);

Legion 3×01 – Chapter 20TEMPO DI LETTURA 3 min

in Legion/Recensioni by

Noah Hawley è chiaramente un mattacchione che si diverte a fare cose assurde in un telefilm che gli dà tutte le possibilità per poter mettere, ad esempio, un enorme maiale che allatta esseri umani con un liquido blu. Arrivati alla terza stagione non c’è da sorprendersi se all’improvviso ci si trova davanti una “time traveler” nipponica che finisce in una sorta di video musicale, ed infatti anche il “fattore WOW” sta cominciando a risentire un po’ di tutte queste stramberie altisonanti anche se l’introduzione di un (mutante?) character in grado di viaggiare nel tempo è una bella sorpresa. Fortunatamente peró ci sono altri elementi che tengono serenamente in alto la serie, come ad esempio la trama.

Time is not a river. Time is a jungle, filled with monsters.

Come ampiamente sbandierato da FX, questa terza annata è l’ultima e si apprezza la scelta di chiudere uno show particolarissimo come questo quando è ancora al suo apice creativo, piuttosto che prolungarlo ad oltranza con un conseguente calo naturale della qualità. D’altronde il modo in cui si concludeva lo scorso season finale non lasciava moltissimo spazio per continuare la storia ancora a lungo, serviva dare una conclusione alla serie e mostrare David nella nuova cattiva(?) versione di sè stesso (non dimenticandosi quelle che coabitano la sua mente) concedendo ad Hawley il tempo per portare tutto a termine nel giusto modo. Ed è forse per questa chiusura imminente che alla puntata si può forse paradossalmente biasimare una maggiore comprensibilità che in parte infastidisce un po’, viste le abitudini dello spettatore, ma dall’altra parte piace perchè esalta il piacere nel breve termine. Ma sono piccoli dettagli, specie se si pensa ai primi 20 minuti in cui si concede ad una completa sconosciuta il timone di una puntata: mossa audace, addirittura gagliarda ma perfetta per spiegare la nuova realtà di Legion e la necessità di Switch nella trama per salvare David.
“Chapter 20” ricomincia quindi da qui, con un David passato dall’altra parte della barricata in un ruolo che era stato preannunciato già nella scorsa stagione. Rimangono ovviamente vivi i temi principali della serie, come la fiducia (“What about trust?” “Mmm. I tried that, and it’s better to read people’s minds.“) e l’amore (“Why do you need a time traveler? So it’s a girl thing. You want to go back in time and what? Get your girlfriend back?”) ma riemerge nuovamente anche la tematica della vendetta (“There’s a job to do.” “Revenge is not a job.“) che alla fine coinvolge un po’ tutti i personaggi che in qualche modo vogliono chiudere il cerchio: nuove alleanze vengono stipulate, nuovi personaggi vengono e verranno introdotti (ora è stato il turno di Switch ma si attende con ansia il tanto sbandierato arrivo di Charles Xavier, stavolta interpretato da Harry Lloyd) e nuovi trip mentali vengono mostrati da una sempre bellissima regia.
Tutto molto bello a parte una Lenny messa lì semplicemente perchè doveva apparire. Ma a Hawley si può concedere questa sbavatura se tutto il resto è praticamente perfetto.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Introduzione (audace) di una viaggiatrice temporale
  • Solita regia potentissima
  • Il maiale gigante che allatta
  • David in versione santone
  • Farouk continua ad essere uno dei migliori personaggi a dispetto del tempo che passa e dei character con cui si interfaccia
  • Navid Negahban sempre eccelso
  • Niente di rilevante ma manca forse quella sensazione di essere totalmente incoscienti di quello che sta accadendo
  • Lenny messa li giusto perchè doveva essere messa da qualche parte

 

“Chapter 20” è un’ottima puntata che riporta lo spettatore, ad 1 anno di distanza, lì dove tutto si era interrotto ed il confine tra buoni e cattivi si era improvvisamente offuscato. Ora non ci sono buoni o cattivi, ci sono semplicemente persone (e mutanti) che si temono a vicenda e che stanno fondamentalmente cercando di salvare il mondo da un’apocalisse che sembra essersi generata in loop. E noi siamo qui per assistere al gran finale con una regia maestosa mentre si continua a non capire cosa stia accadendo sul piccolo schermo.

 

Chapter 19 2×11 0.31 milioni – 0.1 rating
Chapter 20 3×01 0.38 milioni – 0.1 rating

 

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: