);

Come Diventare Un Boss Della MalaTEMPO DI LETTURA 3 min

/
()

recensione How To Become A Mob BossGli autori della serie How To Become… continuano nella loro indagine semi-seria sulle varie realtà della devianza, e di come questa possa di fatto essere “percorribile”, ovviamente sempre partendo dal concreto.
Ecco quindi che, dopo le fortunate serie How To Become A Tyrant e How To Become A Cult Leader, arriva un’altra docuserie dal titolo How To Become A Mob Boss, terza versione di un’ideale trilogia in cui di volta in volta aumenta per lo spettatore la possibilità di arricchirsi e acquisire potere ai danni del prossimo. Ovviamente senza veramente incitare il pubblico a seguire queste orme, anche perchè sennò fioccherebbero le querele ai danni dell’azienda di Los Gatos.
A guidare il pubblico in questo particolare “manuale dei giovani padrini” è, come negli altri casi, la voce narrante dell’attore Peter Dinklage (il Tyrion Lannister di Game Of Thrones), anche co-produttore dello show.

FRA IRONIA E SOCIOLOGIA


Nonostante il tono ironico con cui lo show affronta tali argomenti, lo scopo rimane comunque quello di riflettere su alcuni temi che riguardano la sociologia della devianza, in questo caso tutto ciò che riguarda le realtà delle varie criminalità organizzate e quale impatto hanno sulla società.
Viene analizzato dunque qual è il “cursus honorum” di un ipotetico boss mafioso, quali potrebbero essere le strategie vincenti per affermarsi in questo business e gli errori da non commettere.
Ogni episodio analizza un caso particolare, incentrato sulla vita di un vero boss della criminalità. Si parte dunque da Al Capone (prototipo di qualsiasi altro boss mafioso venuto dopo di lui), per passare ad altri nomi noti John Gotti, Salvatore Riina, Pablo Escobar
Così viene creato un vero e proprio “manuale” in cui, analizzando le gesta di tali boss, vengono dati consigli allo spettatore che volesse (in maniera ironica ovviamente) intraprendere la stessa strada. Una sorta di manuale delle giovani marmotte (o meglio di “giovani Padrini“) per questo tipo di attività.

VIDEO-TUTORIAL


Lo show si presenta in una veste molto “pop” e con uno stile che ammicca ai video-tutorial di YouTube, con l’utilizzo prevalente del voice-over di Dinklage e delle illustrazioni. Si alternano, infatti, spezzoni di video found footage, servizi giornalistici e pareri di esperti del settore, così come ricostruzioni tramite animazione. Molto spesso, poi, gli “esperti” sono protagonisti stessi delle scene criminali dell’epoca (ex mafiosi, parenti e, spesso, veri e propri ex-boss che offrono i loro “consigli”).
Lo stile è quello di una vera e propria serie podcast. Se non ci fossero le immagini, infatti, si potrebbe tranquillamente ascoltare con le cuffie dal momento che i suoi veri punti di forza sono sempre i dialoghi e la scrittura (sia delle parti narrate da Dinklage, sia delle interviste stesse).
Sulle parti “animate” va lodato il fatto che riescono a spezzare il ritmo della narrazione, che altrimenti sarebbe fin troppo monotono, con episodi emblematici che richiamano allo stile dei prodotti televisivi true crime, un altro punto di forza per coinvolgere emotivamente il target più abituato a tali prodotti.

CONCLUSIONI


How To Become A… si conferma un ottimo format per parlare di argomenti altrimenti scabrosi, proprio perché qui vengono “edulcorati” grazie a questa formula narrativa che comunque non li rende per questo superficiali.
Anzi, proprio grazie a questo suo modo di narrare i fatti storici, lo show si rivela adatto a target molto differenti. La modalità “antologica” di cui si compongono i vari episodi poi permette allo spettatore di selezionare le storie che possono interessare di più rispetto ad altre.
How To Become A Mob Boss è, dunque, la serie perfetta per capire al meglio la psicologia e l’organizzazione della criminalità organizzata, il tutto con grande ironia e black humour, che è anche il modo migliore per prendersi gioco proprio di esse.

…THEM ALL!


 Land Your Dream Job 1×01 
Build A Better Operation 1×02
Dominate Through Terror 1×03
Don’t Go Rogue 1×04
Play The Long Game 1×05
Break The Mold 1×06

Un vero e proprio manuale su come fare carriera all’interno della criminalità organizzata. Da prendere ovviamente con le pinze ma soprattutto interessante per come spiega concetti e fatti storici molto complessi e articolati con uno stile pop e particolarmente efficace. Uno show che certamente… non potrete rifiutare!

Quanto ti è piaciuta la puntata?

Nessun voto per ora

Laureato presso l'Università di Bologna in "Cinema, televisione e produzioni multimediali". Nella vita scrive e recensisce riguardo ogni cosa che gli capita guidato dalle sue numerose personalità multiple tra cui un innocuo amico immaginario chiamato Tyler Durden!

Rispondi

Precedente

A Gennaio arriva la serie prequel su Ted

Prossima

Loki 2×06 – Glorious Purpose

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.