteso in questa frase, più di quanto non si potrebbe immaginare. Minaccia, avvertimento, tentativo di mantenere le distanze, mero gioco erotico: in qualsiasi modo lo si voglia leggere, non è solo una frase con un significato univoco e arriva in un momento, sia temporale che seriale, in cui si potrebbero auspicare anche delle conseguenze. Nella pochezza della storia vista finora, Gypsy ha messo nero su bianco solo due cose: l’ambivalenza della sua protagonista e la certezza che qualcosa andrà presto storto. È infatti praticamente certo che la famiglia composta da Michael e Jean non rimarrà felice e compatta come vorrebbe far credere ma piuttosto potrebbe essere travolta dallo scandalo lavorativo, ma falso, di Michael e dalla effettiva doppia vita condotta da Jean. I due universi di quest’ultima stanno infatti collidendo ad una velocità lenta ma esponenziale. È tuttavia colpa di questa lentezza e di un minutaggio fuori da ogni concezione che la serie non rende.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Strategia di Jean per non far smascherare Diane
  • Michael sulla difensiva
  • Lentezza sempre eccessiva
  • Poche evoluzioni
Si potrà anche salvare la puntata ma difficilmente si arriverà alla fine di Gypsy soddisfatti per queste 10 ore di visione.
Euforia 1×07 ND milioni – ND rating
Marfa 1×08 ND milioni – ND rating

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un’età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del “Progetto Recenserie”. E’ un burbero dal cuore d’oro che gira per l’etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: