Doctor Who oggi è una vera e propria serie evento. Tutti sanno però che la sua storia seriale si perde nel tempo. Come erano gli episodi precedenti al 1989? Come si ponevano gli attori che si andavano avvicendando di rigenerazione in rigenerazione? E i/le companions come erano? Abbiamo voluto fare una panoramica di Dottore in Dottore, ripercorrendo anche i cambi di epoche e di prospettive televisive. Si potrà vedere come con William Hartnell non si aveva la minima idea della direzione mitologica che avrebbe preso la serie e di come le prime basi vennero gettate con la fine dell’era Troughton; si parlerà dell'”epoca d’oro” degli anni ’70, interamente retti da Jon Pertwee e dal celeberrimo Tom Baker; della difficile eredità raccolta da Peter Davison; della bravura di Colin Baker e Sylvester McCoy, sfortunatamente capitati in un periodo di declino della serie. Soffermarsi sulle vicende storiche avrebbe richiesto, oltre che ricerche infinite, anche una quantità di fonti difficilmente reperibile. Obiettivamente è anche un aspetto che interessa poco. Ciò che invece abbiamo ritenuto potesse interessare di più è il confronto con la serie a noi più temporalmente vicina.
Le nostre sono anche recensioni “utili”. Qualcuno vuole recuperare alcuni vecchi episodi ma sia non ha il tempo per una enorme maratona, sia non sa bene cosa andare a vedere? In fondo ad ogni recensione si troveranno dei serial (macro-storie da circa 4 episodi ognuna) consigliati secondo il nostro gusto personale, ma anche in riferimento all’importanza che questi hanno, una volta messi in relazione con la nuova serie. Inoltre, verranno riportate le prime apparizioni di personaggi, antagonisti e situazioni più o meno familiari agli spettatori del nuovo DW. Ad esempio, se importantissima è la prima apparizione dei Dalek, più di nicchia sarà quella della “Sorellanza di Karn” (che noi nuovi spettatori conosciamo solo per il mini-episodio “The Night Of The Doctor“). Viene fatto riferimento a prime apparizioni degne di nota anche verso concetti veri e propri, come il termine “regeneration oppure il nome del pianeta Gallifrey.
Inevitabilmente per colpa di serial lacunosi, oltre ché di una minore mitologia, i primi due capitoli tenderanno a individuare il quadro generale e il clima dell’ambientazione. A partire dal terzo capitolo saranno presenti numerose e più o meno dettagliate descrizioni di personaggi e di elementi che hanno fatto la storia della serie targata BBC.
Essendo questo un R.I.P. riferito ad una particolare serie iniziata nel 1963 e conclusa nel 1989, non ci si potrà aspettare un lavoro esteso su Doctor Who, nella sua essenza universale. Il film TV del 1996 non verrà perciò considerato facente parte della serie classica e quindi di questo particolare R.I.P., né tanto meno si parlerà dei Dottori interpretati da Eccleston e Tennant, mai recensiti nel nostro sito, essendo loro parte di una serie tutt’ora in onda. La divisione effettuata Dottore per Dottore (anche se spesso va a spezzare delle stagioni in due parti) è utile solamente a focalizzare la descrizione del personaggio e a marcare delle diverse ere nello show, anche se spesso è capitato il cambio della guardia all’interno di una stessa stagione.