);

Homeland 8×11 – The English TeacherTEMPO DI LETTURA 5 min

/
Arrivati in prossimità del traguardo finale, che metterà il definitivo punto all’avventura di uno degli show più amati e significativi dell’ultimo decennio televisivo, è ormai chiara la direzione che gli sceneggiatori avevano intenzione di prendere e che probabilmente hanno avuto in mente dal primo secondo della stagione finale, con buona pace di chi, legittimamente, si aspettava qualcosa di diverso e più accattivante.
Homeland è sempre stato lo show dedicato a Carrie e Saul, i due personaggi più significativi e la puntata in questione restituisce una panoramica a sorpresa molto ampia a chi guarda, lasciando di volta in volta indizi all’interno dei flashback sulla vita di Saul, qualcosa di raramente approfondito dagli sceneggiatori fino ad oggi. Di solito episodi come questo portano alla morte del personaggio a cui viene dedicata ampia trattazione, ma alcuni dettagli rendono chiarissimo il motivo per cui in questo caso non succeda e perché l’ultimo episodio metterà insieme le due anime che fino ad oggi hanno dato di più a Homeland.
L’unione delle vicende parte da lontano e si materializza sempre di più grazie anche alle informazioni già acquisite nei precedenti episodi. “The English Teacher” chiarisce anche l’eccezionale abilità di Carrie nel suo lavoro (per quanto strana considerando la facilità con cui si muove pur essendo un soggetto altamente sospetto) e soprattutto la sua enorme e sconfinata capacità di leggere nella mente del suo mentore.
Il primo passo è ovviamente quello di sfruttare ancora l’unica risorsa a cui può appigliarsi, ovvero Jenna. In questo caso il suo aiuto è fondamentale per sapere come Saul abbia aiutato un suo contatto a fuggire da Berlino mediante l’aiuto di una terza figura: la fantomatica professoressa di inglese a cui è dedicato il titolo dell’episodio e, misteriosamente, scomparsa dalla città poco tempo dopo. Si fa più chiara quindi la connessione di Saul col Cremlino ed il sospetto che germina dentro la protagonista (per gli spettatori confermato sia dai flashback, che raccontano lo spaccato di parte della vita di Saul a Berlino, sia da un taglio della regia che passa attivamente dalla foto tenuta in mano da Carrie con tale Anna Pomerantseva girata di spalle ancora relativamente giovane).
In questo caso sono opportune due osservazioni che giustamente indicano due punti estremamente deboli dell’episodio: la prima è notare l’abilità di Saul all’interno dei flashback e anche al di fuori di essi di produrre risorse arruolabili per il proprio lavoro, uno dei rari casi in cui si può osservare la sua abilità da spia e soprattutto capire come crea la propria rete di contatti, un qualcosa che probabilmente sarebbe stato più piacevole veder approfondito anche prima della penultima puntata in assoluto; la seconda è che Carrie non possiede le informazioni degli spettatori e non conosce alla perfezione i particolari del passato di Saul che le vengono raccontati solo parzialmente. Rimane difficile quindi credere che effettivamente possa risolvere gli enigmi dei libri in casa sua soltanto con la, seppur estrema, conoscenza della sua mente e qualche aiuto casuale. L’intervento del plot armor in questo caso è stato decisamente importante.
L’episodio, pur essendo senza ombra di dubbio il migliore dell’ultima stagione finora, suona comunque come un’occasione persa, al pari di tutto l’arco narrativo. Gli sceneggiatori hanno infatti abbandonato la storyline di Carrie portata al nemico quasi subito approfondendo di più il suo rapporto di botta e risposta con Saul e anche se l’idea della protagonista costretta dalle circostanze ad uccidere il suo mentore è per forza di cose molto allettante, con tutta probabilità l’altra strada sarebbe stata ben più interessante da percorrere.
Al di là di questo è impossibile non identificare con il dialogo tra Jenna e Saul gran parte dell’arco racchiuso nell’ottava stagione:

I’m not exactly sure what she did or didn’t do or what mistakes she made. There’s always some. But everything she does, everything, is because she never loses sight of what’s important. And honestly, she’s the only person I’ve ever known I can say that of…When you’re dealing with Carrie, you have to do what she does. You have to decide for yourself what matters.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • I flashback a Berlino e la vita precedente di Saul e della professoressa
  • Mostrato un lavoro effettivamente da spia di entrambi i protagonisti principali
  • Lavoro di regia eccellente, certificato da un cambio di stile visto raramente all’interno dello show
  • Senza dubbio l’episodio migliore della stagione, dialoghi e storyline costruiti perfettamente per portare ad una situazione difficile tra i due protagonisti storici
  • Finalmente qualcosa di molto rilevante sulla vita passata di Saul e su come lavora sul campo
  • Relativamente poco credibile che Carrie riesca a decifrare il messaggio dei libri così facilmente, il plot armor sembra esagerato nonostante la sua profonda conoscenza della mente di Saul
  • Stona forse un po’ la poca attenzione dedicata a come Saul abbia lavorato sul campo in così tanti episodi dello show

 

Considerando l’importanza dell’obiettivo, teso a questo punto a giustificare otto anni di tira e molla tra Carrie e la CIA e la volontà ferma di Saul di non rinunciare a lei nonostante tutto, la preparazione al gran finale sembra molto efficace. Non risolve in nessun modo i problemi maturati tra i personaggi all’interno delle inevitabili macchie narrative di uno show di otto stagioni, ma a questo punto è difficile anche pensare di farlo in poche puntate. Come Gromov ha ricordato, Carrie non ha effettivamente fatto tutto il possibile per salvare la situazione: sul piatto c’è quanto Homeland ha saputo esprimere in otto anni di onorata carriera. Dare una conclusione degna e che rispecchi il meglio di entrambe le personalità in gioco è certamente il modo più adatto per congedarsi.

 

Designated Driver 8×10 0.89 milioni – 0.1 rating
The English Teacher 8×11 0.95 milioni – 0.2 rating

Felice Napoli

Arrivato ormai alla veneranda età di 18 anni, da 6 anni, e in cerca di nuovi stimoli si è unito a RecenSerie per convertire il team al culto di Tina Fey e per trasmettere all'umanità la passione per le comedy. Tra una puntata e l'altra cerca di laurearsi in lettere e di guardare per un tempo indeterminato quanto più sport possibile. Il suo sogno nel cassetto è scrivere la sceneggiatura di una sit com modello talent-show con protagonisti Joe Bastianich, Lilly Meraviglia e Damiano Er Faina

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous

The Flash 6x16 - So Long And Goodnight

Next

The Good Fight 4x02 - The Gang Tries To Serve A Subpoena

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: