The Flash 5×01 – NoraTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/The Flash by

“Ehi, spoiler alert!”

Il cliffhanger posto alla fine di “We Are The Flash” non lasciava alcun dubbio su quale sarebbe stato il theme focus di questa quinta stagione di The Flash: l’arrivo improvviso (e improvvisato) della futura figlia della coppia Barry-Iris, Nora.
Questa, fin da subito si presenta come una grandissima rompicoglioni una specie di pesce fuor d’acqua, utile per montare su siparietti comici che si rifanno ai grandi classici della “family-comedy”, da Ti presento i miei a Gli Incredibili (quest’ultimo forse quello che si avvicina di più, anche tematicamente, all’episodio).
Questi ultimi sono forse la parte più negativa di questa première stagionale che non brilla certo per originalità né per plot twist e nemmeno per scrittura. Così come le battute appaiono forse troppo scontate e prevedibili e particolarmente imbarazzanti, allo stesso modo tutta l’ironia che trasuda da questo episodio fa più piangere che ridere.
La storyline di Nora si snoda lungo tutti i 40 minuti di puntata e, di fatto, si può dire che ha già esaurito tutto quello che aveva da dire: dall’evidente complesso di Elettra nei confronti del padre, fino al suo diventare pian piano un personaggio fisso che si accompagnerà al resto del cast per tutta questa quinta stagione. Bisogna dire che su questo punto in pochi avevano dei dubbi: era evidente che l’entrata in scena improvvisa della futura figlia dei coniugi Allen non era affatto casuale.
Il problema però, (o almeno i dubbi che potevano giustamente sorgere da questa scoperta) riguardavano il come giustificarla dal punto di vista della cosiddetta “linea temporale”, un fattore che appare sempre come sacro ma che, puntualmente, nell’universo narrativo dell’Arrowverse viene alla fine tralasciato come se non avesse alcuna importanza.
Questo accade sempre anche in DC’s Legends Of Tomorrow, e non a caso tocca al personaggio che fa da trait d’union a queste due serie (Wally) giustificare questa ennesima violazione delle norme temporali. Il problema è che quello che potrebbe apparire come giustificabile in DC’s Legends Of Tomorrow (dato che, questa serie in particolare, non andrebbe avanti senza continue violazioni alla linea temporale) non funziona allo stesso modo per The Flash. Non a caso la spiegazione di Wally è, a tutti gli effetti, una lunga arrampicata sugli specchi senza senso. Un po’ come tutti i colpi di scena, i plot twist e le soluzioni improvvisate di Cisco (personaggio che diventa sempre più odioso di stagione in stagione) che diventano sempre più insistentemente delle vere e proprie forzature di trama che non aiutano a migliorare il contesto della serie. Anzi, nel complesso tutti questi elementi diventano un bruttissimo biglietto da visita considerando che questa è solo la première di stagione e, dunque, chissà cosa ci si può aspettare da tutte le altre puntate.
Ma, volendo essere ottimisti, bisogna considerare anche le poche note positive dell’episodio: il cliffhanger finale su Caitlin/Killer Frost aiuta a rinnovare l’interesse su questo particolare personaggio che potrebbe far esplodere dei conflitti veramente interessanti e sicuramente più accattivanti rispetto alla storyline principale. Anche perché, dopo l’addio (arrivederci?) di Harry (giustamente ricordato in una delle poche scene veramente emozionanti dell’episodio), la serie necessita di personaggi che riescano a rinnovare l’interesse dello spettatore ormai assopito.
E non può essere sicuramente un personaggio come Ralph ad adempiere a questo obiettivo visto che il suo unico scopo sembra essere quello di fare da “recap vivente” su quanto successo finora, con dialoghi che sono fatti apposta per fare da riassunto-riempitivo nelle scene morte tra un plot twist triste e l’altro.
“Nora” si conferma così un’episodio molto “sciallo” (per usare un termine gggiovane che piace tanto agli autori) in cui vengono scelte tutte le soluzioni più ovvie possibili senza troppa cura o studio particolare; con questi presupposti, il risultato può non essere sempre positivo e in questo caso, infatti, non lo è.
L’unica consolazione è che da qui in poi si può solo migliorare. Forse.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Possibile crossover con DC’s Legends Of Tomorrow
  • Tuta “old school” di Flash
  • Cliffhanger finale su Killer Frost
  • Nora
  • Ralph che serve solo a fare da “recap vivente”
  • Cisco sempre più odioso
  • In generale tutti i momenti “comici” in stile “Ti presento i miei” e “Gli Incredibili”
  • Spoiler alert che cazzo!
  • Plot twist tristissimi e buchi di sceneggiatura everywhere
  • “Anello portacostume” troppo trash anche per una serie come questa

 

Plot twist tristissimi, personaggi odiosi, battute trite e ritrite, prevedibilità e buchi di sceneggiature everywhere. Il voto finale è Slap ma solo perché il recensore è troppo buono e vuole essere “sciallo”.

 

We Are The Flash 4×23 2.16 milioni – 0.8 rating
Nora 5×01 2.08 milioni – 0.8 rating

 

 

Tags:

Laureato presso l'Università di Bologna in "Cinema, televisione e produzioni multimediali". Nella vita scrive e recensisce riguardo ogni cosa che gli capita guidato dalle sue numerose personalità multiple tra cui un innocuo amico immaginario chiamato Tyler Durden!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: