Sneaky Pete 1×05 – SamTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/Sneaky Pete by

Se si presta attenzione ai crediti o si va a “studiare” l’episodio su IMDB si potrà notare che la sceneggiatura dell’episodio è stata scritta proprio da Yost in persona, indice di una grossa importanza a livello di trama. In generale infatti uno showrunner non si presta quasi mai a fare sceneggiature di episodi intermedi, a meno che non ci sia veramente una ragione importante, cosa che però è difficile da trovare in questa “Sam”. Si potrebbe pensare allo smascheramento finale di Pete o al vero faccia a faccia con il Grandpa, eppure entrambi non appassionano.
E allora perché Yost si è scomodato per scrivere ogni singola battuta della puntata? Questa è una bella domanda che rimarrà senza risposta.

If you need me to help I need you to fuck the fuck off, you fuck.

Partendo da fine episodio non si può non menzionare il fatto che Marius sia stato smascherato dalla sorellina minore, soltanto perché ha risposto in maniera veloce e sbrigativa circa i ricordi d’infanzia del suo compleanno tra mamme ubriache. Una banalità, una risposta superficiale ed il castello di carte ha cominciato a cadere. Si potrebbe discutere molto circa la “qualità” di questo fallimento, tuttavia è forse il caso di chiudere un occhio e prenderlo per quello che è perché, se è stato inserito a metà stagione, un motivo deve esserci per forza. Specie se è Yost stesso l’artefice.
Di “Sam” rimane in mente principalmente tutta la storyline che coinvolge Pete e il Grandpa, vuoi per la questione “tradimento” del character di Margo Martindale che permea l’atmosfera, vuoi perché è a tutti gli effetti la parte più interessante dell’episodio. L’introduzione dell’ex impiegato Sam, invischiato sotto diversi punti di vista con Audrey, è sicuramente un punto di forza dell’episodio perché aumenta ulteriormente il livello di dettaglio della trama e questo sicuramente non è un male, ma a parte questo c’è veramente poco altro su cui far presa. Si ok, Marius Pete compie un paio di truffe, Vince comincia a pensare di essere stato truffato e il focus su Otto è funzionale alla sua tridimensionalizzazione, ma c’è davvero qualcosa che può evitare di far sbadigliare?
Il vero problema di “Sam” è quello di cazzeggiare troppo non incidendo in nessuna delle varie sottotrame che tenta di portare avanti, nemmeno Bryan Cranston riesce a dare quel qualcosa in più all’episodio che gli garantisca una sufficienza striminzita.
In fin dei conti, finché si spreca tempo con genitori che svengono alla visione del sangue invece che premere l’acceleratore con qualche colpo di scena, non si può dire di aver dato tutto ciò che si poteva dare. In più una certa prevedibilità generale la si può intravedere in tutte le storyline, quasi come se fossero tutte scene già viste in precedenza in qualche altro film o serie. E se si pensa che è lo stesso showrunner l’artefice di questo mezzo flop allora bisogna riflettere.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Il rapporto Pete-Grandpa funziona bene
  • Introduzione di Sam e relativa nuova sottotrama
  • Poca incisività in generale
  • Prevedibilità degli eventi
  • Perdita di tempo in storyline secondarie

 

Un paio di schiaffi ci stanno tutti, specialmente a Yost.

 

The Fury 1×04 ND milioni – ND rating
Sam 1×05 ND milioni – ND rating

 

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: