);

The Undoing 1×04 – See No EvilTEMPO DI LETTURA 3 min

/

I think you’re guilty. I believe you killed that woman.

Mancano solo due episodi alla conclusione di The Undoing e, seppur molto lentamente, i pezzi del puzzle stanno cominciando ad andare al loro posto. Molte le speculazioni su chi sia il colpevole, poche, anzi pochissime, le certezze. Giunti a questo punto la lista dei principali sospettati sembra essersi ridotta a tre nomi: Jonathan, Grace e Fernando; questo non tanto per gli indizi raccolti dalla polizia, quanto invece per gli strani comportamenti che muovono i tre personaggi in questo episodio.
In termini di movente, subito dopo il sospettato numero uno Jonathan, troviamo Fernando, provvisto sì di alibi – anche se molto debole – ma anche al centro di comportamenti insoliti, soprattutto nei confronti dell’uomo che ai suoi occhi avrebbe ucciso la moglie. La calma e la compostezza con cui Fernando accoglie Jonathan a casa sua, facendogli addirittura vedere la figlia, solleva quantomeno qualche sospetto sulla sua innocenza. Ipotizzando infatti di trovarsi nella realtà, l’unico esito realistico vedrebbe Hugh Grant scagliato a forza giù dalla finestra dell’appartamento, e non abbracciato teneramente alla sua figlia illegittima.
In merito a Grace, a prescindere da video di sorveglianza e quant’altro, il personaggio sembra seguire un percorso parallelo che lo inquadrerebbe meglio nella figura di “moglie raggirata” piuttosto che in quella di colpevole. Tornando con la mente al primo episodio, Grace ha a che fare con una donna, Rebecca, al suo terzo matrimonio fallito e in terapia a causa del marito violento. La seduta terminava con un momento di sincerità brutale – ma visibilmente liberatorio – da parte della dottoressa:

An attractive man comes along and he shows an interest in you, and judgment be gone. […] I’m just saying there’s a particular type of person that you want to be with, and maybe you’re a little too quick to see that person in the man that you meet, instead of seeing what’s actually there.”

Vista sotto questa luce, la costante espressione di smarrimento sul volto di Grace assumerebbe tutt’altro significato: non per una presunta colpevolezza, bensì per vergogna. Un’ansia che nasce dal senso di colpa, per essere stata per anni testimone inconsapevole di qualcosa di orribile, per aver permesso a se stessa di amare un mostro come Jonathan.
Mostro in grado di nascondere il suo vero volto dietro una maschera di gentilezza e filantropia che però sembra in procinto di cadere. Prima la confessione riguardante una seconda relazione extraconiugale, poi le parole dell’avvocatessa:

You cast a spell. You have done it with everyone you’ve ever met. With a face like that. I have an handsome, charismatic client. Capable of mesmerizing.

Tutto quanto sembra puntare in direzione di un individuo ambiguo, all’interno del quale dimorano due nature differenti (questo forse il significato del quadro alle spalle della dottoressa durante il faccia a faccia con il suo cliente): da una parte l’uomo in grado di affascinare, il dottore con un’etica esemplare, l’integerrimo padre di famiglia; dall’altra il bugiardo, il fedifrago, l’uomo in grado di compiere un omicidio così efferato e farla franca. Due personalità distinte che ogni giorno combattono per emergere e che questa volta avrebbe visto la seconda, quella più oscura, vincitrice.
La comparsata televisiva e le parole conclusive non fanno altro che gettare ulteriore benzina sul fuoco e se questa cosiddetta persona coinvolta fosse la stessa Grace – e giunti a questo punto non sarebbe più così sorprendente – avremmo una conferma di quanto appena scritto e probabilmente anche una conferma ulteriore sulla colpevolezza dell’uomo. I giochi restano comunque aperti e le possibilità sono molteplici, per ora bisogna accontentarsi dell’ennesimo colpo di scena conclusivo e di quelle tre parole lapidarie pronunciate sul finale.

I do. Yeah.

 

THUMBS UPTHUMBS DOWN
  • Puntata meno frenetica ma comunque impeccabile
  • Donald Sutherland, sempre, ogni cosa che dice o fa
  • Dr. Jonathan e Mr. Fraser
  • Fernando e i suoi comportamenti insoliti
  • I do. Yeah.
  • Niente di rilevante

 

The Undoing non perde un colpo e se questa settimana si scende sul secondo gradino del podio non è per una qualche mancanza dell’episodio, ma solo per confronto con quanto abbiamo visto in precedenza.

 

 

Ventinovenne oramai da qualche anno, entra in Recenserie perché gli andava. Teledipendente cronico, giornalista freelance e pizzaiolo trapiantato in Scozia, ama definirsi con queste due parole: bello. Non ha ancora accettato il fatto che Scrubs sia finito e allora continua a guardarlo in loop da dieci anni.

Rispondi

Precedente

The Crown 4×03 – Fairytale

Prossima

A Teacher 1×01 – Episode 1

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: