);

Barry 2×07 – The AuditionTEMPO DI LETTURA 3 min

in Barry/Recensioni by
Il senso di attesa vissuto nel precedente episodio prosegue anche in questo penultimo. Anche se parlare di attesa è scorretto in quanto non mancano certo eventi determinanti il prossimo futuro della serie, o comunque il suo finale.
La verità è che ad influenzare sesto e settimo episodio non è tanto il season finale alle porte, quanto il geniale quinto che ha notevolmente alzato l’asticella nelle aspettative del pubblico. Proprio il ritorno (già nel precedente episodio) alla suddivisione in sottotrame ha ricondotto lo show verso una “normalità”, comunque brillante.
“The Audition” ha l’enorme merito di focalizzare gran parte dell’attenzione verso la grande dicotomia che caratterizza la serie intera: thriller vs. comedy. O meglio, la storia di un killer e la storia di un attore, entrambi rappresentati dalla stessa figura. Sally ottiene un importante provino e Barry le fa solamente da “spalla”, accompagnandola. Se però lei otterrà una proposta degradante e demenziale, allo stesso tempo lui, con totale disinvoltura, senza neanche impegnarsi, otterrà un importante provino per un ruolo cinematografico (che si rivelerà comunque di bassa lega). Barry ha la predisposizione naturale per fare l’attore, ma il suo destino di killer lo insegue senza tregua e, quando è ad un passo dal compiere il salto di qualità in termini di recitazione, un mondo ben più oscuro e malvagio lo richiama a sé. Nota comica: pur con un provino decisamente sotto le aspettative, riesce comunque a catturare l’attenzione del regista.
Sally rappresenta l’aprifila del tipo di personaggi che circondano l’universo di Barry. Personaggi caratterizzati unicamente per rispondere quasi allo stereotipo di un genere narrativo. Se Sally deve apparire come l’aspirante attrice talentuosa ma fragile, non potrà mai mischiarsi in un mondo fatto di omicidi. Ogni figura appartiene ad una categoria ben definita e i due mondi rappresentati nella mezz’ora scarsa di puntata difficilmente potranno unirsi o meglio, potranno farlo solo di fronte a particolari svolte narrative, vedi il terribile finale sospeso con l’incontro tra un ignaro Coisenau e uno spietato Fuches.
Indubbiamente, nel più vario mondo criminale i personaggi possono essere rappresentati in maniere ben più bizzarre. E’ il caso di Hank che vede salva la vita da un’esecuzione senza scampo non facendo niente, salvato dal suo nuovo cecchino, dopo un surreale discorso. Se il mondo della recitazione viene costruito pienamente in “salsa comedy”, senza guardare in faccia nessuno, quello criminale è il delirio più totale dove tutto potrebbe succedere. Certo è che, a voler trovare un pelo nell’uovo, proprio questa enorme libertà di movimento porta a rendere la sottotrama di Hank vagamente macchiettistica, ormai – almeno in questi due episodi – scollegata dalle vicende del protagonista. Non si esclude che quanto mostrato, per quanto riguarda questa appassionante guerra tra ceceni, boliviani e birmani, non si andrà a ricondurre con qualche importante sviluppo di trama futura.
Ciò che viene da chiedersi è se prevarrà il Barry attore o il Barry killer. Se avrà la meglio la sua (quasi involontaria) crescente carriera o l’oscurità che continua a trascinarlo con sé. Vero è che all’aumentare dell’apprezzamento che riceve nel campo della recitazione, aumentano anche i pericoli portati da suo bagaglio personale.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Thriller vs Comedy
  • Barry scritturato per un film trash
  • La serie tv per cui viene opzionata Sally
  • Coisenau e Fuches
  • Il finale
  • Il monologo di Hank mentre tutti scappano
  • Se Hank (comunque protagonista sempre di scene brillanti) è troppo scollegato dal protagonista rischia di cadere nella macchietta

 

I Thank di Barry sarebbero Bless per qualsiasi altra serie. Aver prodotto una perla come la 2×05 è stato un paradossale autogoal. Lo stile e la capacità di quell’episodio di essere crudo, surreale e comico allo stesso tempo ha fatto alzare le aspettative di chiunque, è vero, ma ha anche fatto sì che a due episodi di distanza si parlasse ancora di quell’episodio.

 

The Truth Has A Ring To It 2×06 1.99 milioni – 0.8 rating
The Audition 2×07 1.87 milioni – 0.8 rating

 

Tags:

Approda in RecenSerie nel tardo 2013 per giustificare la visione di uno spropositato numero di (inutili) serie iniziate a seguire senza criterio. Alla fine il motivo per cui recensisce è solo una sorta di mania del controllo. Continua a chiedersi se quando avrà una famiglia continuerà a occuparsi di questa pratica. Continua a chiedersi se avrà mai una famiglia occupandosi di questa pratica. Gli piace Doctor Who.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: