Succession 1×01 – CelebrationTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/Succession by
Come universalmente riconosciuto dal mondo degli appassionati televisivi non casuali, HBO porta sullo schermo da quasi vent’anni ormai prodotti di altissimo spessore con stupefacente continuità, e si conferma puntualmente come una delle migliori, molto probabilmente la migliore, tra le case produttrici americane che si dedicano alla creazione di prodotti televisivi.
Quando viene presentato quindi uno show televisivo di HBO, le aspettative ad accompagnarlo non possono non essere enormi. Difficile, anzi impossibile però che tutte le produzioni di un’emittente escano per il verso giusto, spetta quindi a queste ultime nascondere abilmente gli scheletri nell’armadio, coprendoli con fiumi di grandissimo materiale.
Una delle produzioni che passerà con tutta probabilità nel dimenticatoio è quella più recente, ovvero il family drama Succession. Prima di analizzarla è opportuna un’ulteriore precisazione: cercando di cavalcare il successo planetario riscosso da This Is Us, molte case produttrici hanno battuto fortemente la strada del genere sopracitato, ottenendo ovviamente risultati alterni. Rimanendo però in casa Home Box Office, con la memoria ancora rivolta a quel grande pezzo di televisione che fu Six Feet Under, ad inizio anno c’era già stato un tentativo particolare di dare vita ad un family drama. Here & Now però ha deluso fortemente le aspettative, con un’impostazione da famiglia Benetton ed un plot confusionario, non particolarmente apprezzati da critica e pubblico.
A livello creativo Succession si presenta molto lontana dal family drama precedente, cancellato dopo soltanto una stagione visti gli scarsi riscontri, e si avvicina più a tre show che hanno dato all’alta società quel qualcosa in più che serviva per farla entrare nelle case degli appassionati, ovvero DynastyTrust e Billions.
A differenza degli ultimi due show, la serie di Jesse Armstrong presenta delle debolezze in più punti, al pari del primo. Spicca tra tutti la difficoltà per lo spettatore di interessarsi alle vicende della famiglia Roy, che vive di personaggi costruiti su degli odiosi cliché da famiglia altolocata. Il problema di scrittura ben più grave è però quello che si presenta al termine della puntata, quando il padre viene improvvisamente colpito da un infarto. La prevedibilità dell’evento e il fatto che sia accaduto in maniera così repentina portano a pensare che tutte le cartucce degli sceneggiatori fossero puntate direttamente sulla prima puntata e che non ci fosse un’idea di continuità particolare. Un espediente banale, considerando che l’episodio batte in maniera molto decisa quella via, e che potrebbe peggiorare se lo steso Logan Roy (interpretato da Brian Cox) dovesse abbandonare la compagnia.
Poco bene anche il comparto tecnico, dove regia e fotografia risultano a tratti snervanti. Il cambio continuo di piano, un meccanismo ripetuto così tante volte in una sola ora da stancare l’occhio alla lunga, vede l’inquadratura passare solitamente da quello medio, che copre una parte più ampia di figura, al primo e spesso anche al primissimo, un esercizio che appare completamente inutile e anzi controproducente, considerando quanto poco si entri veramente all’interno della psiche dei personaggi e quanto sia difficile immedesimarsi nella loro situazione.
Un peccato perché la scenografia si presenta in maniera suggestiva, con gli attori che sembrano a proprio agio nell’interpretare il proprio ruolo. Il fatto di rappresentare dei cliché, infatti, pur lasciando a desiderare dal punto di vista dell’approfondimento psicologico dei personaggi, esalta il ruolo degli interpreti, specialmente di Jeremy Strong, incredibilmente convincente nella parte di Kendall, il figlio inetto bersaglio preferito del padre e dei fratelli.
L’unica nota probabilmente del tutto positiva è la figura di Greg, un cugino dei quattro fratelli che conferisce ad un contesto molto lontano dal suo standard di “ragazzo in cerca di un’identità che si droga per risolvere i suoi problemi” un po’ di colore. La sua presenza non condiziona particolarmente gli eventi da subito, il suo ruolo sarà presumibilmente quello di scalare la gerarchia familiare e di ingraziarsi in qualche modo le simpatie dei padroni di casa. Non sarà una svolta narrativa eccezionale ma per il pubblico non c’erano molti rami a cui appaiarsi e una figura più vicina alla realtà delle persone più comuni fa sempre comodo, considerando la difficoltà di immedesimazione nel resto dei personaggi.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Attori molto adatti ai rouli interpretati
  • Atmosfera azzeccata
  • Greg
  • Atteggiamento dei personaggi molto realistico 
  • Plot debole
  • Momenti comedy poco curati
  • Prodotto meno buono rispetto ad altri family drama altolocati che non eccelle in nulla
  • Continui stacchi e primi piani della regia
  • L’infarto occorso al padre nel finale è prevedibile e troppo immediato
  • La cura delle personalità si perde in dei cliché troppo evidenti

 

La prima puntata di Succession purtroppo non è stata in linea di massima un grandissimo successo: una scrittura basica, una regia rudimentale e snervante unita a problematiche legate ad un tentativo, probabilmente sperimentale, di HBO di mettere in scena un family drama di alto rango (narrativa complicata quanto attuale) hanno compromesso il successo del primo episodio. Dopo il fallimento di Here & Now ad inizio anno il tempo di improvvisare per la compagnia Newyorkese è sempre meno, tirare fuori un Six Feet Under 2.0 non è impresa da poco, certo per ora il risultato sperato sembra lontanissimo.

 

Celebration 1×01 0.58 milioni – 0.15 rating

 

Arrivato ormai alla veneranda età di 18 anni, da 6 anni, e in cerca di nuovi stimoli si è unito a RecenSerie per convertire il team al culto di Tina Fey e per trasmettere all'umanità la passione per le comedy. Tra una puntata e l'altra cerca di laurearsi in lettere e di guardare per un tempo indeterminato quanto più sport possibile. Il suo sogno nel cassetto è scrivere la sceneggiatura di una sit com modello talent-show con protagonisti Joe Bastianich, Lilly Meraviglia e Damiano Er Faina

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: