New Girl 7×02 – Tuesday MeetingTEMPO DI LETTURA 3 min

in New Girl/Recensioni by
8 episodi per chiudere degnamente un’ottima comedy e dare l’ultimo saluto agli abitanti del Loft. Questa era l’idea iniziale dietro il rinnovo in extremis ordinato da FOX per New Girl. Niente su cui recriminare, anzi è apprezzabile la scelta del network che, una volta ogni tanto, guarda più alla chiusura di un cerchio (anche e soprattutto in rispetto ai fedeli spettatori della serie) che ai profitti. Ed era anche ammirabile la svolta annunciata da Elizabeth Meriwether, ovvero un salto temporale di 3 anni per dare nuova linfa alla serie. Tutto bene sulla carta, molto meno nella realtà. Almeno a giudicare da “About Three Years Later” e questa “Tuesday Meeting”.
Con i 40 minuti visti fin qui è abbastanza chiara la forzatura nel ripristinare le vecchie dinamiche del Loft e dei suoi coinquilini in una nuova realtà fatta di bambini che non dormono, gravidanze e coppie che non vivono più nella casa che li aveva riuniti. Vivendo di autocitazionismo, il sottoscritto recensore si autoquota ripescando una delle frasi scritte nello scorso season finale giusto per esprimere l’antitesi esistente:”Ed invece no, la coppia è riunita e questa è l’alba di una nuova era in cui (se ci sarà una settima stagione, magari ridotta in termine di numero di episodi) si potrà celebrare il futuro delle tre coppie dello show in una lunga, caotica ma gioiosa vita fuori dal Loft.
Azzeccando il forecast della stagione ridotta in numero di episodi (8 invece che 22-24), si è peccato di hybris auspicando il resto. Il Loft era e rimane una location fondamentale per la serie che fuori da quelle quattro mura non riesce per niente a sentirsi a proprio agio, e lo dimostrano gli svariati tentativi fatti finora per trovare nuovamente un punto focale entro cui far orbitare tutti i personaggi. Non per nulla, dopo il compleanno nel giardino degli Schmidt-Parekh, in questa puntata prima si è tentato di ripristinare l’ecosistema del Loft e poi si è optato (un po’ per necessità, un po’ per marcare il cambiamento) per la casa di Schmidt. E la sensazione di revival che si respira in ogni scena è quasi opprimente, tanto da dare alla nostalgia un taglio quasi negativo. Si profetizzava una vita fuori dal Loft “caotica ma gioiosa” e si sta lentamente provando a concretizzare, tuttavia il costante tentativo di ritornare alle origini nuoce gravemente alla puntata che, infatti, ne risente.
Ci sono sempre dei momenti divertenti (Cece ubriaca, i siparietti tra i tre ex coinquilini) ma c’è anche una discreta forzatura nelle storie che grava sulla fruibilità dell’episodio. Jess, per esempio, è e rimane fuori luogo e prevedibile nelle sue reazioni, pertanto non c’è veramente molto da apprezzare nella sua parte di puntata; il costante ritorno al Loft, come già detto fino allo svenimento, non è giustificato e, ancora peggio, sembra che la lettera di sfratto arrivata sul finale della scorsa “About Three Years Later” sia stata totalmente ignorata, quando invece poteva dare una spintarella alla trama. Rimane comunque apprezzabile il rapporto tra Nick e la figlia di Schmidt, o la mancanza di sonno di quest’ultimo mentre dorme con gli occhi aperti, ma sono solo piccoli spiragli rispetto al vecchio New Girl. Purtroppo.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Buon teatrino comodo tra Winston, Nick, Schmidt e sua figlia
  • Il citazionismo di Mao
  • Schmidt dorme con gli occhi aperti
  • Cece ubriaca tiene bene la scena
  • Nessuna menzione del foglio di sfratto ricevuto in “About Three Years Later
  • Si percepisce una certa forzatura generale
  • Winston non gestito al meglio
  • Jess al solito esagerata e surreale

 

Bisogna evolvere la storia per davvero. Gli spettatori non stanno gradendo molto visto il nuovo serie low, e noi nemmeno.

 

About Three Years Later 7×01 1.83 milioni – 0.7 rating
Tuesday Meeting 7×02 1.58 milioni – 0.6 rating

 

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from New Girl

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: