);

This Is Us 5×10 – I’ve Got ThisTEMPO DI LETTURA 4 min

/

This-is-us-5x10Dopo aver preso in analisi il ritorno a casa, inteso come viaggio, nell’eloquente (dal titolo) “The Ride”, This Is Us si ritrova a prendere in analisi i primi effettivi giorni di organizzazione e gestione da parte delle nuove coppie da poco diventate una vera e propria famiglia.
La famiglia Pearson si allarga con nuovi elementi e la possibilità di giocare, narrativamente, con nuove costruzioni dando modo alla storia di avere maggiore respiro, soprattutto in una narrazione presente a suo modo stravolta dal Covid-19 a cui le produzioni americane hanno cercato di adattarsi nel miglior modo possibile. Chi semplicemente bypassandolo narrativamente, chi cercando di inglobarlo nel nuovo paradigma. This Is Us, che rientra in quest’ultima categoria, riesce in “I’ve Got This” ad affrontare la tematica pandemica senza soffermarsi sulla consueta problematica medica, bensì preferendo prendere in esame le conseguenze della stessa. In particolar modo dal punto di vista economico.
Toby si ritrova con un secondo figlio a cui badare e senza sostentamento considerato il suo licenziamento da poco avvenuto. Per quanto la sceneggiatura tenga a sottolineare le abilità lavorative dell’uomo, la ricerca si dimostra ostica e senza alcun tipo di risvolto positivo, tanto da scatenare in Toby un forte senso di frustrazione ed inadeguatezza. Soprattutto se costretto a raffrontarsi con la gentilezza estrema di un attore super pagato come Kevin che non perde occasione, nel tentativo di dimostrarsi disponibile, di portare in campo una certa spocchiosità. È da precisare che l’attore si rende disponibile per amore verso la sorella e la famiglia da lei creata, non per motivi biechi o con doppi fini. Tuttavia, Toby reagisce con un rifiuto perché il suo orgoglio ne risulta direttamente colpito. Una reazione impulsiva e forse esagerata, ma se contestualizzata al difficile momento può risultare comprensibile.
Se nel presente la problematica è quella economica, nel passato Jack e Rebecca stanno cercando di affrontare lo stesso identico problema dal momento che tre bocche da sfamare risultano essere un grosso investimento, in particolar modo se il lavoro non è dei meglio retribuiti.

FAMIGLIA ALLARGATA


Anche all’interno della famiglia di Randall si palesano piccole spaccature quali, per esempio, la tensione creatasi tra Malik e Deja riguardante il ritorno di Jennifer (la ragazza con cui Malik ha avuto Janelle, sua figlia), desiderosa di cementare un rapporto con la figlia in precedenza abbandonata tra le braccia del padre.
Ma anche il ritorno della madre di Beth rappresenta a suo modo un punto critico portatore di tensione e incomprensioni non solo tra madre e figlia, ma anche tra Beth e Tess, Annie e Deja. Si tratta però di piccole spaccature utili a riempire i quaranta minuti di questa puntata e non a rappresentare uno sfogo narrativo sicuramente più consistente nei prossimi episodi.
Una puntata che naviga a vista, quindi, nonostante il forte desiderio di rappresentare la pandemia da un nuovo punto di vista, come si diceva. Scelta questa che ripaga lo show ma che poco aggiunge alla trama orizzontale, cementatasi da alcuni episodi e in attesa di qualche nuovo scossone. Da questo punto di vista potrebbe essere congeniale il ritorno di Nicky che proprio in conclusione di puntata si ripresenta di fronte alla porta di casa di Kevin per, sembrerebbe, chiedere ospitalità. Il ritorno di Nicky potrebbe dare maggior respiro ai tre Pearson e anche alla serie che avrebbe modo di portare il livello dei flashback più indietro nel tempo prendendo in considerazione il legame fraterno tra Jack e Nicky, cercando di contrapporlo con situazioni simili del presente.

 

THUMBS UPTHUMBS DOWN
  • Un risvolto diverso dal solito per il Covid-19
  • Ritorno di Nicky
  • Piccole spaccature all’interno delle varie famiglie create dai tre Pearson
  • Dialoghi e confronti come sempre d’effetto
  • Molto attendismo, pochi sviluppi e una storia che sembra cementarsi su dei falsi equilibri fin qui mantenuti: Kevin e Randall non riappacificatisi completamente; Kate e Toby, così come Beth e Randall, non affrontano di petto i problemi; Kevin sempre buono ecc ecc

 

Tra una schermaglia da sushi e qualche piccola incomprensione generazionale, This Is Us si ripresenta all’appuntamento settimanale con un episodio di puro e semplice intrattenimento procedurale. Pochi gli spunti narrativi che potrebbe risultare utili anche in futuro all’interno di “I’ve Got This”, visto che gli sceneggiatori preferiscono temporeggiare preferendo, evidentemente, andare a creare diatribe ben più coinvolgenti più avanti.

Sponsored by This Is Us-Italia

Conosciuto ai più come Aldo Raine detto L'Apache è vincitore del premio Oscar Luigi Scalfaro e più volte candidato al Golden Goal.
Avrebbe potuto cambiare il Mondo. Avrebbe potuto risollevare le sorti dell'umana stirpe. Avrebbe potuto risanare il debito pubblico. Ha preferito unirsi al team di RecenSerie per dar libero sfogo alle sue frustrazioni. L'unico uomo con la licenza polemica.

Rispondi

Speravo-de-morì-prima-1x02
Precedente

Speravo De Morì Prima 1×02 – Episodio 2

Grey's Anatomy 17x08 recensione
Prossima

Grey’s Anatomy 17×08 – It’s All Too Much

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: