);
Recensione Werewolf By Night Licantropus Marvel Studios
/

Werewolf By Night – Licantropus

Michael Giacchino stravince la sfida dietro la macchina da presa, facendo scelte solide e realizzando un mediometraggio di livello assoluto, anche preso al di fuori della bolla chiamata MCU.

()
In una notte buia e cupa, una cabala segreta di cacciatori di mostri emerge dall’ombra e si riunisce nell’inquietante Tempio dei Bloodstone dopo la morte di Ulysses Bloodstone, il loro leader. In una strana e macabra commemorazione della vita del leader, i partecipanti sono coinvolti in una misteriosa e mortale competizione per una potente reliquia. Una caccia che alla fine li porterà a confrontarsi con un pericoloso mostro.

 

Marvel Studios’ Special Presentation, in omaggio alle “CBS Special Presentation“. È questo il titolo del nuovo format di speciali televisivi da un’ora con cui Kevin Feige intende ancor di più arricchire quell’universo cinematografico condiviso, che continua a macinare milioni su milioni in tutto il mondo.
Werewolf By Night, per gli italiani Licantropus, è il titolo dello speciale di Halloween targato Marvel Studios, che con questo inaugurano l’esplorazione di una nuova opportunità per raccontare altre storie sulla miriade di personaggi a loro disposizione. Il formato è quello di un vero e proprio mediometraggio, diretto dalla rivelazione Michael Giacchino.
Proprio il compositore italo-americano premio Oscar è il regista di un horror molto convincente e originale. Un’opera capace di emergere dalla moltitudine dei prodotti Marvel Studios, con un’anima propria e anche una sua autonomia. Non servirà guardare altro per vedere Licantropus, ma probabilmente personaggi come Jack Russell, Elsa Bloodstone o Ted torneranno in futuro, per espandere l’universo cinematografico Marvel anche in quel lato “mostruoso” che offre ancora tante possibilità. Come si dice: le vie di Kevin Feige sono infinite.

PIÙ DI UN ESERCIZIO DI STILE


Licantropus si potrebbe apparentemente giudicare come un divertente esercizio di stile. Una declinazione dell’universo Marvel in un format ben consolidato (soprattutto negli USA) come lo special di Halloween. Tuttavia già la notizia di Michael Giacchino in cabina di regia avrebbe dovuto far incuriosire la maggior parte dei cinefili. Un po’ per vedere un inedito compositore/regista all’opera, ma anche a causa del forte stile personale che appartiene a Werewolf By Night.
Innanzitutto il bianco e nero, che irrompe prepotente sin dal logo dei Marvel Studios per essere un elemento protagonista dell’opera, al pari dell’effetto “pellicola” (vero o falso che sia), con annesse bruciature e imperfezioni. Il richiamo a quel filone anni ’30 e ’40 di film dedicati ai mostri, solitamente targato Universal, è tangibile e palese, così come gli effetti speciali (appunto speciali, non visivi) che impreziosiscono l’opera. Non si ha mai la sensazione di assistere ad un prodotto vuoto, anzi si intravede tutto l’impegno e la passione di Giacchino attraverso delle riuscite trovate registiche e dei personaggi credibili nella loro incredibilità, oltre ad una colonna sonora impeccabile.

PER TUTTI


L’altro grande pregio di Licantropus è quello di essere un prodotto “per tutti”. Stavolta non sarà necessario dover vedere prima X film e Y serie per comprendere cosa si sta guardando. Anzi, la storia di Jack Russell prende abbastanza le distanze da tutto ciò che i fan Marvel avevano imparato a conoscere. Licantropus (appunto Werewolf By Night in originale) è infatti solo il primo di tanti mostri che popolano l’universo Marvel, insieme all’Uomo-Cosa per citarne uno. Un personaggio certamente minore, ma che ha avuto comunque l’onere di introdurre sulla propria testata un personaggio come Moon Knight, per citarne uno fresco nella memoria dei fan.
La sceneggiatura, firmata da Heather Quinn (Hawkeye) e Peter Cameron (WandaVision), è ottima, riuscendo nel compito di introdurre perfettamente il contesto e i personaggi nei primi minuti. Anche i character sono ben scritti, piazzando un paio di plot twist qua e là che rendono frizzante e piacevole la visione allo spettatore. Jack (Gael Garcìa Bernal) è un protagonista bonaccione con cui è facile empatizzare, mentre Elsa Bloodstone (Laura Donnelly) risulta un po’ più abbozzata e superficiale. Tuttavia è Ted (solo chi vedrà capirà) a rubare ogni volta lo schermo, un personaggio che potrebbe rivelarsi anche abbastanza importante per il futuro del MCU.
Infine, è impossibile non citare anche il reparto costumi e il trucco, aiutati comunque dal bianco e nero, che svolgono un lavoro ottimo ed efficace al servizio della caratterizzazione dei personaggi.


Tirando le somme, quindi, Licantropus è sicuramente una sorpresa. Un prodotto annunciato ufficialmente soltanto quasi un mese fa al D23, ma che ha portato forse molto più di quanto ci si aspettasse. Michael Giacchino stravince la sfida dietro la macchina da presa, facendo scelte solide e realizzando un mediometraggio di livello assoluto, anche preso al di fuori della bolla chiamata MCU. Gli special potrebbero essere quindi una formula efficace per i Marvel Studios, che arrancano con i prodotti televisivi. L’alternativa al cinema potrebbe essere proprio questa, comprimendo lunghe serie annacquate in speciali, magari anche da due o tre episodi. Se poi riuscissero ad inserire personaggi del carisma di Ted in ognuno di questi contenuti il successo sarebbe assicurato.

 

TITOLO ORIGINALE: Werewolf By Night
REGIA: Michael Giacchino
SCENEGGIATURA: Peter Cameron, Heather Quinn

INTERPRETI: Gael Garcìa Bernal, Laura Donnelly, Harriet Sansom Harris
DISTRIBUZIONE: Walt Disney Studios
DURATA: 52′
ORIGINE: USA, 2022
DATA DI USCITA: 07/10/2022

Quanto ti è piaciuta la puntata?

Nessun voto per ora

Giovane musicista e cineasta famoso tra le pareti di casa sua. Si sta addestrando nell'uso della Forza, ma in realtà gli basterebbe spostare un vaso come Massimo Troisi. Se volete farlo contento regalategli dei Lego, se volete farlo arrabbiare toccategli Sergio Leone. Inizia a recensire per dare sfogo alla sua valvola di critico, anche se nessuno glielo aveva chiesto.

Rispondi

Precedente

The Midnight Club 1×03 – The Wicked Heart

Prossima

House Of The Dragon 1×08 – The Lord Of The Tides

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.