The Neighborhood 1×01 – PilotTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/The Neighborhood by
TheNeighborhood1x01I Johnson sono una giovane famiglia di bianchi che decide di trasferirsi a Pasadena, Los Angeles, in un quartiere abitato da soli afroamericani: la coppia fa così la conoscenza dei Butler, i nuovi vicini. I giovani coniugi avranno modo di relazionarsi anche con il resto del vicinato, che comincerà fin da subito a guardarli con diffidenza a causa del pallido colorito della loro pelle.
La CBS per la sua nuova comedy ricorre a una vecchia conoscenza quale è Jim Reynolds (The Big Bang Theory) in veste di autore e produttore esecutivo, il quale firma la serie e in particolare l’episodio pilota. I protagonisti sono interpretati da due già star della commedia, Max Greenfield (New Girl) e Beth Behrs (2 Broke Girls) i quali parcheggiano la propria auto nello stesso vialetto di Cedric The Entertainer e Tichina Arnold. Entrambe le coppie si amalgamano bene ma i primi contatti tra di loro non sono troppo riusciti, complice forse una differenza di età e poche cose in comune, barbecue in giardino a parte.
A scanso di equivoci, diciamolo subito, il rischio sbadiglio è dietro l’angolo e la trama non permette di sperare in un ingranaggio successivo. A primo acchito, nonostante il trasloco iniziale, la serie pare essere destinata alla staticità, nutrendosi di stereotipi e battute monotematiche. Onestamente, non sappiamo quanti episodi potrebbero reggersi sull’humour razziale, certamente non troppi e la situazione comica andrebbe sviluppata con qualche scena diversa e una scrittura che possa permettere agli attori di esplorare un’ironia differente da quella della ghettizzazione, anche se dei bianchi. Pur vantando nomi conosciuti e amati nel mondo delle comedy, The Neighborhood parte da una premessa troppo sempliciotta, dimostrandosi nel corso dell’episodio una serie carente di idee e di originalità. Il tema del razzismo degli afroamericani verso i bianchi potrebbe apparire inedito rispetto alla già vista discriminazione nei riguardi della pelle nera; in realtà le battute sono oltremodo mediocri tant’è che nemmeno una viene memorizzata per essere citata nella recensione. La scelta della tematica poteva rivelarsi, oltre che inedita e originale, deliziosamente politicamente scorretta. Anche qui, in realtà, rimarrete delusi perché l’episodio scarseggia di un tono provocatorio, di quell’ironia pungente che riesce a rendere uno stereotipo molto più appetibile di quanto possa esserlo sulla carta. Insomma come episodio di presentazione non è andato troppo bene: la serie della CBS non spicca per particolari qualità, né per scrittura, per originalità o per qualche personaggio che si distingue dagli altri. Quello che emerge è una comedy di medio/basso livello, già abbondantemente presenti nel mercato, senza alcun punto di forza che le permetta di farsi ricordare.
Sarebbe stato bello vedere due attori amati come Max Greenfield e Beth Behrs lavorare insieme e riuscire a costruirsi un nuovo spazio, indipendente dalle rispettive serie (dai nomi parecchio ingombranti per un attore). Nell’episodio i due attori non hanno avuto modo di interagire poi troppo, visto e considerato che la narrazione ha preferito focalizzarsi fin da subito sul rapporto tra Dave Johnson e Calvin Butler. Non è detto che questo non accada nel prosieguo degli episodi ma, diciamocelo, come episodio di presentazione non promette troppo bene e di certo non ci immoleremo guardando un minuto in più per scoprirlo. La nuova comedy della CBS ha avuto la sua occasione per conquistare la nostra fiducia, ma purtroppo la dura legge del palinsesto televisivo è che non c’è una seconda occasione per fare una buona prima impressione e nel vasto mare delle serie tv da monitorare non si può perdere tempo con i Johnson. Purtroppo la triste verità non è che The Neighborhood non strappa un sorriso (il che è già tutto dire in una serie tv comedy), ma che essa annoia da morire. Più e più volte l’episodio vi spingerà a porvi la pericolosa domanda: quanto manca?

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • I titoli di coda 
  • Nulla di nuovo nel genere comedy 
  • Comicità inesistente
  • Beth Behrs troppo in secondo piano
  • Avrebbe giovato se l’episodio si fosse concentrato anche sul rapporto tra i coniugi Johnson, non solo su quello tra i vicini
  • Episodio troppo noioso per essere un pilota

 

Per voler essere una comedy leggera, The Neighborhood si rivela di una pesantezza esagerata. Venti minuti che paiono sessanta.

 

Pilot 1×01 8.10 milioni – 1.3 rating

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: