Supernatural 13×15 – A Most Holy ManTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/Supernatural by

Era da un po’ che non si assisteva a qualche filler deprecabile ed è quindi con un po’ di sorpresa che si assiste attoniti a questo “A Most Holy Man”, una puntata che poi tanto filler non è visto l’obiettivo finale (raggiunto tra l’altro) di ottenere il sangue del “most holy man” ma che in quanto a realizzazione ed intrattenimento lascia totalmente a desiderare. Non è infatti un caso che Supernatural giochi con generi cinematografici adattandoli al proprio modo di fare tv (in questo caso è un misto tra noir e film mafiosi), ed in genere spesso ci becca anche in quanto ad “adattamento televisivo” (passateci il termine), però quando manca il mordente manca il mordente. E capitare dopo un episodio come “Good Intentions” non aiuta assolutamente in termini di paragone.

Sam:I mean, I mean, you know… You ever feel like we’re… We’re doing nothing but playing defense? You know, bouncing from one apocalypse to the next?
Dean:Well, it’s not exactly our call.
Sam:I know that, and I’m not saying we don’t do good. But, but no matter how many people we save, there will be more people that need saving. No matter how many monsters we kill…
Dean:There’s always gonna be another one around the corner.
Sam:Exactly. You think we could ever change things? I mean, really change things? You know, stop all the monsters, all the bad?
Dean:That would be nice.
Sam:So what are you thinkin’? Think that’ll work?
Dean:I have faith.

Innanzitutto bisogna ammettere che non c’è tantissimo da dire circa questa puntata perchè non c’è veramente nulla da salvare. Tutto è fatto in maniera estremamente pressapochista, con un cast di supporto che fa bruciare gli occhi per l’inesperienza e la recitazione da teatro di provincia (in particolar modo Father Lucca Camilleri, talmente italiano/maltese che ha due C invece che una), una trama che è sì piena di plot twist ma anche quel genere di plot twist a cui Supernatural ha abituato molte volte (doppio, triplo, quadruplo doppiogioco) e di fatto una mancanza di appeal generale.
A tutto ciò va poi aggiunta un’abbondante dose di buonismo non richiesto che serve solo ad allungare il brodo. È infatti evidente che la conversazione finale qua riportata sia lì solo per una questione di minutaggio ed una conclusione “ad effetto” riportando in ballo il discorso sulla fede che tanto ha imperversato nelle conversazioni tra Dean e Father Lucca. Un’enfatizzazione che stona nel contesto generale e anche con il modo di fare di Dean, chiaramente non credente e anche a ragion veduta, vista l’esperienza con Dio.
Brucia poi ancora di più il dialogo banalissimo con cui, allo scoccare del finale di puntata, si scopre di aver di fronte esattamente il tanto agognato “most holy man”, quasi come se il fato o la fede avessero ricompensato i WInchester per le buone azioni compiute. Un colpo allo stomaco ed un insulto alle facoltà mentali di tutti coloro che seguono la serie da 13 anni con passione e fedeltà. Ed il bello è che a scrivere questa sceneggiatura sono stati i due showrunner insieme (Dabb e Singer) in un tripudio di elucubrazioni mentali che sono terminate in questa merda colossale. Vergognoso.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Raccolto il primo dei 4 ingredienti per aprire il portale
  • Dean che parla delle conseguenze in caso gli rubino l’Impala
  • Storia facilmente prevedibile
  • Personaggi secondari di una superficialità disarmante, in particolar modo il “most holy man”
  • Finale totalmente buonista che concede su un piatto d’argento il sangue tanto agognato
  • Quel “I have faith” finale che sa tanto da ciliegina su una torta fatta male
  • Italiano a casaccio
  • Nessuno controlla i pacchi postali che contengono teschi e nemmeno valigette che contengono 634.000,02 euro

 

Avevamo dato Burn Them All all’inizio, perchè in fin dei conti si è visto anche di peggio, ma poi scoprendo che sono stati proprio i due showrunner a scrivere il copione non si può che stroncare totalmente questo 279° episodio e pregare che questi due cani non si rimettano mai più a scrivere nulla insieme.

 

Good Intentions 13×14 1.61 milioni – 0.6 rating
A Most Holy Man 13×15 1.66 milioni – 0.5 rating

 

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: