);

Doctor Who 12×04 – Nikola Tesla’s Night Of TerrorTEMPO DI LETTURA 3 min

/
Con il dipanarsi di una nuova stagione, alcuni schemi ormai consolidati non stupiscono più lo spettatore, piuttosto lo rassicurano. Non ci si poteva certo esimere dal passare da un’avventura di stampo altamente fantascientifico, al netto contrasto di un’ambientazione storica, con tanto di personaggio realmente vissuto e dalla discreta importanza.
L’avvicendamento tra scenari apocalittici e alieni con ambientazioni storiche caratterizza il peculiare e pluridecennale DNA della serie TV inglese, così come l’interazione tra il fittizio protagonista alieno e figure fondamentali per la storia dell’umanità. La caratterizzazione di Nikola Tesla non fa eccezione e, grazie anche ad una brillante interpretazione da parte di Goran Visnjic, si ottiene un risultato altamente gradevole, con quella tipica vena malinconica che circonda le figure del passato di cui già si conosce il fato (nessuno si toglierà mai dalla testa l’episodio toccante con Vincent Van Gogh). Il lieto fine di questa tipologia di episodi è quasi sempre effimero, legato esclusivamente alla sola trama verticale di Doctor Who.
Proprio in questo senso la 12×04 porta con sé un messaggio ben più profondo e significativo rispetto a quelli “socialmente utili” di cui si è parlato negli episodi precedenti. Con un sottile e significativo scambio di battute, negli ultimi momenti dell’episodio, emerge tutto lo spirito del personaggio di Tesla. Nome meno altisonante rispetto a quello del rivale Edison, oltretutto destinato all’insuccesso economico, le sue idee risultano estremamente rivoluzionarie anche per la tecnologia odierna. A contrastare la tristezza con cui il Dottore e i suoi compagni si apprestano a salutare Tesla, lo stesso inventore fa un suggestivo riferimento all’importanza che ha per lui il futuro. Non il suo futuro, bensì il futuro in senso generale.
Se da un lato l’uomo avrà poca fortuna sia da un punto di vista economico che di successo personale, dall’altro le sue idee e i suoi sogni si realizzeranno alla perfezione, dando il La all’umanità per progressi tecnologici di fondamentale importanza.
Se la caratterizzazione delle figure storiche è efficace, se l’episodio porta con sé una morale poetica e comunque in linea con l’estetica di Doctor Who, un appunto bisogna muoverlo nei confronti degli antagonisti di turno. La rappresentazione degli alieni Skithra, sin dalla loro prima misteriosa apparizione, non fa che confermare un neo di questo nuovo corso dello show. Chibnall e colleghi sembrano volutamente voler riportare la serie a quel livello di pressappochismo che caratterizzava la serie classica, per quanto riguarda la fantasia nel rappresentare le creature extraterrestri. Nel recente passato, gli autori di turno hanno dedicato (non sempre) una certa cura nell’originalità di tali rappresentazioni. Creature dalla forma di scorpioni che vogliono prima studiare, poi rapire, poi conquistare i terrestri non sono certo il trionfo dell’originalità. Se a questo si aggiunge che la regina Skithra ricorda in un certo qual modo l’imperatrice della specie Racnoss (in quel caso dalla forma di ragno) dello speciale natalizio del 2006, “The Runaway Bride”, non si può che arrivare alla conclusione che l’impegno da quel punto di vista non sia esattamente estremo.
In appendice non si può fare a meno di notare come questa incarnazione del Time Lord abbia meno scrupoli a creare e ad utilizzare un’arma (in questo caso la Wardenclyffe Tower stessa) contro un’astronave piena di esseri viventi. Meno monologhi sulla nonviolenza e sul voler difendere la Terra, contro una maggiore impulsività e propensione offensiva. Per ora se ne può giusto prendere atto.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Buona caratterizzazione di Tesla ed Edison
  • Messaggio finale, molto più sottile dei precedenti
  • Altra allusione alla distruzione di un pianeta, mantenendo il filo della presunta trama orizzontale (Gallifrey)
  • Alieni non originalissimi
  • In questo caso i companion non sono stati sempre efficaci

 

Forse un leggero passo indietro rispetto agli episodi precedenti, ma un insieme di elementi ben calibrati non fanno che confermare il trend tendenzialmente positivo di questa dodicesima stagione.

 

Orphan 55 12×03 4.19 milioni – ND rating
Nikola Tesla’s Night Of Terror 12×04 4.04 milioni – ND rating

Valerio Di Paolo

Approda in RecenSerie nel tardo 2013 per giustificare la visione di uno spropositato numero di (inutili) serie iniziate a seguire senza criterio. Alla fine il motivo per cui recensisce è solo una sorta di mania del controllo. Continua a chiedersi se quando avrà una famiglia continuerà a occuparsi di questa pratica. Continua a chiedersi se avrà mai una famiglia occupandosi di questa pratica.
Gli piace Doctor Who.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous

Miracle Workers: Dark Ages 2x01 - Graduation

Next

The Outsider 1x03 - Dark Uncle

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: