);

Billions 5×07 – The Limitless ShitTEMPO DI LETTURA 5 min

/
Sulle note decisamente potenti di “Hardwired” dei Metallica, Billions si prende una pausa forzata ma già largamente anticipata a causa dello stop alle riprese dovute al Coronavirus. Ed è una pausa che funziona anche bene, a suo modo, come midseason finale grazie alla rinnovata faida tra Axe e Pierce, accesa questa volta da Taylor. Un po’ di fortuna, insomma, in una stagione che fatica a trovare la quadra, vuoi perché i canonici dodici episodi sono sempre un po’ troppi per la serie, vuoi perché in fin dei conti si continua a gigioneggiare intorno alla vera trama orizzontale: lo scontro tra Axe e Chuck.
Non è un caso, anzi è abbastanza normale, continuare ad assistere a colpi assestati a distanza dai due contendenti (questa volta la vittima è il Segretario del Tesoro Todd Krakow) alternando il tutto con brevi faccia a faccia come nella scorsa “The Nordic Model“, però ad un certo punto si dovrà arrivare ad una fine, fine che si paleserà o nei prossimi cinque episodi o necessariamente in una ipotetica sesta stagione per ora non confermata. Qualsiasi sia la scelta di Brian Koppelman & David Levien, si vede che il giocattolo sta cominciando a rompersi.

L’UOVO IL RENE OGGI O LA GALLINA BAMBINA SALVADOREGNA DOMANI


Chuck: So, after all this, if my other moves don’t work, and I can’t jump him to the front of the queue… how do we secure an organ?
Swerdlow: You mean the kidney itself? That puppy comes from this pupp-ette right here. She’s an illegal just over from El Salvador. And a match. She’ll be out of lockup soon. And she’s willing to sell one. In fact, she almost already did, but the fucker croaked too soon. She’ll do anything it takes for the 38K it pays. Influx at the southern border isn’t all that bad. Lots of desperate people willing to sell their parts. She wants to do this!

L’episodio si divide chiaramente in una parte farmaceuticamente didascalica (la pillola alla Limitless) e in un’altra più avvezza al contrabbando di organi provenienti da El Salvador, tanto “folkloristicamente americana” per certi versi, quanto sfortunatamente abbastanza veritiera vista la situazione in America Centrale.
Purtroppo la trama orizzontale di Chuck sta prendendo una piega più familiare e meno orientata al business quotidiano della Manhattan privilegiata, il che è una buona variazione sul tema ma rischia anche di allontanare ulteriormente quel tanto agognato conflitto finale con Bobby che va avanti da diverse stagioni. In sette episodi finora si è visto gran poco, con i due contendenti pronti a punzecchiarsi in un modo o nell’altro, ma non moltissimo è stato fatto sul fronte principale. Il rischio di aumentare il minutaggio ed il focus in questo frangente, che è alquanto “vitale” per il profilo psicologico di Chuck, potrebbe essere un boomerang per la serie.
Ci sarebbe anche da recriminare un po’ sul comportamento decisamente poco istituzionale di Rhoades Jr. che, per il padre, si sta esponendo pericolosamente al di fuori della legge, una cosa già capitata in passato ma per “giusta causa” contro Bobby, mai per una questione meramente personale. Il gioco di favori tra character può reggere fino ad un certo punto e qui, anche se alla fine non si è concluso niente, Koppelman e Levian hanno un po’ esagerato.

LIMITLESS x BILLIONS


Axe: You guys are running last gen. I need you next gen. Purely optional. But for those of you who are ready to cross the threshold and become a version of himself with the energy of a 17-year-old, the focus of a 30-year-old and the wisdom of a 100-year-old, step the fuck up. Let me tell you: I have never felt so focused, and with all of you at the same level on this v-shit, I think we’re looking at 85% returns on the week, to say nothing of the quarter.”

L’idea utilizzata per la storyline di Bobby Axelrod non è ovviamente nuova né nel piccolo schermo, né nel campo della finanza dove le smart drugs sono più di una semplice routine per molti player (e anche per molti studenti americani). Non sorprende quindi la scelta di dedicarci un intero episodio che, tra le altre cose, funziona estremamente bene anche per il finale veramente inaspettato che regala un po’ di freschezza a questo genere. Damien Lewis sotto smart drugs poi è eccezionale sia nel movimento frenetico degli occhi, sia nella parlantina accelerata che esaspera (positivamente) l’ascoltatore
Il tutto è palesemente molto filler, il che può anche andare bene di tanto in tanto visto il costante ritorno al punto di partenza per la crociata bancaria di Axe, ma sfortunatamente cade anche in concomitanza con l’imprevisto midseason finale, quindi c’è un po’ di amarezza. Quindi, da un lato c’è una storyline leggera e anche divertente, ma dall’altro c’è un po’ troppo attendismo scenico che si dipana solo nei minuti finali dell’episodio. Come a dire: bene ma non benissimo.
 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • La pillola alla Limitless, gentilmente rinominata, V-shit è un piacevole divertissement
  • E all’improvviso… Maria Sharapova viene a cena!
  • Rinnovata la faida tra Pierce e Axe
  • Una boccata d’aria fresca per Taylor ed il suo ruolo
  • La liaison tra Nico Tanner e Wendy non convince moltissimo, forse principalmente perchè la presenza di Tanner non è poi così rilevante per la trama
  • Frank Grillo continua a non esaltare in alcun modo 
  • Manca il focus sulla vera trama orizzontale
  • Chuck non è proprio al suo meglio mentre contrabbanda organi per il padre: molto borderline…

 

“The Limitless Shit” è un episodio godibile ma che, al solito, lascia un po’ con l’amaro in bocca, specie per la mancanza di mordente dimostrata in alcuni frangenti. Ci vorrebbe un po’ di quella v-shit per focalizzare meglio le trame di Axe e Chuck perché sembra che il mantra di questa stagione sia farne funzionare solo una alla volta. Ora non resta che attendere che ricomincino le riprese degli ultimi cinque episodi che però, presumibilmente, non vedranno la luce prima del 2021… Uno hiatus piuttosto lungo per una faida contro Pierce che profuma già di vittoria per Bobby.
 

The Nordic Model 5×06 0.65 milioni – 0.1 rating
The Limitless Shit 5×07 0.66 milioni – 0.1 rating

Martin Moody

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous

Snowpiercer 1x05 - Justice Never Boarded

Next

Curon 1x07 - Il Labirinto

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: