);

Dexter 7×03 – Buck The SystemTEMPO DI LETTURA 5 min

in Recensioni by
Allora, da dove cominciare a descrivere questa terza puntata di Dexter?
Sinceramente non lo so, da un lato provo una certa soddisfazione e dall’altro non sono del tutto appagata dall’episodio intitolato “Buck The System”, l’ho trovato abbastanza contraddittorio e non chiaro per certe cose. Dopo
una puntata senza omicidi vediamo Dexter che non ce la fa più ed è in una
sorta di crisi d’astinenza da omicidi. Il suo “passeggero oscuro” comincia a farsi sentire: all’ufficio postale lo vediamo mentre si
immagina di ammazzare l’impiegata, mentre al
lavoro la seconda vittima immaginaria è il povero Masuka che viene
bruscamente sgozzato. Insomma al nostro ematologo sta ribollendo il
sangue e sembra che stia perdendo il controllo, così ne parla con Deb,
le spiega che il padre aveva ragione e che l’unico modo è canalizzare
questo suo bisogno verso persone che, seguendo il Codice, riconosce come
meritevoli di fare quella fine.  
In
questo episodio vediamo alcuni rapporti che si complicano ed altri che
si risolvono. Il primo personaggio di cui voglio scrivere è la
spogliarellista (Nadia) che si avvicina sempre di più a Quinn, tra
l’altro sembra essere il più figo visto che riesce ad avere tutte le donne che
gli passano a tiro, va bene che è un bel ragazzo però è un pò sfortunato
perchè poi non finisce mai bene ed alla fine non se lo prende nessuna; inoltre sinceramente non ho ancora capito se Nadia gioca sporco oppure davvero ha intenzione di aiutare il bel poliziotto.
Invece,
una grande delusione per me è stato il personaggio Louis, accidenti,
nello scorso episodio l’aveva lasciato in vita ed in questo episodio Dexter era riuscito a
farlo fuori, non fisicamente perché non rientrava nel codice di Harry,
sta di fatto che Dex è riuscito a farlo arrabbiare davvero, a dire la
verità mi aspettavo chissà quale reazione per vendicarsi, e invece che
cosa fa? va al molo per affondargli la barca! Onestamente mi sono fatta
una bella risata, cioè, ti fanno infuriare in quel modo e tu affondi una barca…mah!
Nel frattempo anche il signor Sirko porta avanti la sua ricerca di Viktor Baskov
e grazie ad un braccialetto con gps di Kaja Soroka capisce che il suo
uomo è stato ucciso, va bè passi che capisce al volo che è morto, ma
Dexter che è così preciso e attento come ha fatto a farsi sfuggire il
bracciale?
Sta di fatto che Sirko va a farsi un giretto al molo e
incotra Louis che cerca di affondare la barca, ed oltre a mettere gli ucraini 
sulle tracce di Dexter riesce pure a farsi ammazzare, diciamo che questo
personaggio è stato davvero una delusione, un character inutile che si è dileguato in maniera così banale.
Il
rapporto fra Deb e Dex è il vero interrogativo, infatti è dall’inizio
di questa stagione che non capisco come una persona come lei sia in
grado di accettare il lato oscuro del fratello, addirittura adesso
sembra capire e quasi quasi appoggiare il modo che ha il fratello di
eliminare la “spazzatura”.
Per quanto riguarda il sentimento di cui
si era parlato nel finale della sesta stagione pare non ci sia più
traccia, ora i due discutono e Dexter cerca di farle capire perché
quello che fa, per quanto sbagliato sia, è il modo migliore per
sopperire alle mancanze della legge. Comunque ci tengo a sottolineare la
propensione di questa ragazza ad innamorarsi di assassini (il Killer del Camion Frigo, nonché fratello di Dex) o giù di li,
escludendo l’anziano collega dell’FBI ai tempi della quarta stagione,
bei tempi quelli di Trinity.
Tra una cosa e l’altra i due hanno a che
fare con un assassino di giovani donne che però riescono a farsi
sfuggire, infatti credo proprio che lo rivedremo e la prossima volta
finirà sul tavolo incelofanato; è importante questo fatto perché è qui
che Deb capisce quali sono i limiti della legge.
Intanto la squadra omicidi cerca ancora i corpi delle vittime di Wayne
Randall (il detenuto suicida) e Dex incontra la complice, nonché ex
ragazza, dell’omicida; l’incontro tra i due sembra carico di una certa
tensione, dobbiamo aspettarci di rincontrarla? ma soprattutto: il suo personaggio avrà un ruolo importante?La puntata ha girato molto intorno alla sensazione di oppressione dovuta al controllo continuo di Deb sul fratello, lui
cerca di far capire cosa fa e perché: il risultato finale è che lei
alla fine capisce e da un certo punto di vista lo accetta, ma l’episodio
si conclude facendoci capire una cosa importante dell’assassino
ematologo. Dopo che la ragazza gli dice di tornarsene a casa sua le
parole che dice sono “Freedom
comes with a cost…”, la libertà ha un costo, e per Dexter Morgan la
libertà è quella di poter tornare ad utilizzare le mani dell’Oscuro
Passeggero ma allo stesso tempo ha perso l’unica persona a cui teneva
davvero: sua sorella.

 PRO:

  • La storia sta prendendo una bella direzione
  • Dex che cerca di portare Deb dalla sua parte
  • Deb comincia a capire che non tutto quello che fa Dex è sbagliato
  • Louis è uscito di scena

CONTRO:

  • Il modo in cui è uscito di scena Louis: alla fine si è dimostrato inutile, insomma ha deluso veramente le mie aspettative
  • Non abbiamo visto in questo episodio LaGuerta portare avanti le sue indagini

La puntata ha provocato in me sensazioni contrastanti, da un lato mi è
piaciuta e dall’altro mi ha deluso l’epilogo che ha avuto il povero
Louis, a questo punto non capisco cosa l’abbiano tenuto a fare, non era
meglio disfarsene nella sesta stagione?
Ho grandi aspettative invece per quanto riguarda la storia degli ucraini ora che sanno il nome dell’assassino di Viktor.

VOTO EMMY

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: