);

Snowpiercer 2×04 – A Single TradeTEMPO DI LETTURA 4 min

/

Snowpiercer 2x04 recensioneIl miglior baratto, si dice, è quello in cui ognuna delle due parti si convince di averci guadagnato.
E di baratti in questo episodio ne avvengono effettivamente parecchi. Il più pericoloso è quello fra Miss Audrey e Mr. Wilford, tornati a incontrarsi diversi anni dopo la relazione tossica allacciata prima della catastrofe planetaria.
Gli sceneggiatori hanno osato molto nel rappresentare questo rapporto malato, di cui si parlerà in dettaglio più sotto. Un rapporto così esasperato, al punto tale da aggiungere alla puntata un disclaimer con il numero di una linea telefonica di aiuto contro il suicidio.

 

DIETRO LE QUINTE


Tra la gente del Big Alice e quella dello Snowpiercer regna una tensione paragonabile a quella esistente tra Stati Uniti ed Unione Sovietica ai tempi della Guerra Fredda. L’Unione Sovietica è il Big Alice, dove un’avanzata tecnologia si accompagna ad una tragica scarsità di cibo fresco. Lo Snowpiercer, con carrozza relax e relativa prosperità, occupa la posizione degli Stati Uniti.
Al di là della fedeltà al proprio treno, ogni personaggio ha poi i suoi sentimenti e le sue motivazioni. Si va da Bess, che mette a tacere per un attimo la sua sindrome da sopravvissuta con una nuova amica, a Josie. Persino il ricovero di quest’ultima, gravemente ferita, diventa piede di porco per passare a Layton informazioni su cosa in realtà si stia tramando sul Big Alice. Altri, come Ruth o Zarah, si mantengono in posizione ambigua, perché non hanno ancora preso posizioni definitive.
Sullo sfondo si muovono i trafficanti di Enciclopedia Britannica.

NIGHT CAR


Centro della puntata è una festa data sulla carrozza relax per festeggiare lo stabilito contattodel treno con il nuovo avamposto presidiato da Melanie. Layton e i suoi decidono, per l’occasione, di invitare una delegazione del Big Alice.
Qui lo show torna a quella gioia del worldbuilding vista nella scorsa stagione e accantonata un po’ in questa, davanti a ben altre urgenze. La serata è infatti organizzata con grande senso estetico, mischiando suggestioni retrò nei costumi e negli addobbi.
Come da migliore tradizione, inoltre, l’evento mondano veste il pugno di ferro con guanto di velluto. La serata di gala serve da educata dimostrazione di superiorità da parte degli organizzatori sugli ospiti e fa da paravento alla tessitura di traffici e accordi più o meno leciti. All’interno di questi si ritaglia un posto di rilievo l’incontro tra LJ e Alexandra Cavill, soprattutto perché la giovane pilota ammette di avere ritrovato l’affetto per la madre.

MISS AUDREY E MR. WILFORD


Il personaggio interpretato da Lena Hall è stato presente in gran parte degli scorsi episodi e ancora lo sarà nei prossimi. Stavolta però prende potentemente il centro della scena, sin dalle sequenza iniziali dove danza, a causa del suo passato legato a quello dell’inventore dello Snowpiercer.
Del personaggio interpretato da Sean Bean il pubblico ha già conosciuto la spietata intelligenza e il magnetico carisma, vero motore di questa stagione. Ora però si arriva a dubitare e temere per la sua salute mentale, a cui certamente non avranno giovato i lunghi anni post glaciazione sul Big Alice. Tra le altre cose poi, come già dimostrato in “Smoulder To Life”, particolarmente perversa è la sua abitudine di spingere gli altri al suicidio.
Per adesso incassa lo smacco almeno su di un fronte: lui infatti aveva scommesso sul fallimento di Melanie.
La partita fra il magnate e la cantante, comunque, non è conclusa. Il loro intenso incontro, a metà fra la seduta di psicanalisi e un trattamento al centro benessere, è stata solo la battaglia di una più ampia guerra. La posta in gioco è altissima, perché ricca di implicazioni non solo per le due persone coinvolte, ma per tutto il popolo dei superstiti.

 

THUMBS UPTHUMBS DOWN
  • Estetica dell’episodio
  • Si rivede LJ
  • Alexandra ha ritrovato l’affetto per la madre
  • Il primo passo della missione di Melanie è riuscita
  • La mania di Wilford di spingere le persone al suicidio

 

Rispetto all’episodio precedente il voto si alza. Merito della cura estetica della messa in scena e delle atmosfere createsi durante la visione. La trama orizzontale, però, fa progressi molto piccoli, né si prevede un affrettarsi del passo dato il rinnovo anticipato dello show per una terza stagione. Ci si augura di vedere ben gestita la vicenda del complicato rapporto – gioco di potere fra Miss Audrey e Mr. Wilson. Potrebbe regalare grandi soddisfazioni o affossare di molto la qualità del prodotto.

Casalingoide piemontarda di mezza età, abita da sempre in campagna, ma non fatevi ingannare dai suoi modi stile Nonna Papera. Per lei recensire è come coltivare un orticello di prodotti bio (perché ci mette dentro tutto; le lezioni di inglese, greco e latino al liceo, i viaggi in giro per il mondo, i cartoni animati anni '70 - '80, l'oratorio, la fantascienza, anni di esperienza coi giornali locali, il suo spietato amore per James Spader ...) con finalità nutraceutica, perché guardare film e serie tv è cosa da fare con la stessa cura con cui si sceglie cosa mangiare (ad esempio, deve evitare di eccedere col prodotto italiano a cui è leggermente intollerante).

Rispondi

Recensione Behind Her Eyes 1x01
Precedente

Behind Her Eyes 1×01 – Chance Encounters

Young Rock 1x01 recensione The Rock
Prossima

Young Rock 1×01 – Working The Gimmick

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: