);

Arrow 7×20 – 7×21 – Confessions – Living ProofTEMPO DI LETTURA 4 min

in Arrow/Recensioni by
Questo terzultimo e penultimo episodio di Arrow sono legati a filo doppio, tanto da poter essere considerati come una prima e seconda parte, e vanno in una direzione parzialmente inaspettata ma alquanto originale se la si mette in prospettiva dell’intera stagione. Ci sono un paio di ritorni importanti nel presente che portano i nomi di Roy Harper (già presente nella storyline del 2040) e Tommy Merlin (anche se questo è totalmente immaginario), ritorni che funzionano molto bene anche, se non solo, per il modo particolare con cui vengono rimessi in campo.
Sia “Confessions” che “Living Proof” sono infatti due puntate molto diverse tra loro ma sono anche molto simili per l’atteggiamento molto sperimentale dello script. E non ce ne si sta lamentando, anzi. “Confessions”, grazie al suo stile peculiarmente soggettivo, riesce a dare un taglio narrativo molto particolare soprattutto con un utilizzo dei flashback molto interessante e funzionale che ricorda a tratti Memento (paragone molto azzardato, lo sappiamo). Questa non è la prima volta che in questa stagione si sperimenta qualcosa di nuovo (sia “Star City 2040” che “Emerald Archer” sono un buon esempio in tal senso) ed è un punto che va a favore della nuova showrunner Beth Schwartz, bravissima nel rivitalizzare una serie che era andata più volte incontro ad un vicolo cieco.

Oliver:That wasn’t Mirakuru.
Roy:No.
Oliver:How did it happen?
Roy:What do you mean?
Oliver:How did you die?
Roy:How did you know?
Oliver:You, Thea, and Nyssa left here over a year ago in search of Lazarus Pits, and I have not seen bloodlust like that since Thea was resurrected by one.

L’elemento più apprezzabile di “Confessions” è però la prospettiva estremamente soggettiva che supporta ampiamente il lavoro degli sceneggiatori nel creare spazio per plot twist inaspettati. Sia la collaborazione di Dinah, sia soprattutto la morte e poi resurrezione di Roy Harper sono delle belle sorprese. Quest’ultima, in particolare, permette anche di estendere l’immaginazione circa il lavoro dei due fidanzati e di Nyssa in giro per il mondo, ovvero lì dove li si era abbandonati nella scorsa stagione. Tutto molto ben gestito. Ci si può lamentare solamente della gestione di Arsenal dopo aver ucciso i due poliziotti: ok, si può giustificare il tutto con gli effetti della resurrezione dal Pozzo Di Lazzaro ma un minimo di senso di colpa più marcato poteva essere mostrato.
Oltre a crogiolarsi sulle scale da solo a fine episodio, Roy si immola anche nella puntata successiva per spegnere l’elettricità del palazzo, quasi a voler enfatizzare il suo senso di colpa. Ma questa è più una deduzione lasciata in mano allo spettatore piuttosto che un’ammissione, ed in questo caso sarebbe stato utile dire due parole in più.

Oliver:Haven’t you seen enough death? Your mother, our father. I want you to be better than him. I want you to help me. Help me end our family’s cycle of violence.
Emiko:We are not family. Do it. Kill me.
Oliver:No.

“Living Proof” è un episodio che, invece di giocare sui flashback, lavora molto di flashforward con il ritorno della storyline ambientata nel 2040. Premesso che il prossimo episodio sarà il season finale e che quindi si dovrebbe attendere la chiusura della storyline relativa ad Emiko, si procede a passo spedito per mettere in ballo tutto quello che è stato faticosamente creato nel corso di questo settimo ritorno. La fine della collaborazione polizia-vigilantes viene sbandierata più e più volte, in maniera quasi fastidiosa se si ripensa a come la polizia di Star City abbia stupidamente trattato ogni volta i vari eroi nonostante i vari tentativi di Oliver & Co. di lavorare insieme. Ecco quindi che frasi come “I thought it was you. Somebody dressed like you stole the weapon from the subway.” diventano il pane quotidiano di poliziotti che si imbarazzano da soli grazie a questi ragionamenti. Francamente evitabili.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Episodi molto diversi ma anche molto buoni
  • Arsenal morto e resuscitato: un bel plot twist
  • Tommy Merlin ritorna come guida spirituale di Oliver
  • Cura nella regia
  • A volte può essere frustrante la continua vittoria di Emiko
  • Arsenal uccide due poliziotti ma il senso di colpevolezza non è poi così enfatizzato come dovrebbe essere
  • Stupidità acutissima dei poliziotti che continuano ad accusare il Team Arrow per qualsiasi cosa

 

Due ottimi episodi che arrivano in un momento di stanchezza della serie ma anche a ridosso del season finale. Tutto molto apprezzabile a parte qualche cosuccia. Brava Beth Schwartz

 

Spartan 7×19 0.71 milioni – 0.2 rating
Confessions 7×20 0.64 milioni – 0.2 rating
Living Proof 7×21 0.63 milioni – 0.2 rating

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

Arrow 7×19 – Spartan

“My name is General Roy Stewart. Serial number 498003145.” (La risposta perfetta
error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: