Homeland 7×09 – Useful IdiotTEMPO DI LETTURA 3 min

in Homeland/Recensioni by

Una delle armi a doppio taglio adottata da sempre da Homeland è quella della lenta evoluzione della trama orizzontale. Ci si è infatti abituati a partenze estremamente lente, quasi soporifere, volte a creare uno status quo che inesorabilmente verrà spazzato via dagli eventi futuri. Eppure, se dopo 81 episodi si è ancora qui a guardarlo e recensirlo, un qualcosa deve pur aver funzionato. Quel qualcosa è identificabile come la visione postuma di tutto ciò che è avvenuto in precedenza e che, allo stato attuale delle cose, assume una prospettiva diversa e riceve un valore aggiunto. Si va quindi, involontariamente (o volontariamente se visto dalla prospettiva di Gordon e Gansa), a rivalutare tutto il percorso che ha portato Carrie e Saul fino al presente, riconoscendo e finalmente comprendendo meglio le scelte fatte dagli sceneggiatori. E “Useful Idiot” è un ottimo esempio di tutto ciò.

Yevgeny:Don’t worry. I’m not gonna hurt you. I just need to know what you told the government.
Dante:Fuck you. You tried to kill me.
Yevgeny:What are you talking about?
Dante:You poisoned me.
Yevgeny:That’s why you’re here? We didn’t try to poison you.
Dante:The lawyer you sent.
Yevgeny:We didn’t send you a lawyer. Who was holding you? Mathison? So she tells you that we sent someone in to poison you, and you believed her? I don’t poison my own people. I have I have many flaws but that isn’t one of them. I protect my people.  You don’t believe me? Call her. Call her and ask. And listen. Listen to her voice as she works out how to lie to you.

A 3 episodi dalla fine si può avere un’idea abbastanza chiara di come e dove si vuole andare a parare e, a ritroso, si può anche andare a rivalutare l’importanza (comunque non indispensabile) di episodi come “Standoff”, mentre l’inutile “Rebel Rebel” rimarrà indimenticato per la sua bruttezza. Alla luce anche di come era stata impostata la stagione, si può riconsiderare anche il valore di O’Keefe che, di fatto, è servito meramente ad introdurre Yevgeny e peggiorare la visione della Keane agli occhi del mondo.
“Useful Idiot” sposta il baricentro della narrazione su un piano diverso: ora che tutte le carte sono state scoperte e la caccia a Yevgeny è cominciata, la storia può procedere spedita verso un finale che verosimilmente vedrà Carrie e Saul sgominare il gruppo di spie russe. Va però ponderato il prezzo della vittoria visto che, almeno sul piano famigliare e mentale, Carrie continua a dar prova di grande disagio, un disagio che si sta esternando in maniera fatale tramite reazioni esagerate e sensi di colpa dalla forma di allucinazioni (e su questo tema si può anche far notare la non casuale correlazione con la morte di Dante che, ad ora, non può essere confermata). Le due scene chiave in cui prima si confronta in maniera sconclusionata con il cognato e poi rischia di investire la figlia in retromarcia a scuola portano ad un grosso crollo nervoso una volta arrivata in ospedale. Ed è da qui che la prossima puntata dovrà ricominciare per dare una chiara indicazione dei prossimi step perché, a questo punto, tutto è possibile.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Come convincere un “useful idiot”? Con un Power Point
  • Carrie impazzita
  • Crisi famigliare sempre più in evidenza
  • Yevgeny si sta rivelando sempre più interessante
  • Presentazione Power Point di Saul
  • Come convincere un “useful idiot”? Con un Power Point
  • Nessuno a guardia di Dante per pura necessità di sceneggiatura

 

Ci sono chiaramente delle sbavature all’interno di questo “Useful Idiot”, e sono sbavature dettate dalla necessità dello show di mandare avanti la storia tenendo alto l’effetto. Per questo i due thumbs down sono sì gravi da un punto di vista oggettivo ma sono totalmente funzionali alla storia ed al ritmo. Senza di questi sarebbe stato un altro Bless facile facile…

 

Lies, Amplifiers, F**king Twitter 7×08 1.21 milioni – 0.3 rating
Useful Idiot 7×09 1.24 milioni – 0.3 rating

 

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Homeland

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: