);

The Santa Clauses 1×01 – Chapter One: Good To HoTEMPO DI LETTURA 4 min

/

The Santa Clauses 1x01Chi è nato negli anni ’90 ricorderà sicuramente, fra i tanti film di Natale prodotti in quel decennio, una pellicola del 1994 intitolata Santa Clause. Il titolo faceva riferimento all’assonanza fra Claus e clause, ‘clausola’, in quanto il protagonista interpretato da Tim Allen si ritrovava costretto a diventare il nuovo Babbo Natale per via di un vero e proprio contratto magico, dopo aver involontariamente provocato la “morte” del predecessore.
La pellicola ebbe un grande successo, sia di pubblico sia di critica e, come spesso accade in questi casi, spinse la Disney a realizzare ben due seguiti, con una qualità e un apprezzamento della critica via via decrescenti. La storia sembrava chiusa nel 2006, ma si sa come sono i tempi moderni: nessun freno a reboot, remake, sequel, prequel e spin-off pur di spremere cult del passato facendo leva sulla nostalgia degli spettatori.
Così anche il Santa Claus di Tim Allen è approdato sulla piattaforma streaming Disney+ con una miniserie che si rivolge sì al pubblico “storico” del primo film, ma deve anche fare i conti con l’epoca attuale, il tutto traducendo il titolo in italiano in Nuovo Santa Claus Cercasi.

SANTA CLAUS IN CRISI


Il film del 1994 ruotava intorno a un classico meccanismo dei film natalizi: l’adulto che crescendo è diventato cinico e ha smesso di credere nel Natale, salvo dover cambiare idea spinto dalle circostanze. Con la graziosa aggiunta che in questo caso il protagonista diventava egli stesso Babbo Natale.
La miniserie del 2022 fa il percorso opposto, o almeno le premesse sembrano andare in tale direzione: questa volta è Babbo Natale che non crede più nello spirito di Natale. È un’idea potente e, va ammesso, terribile perché se persino la massima figura del Natale non crede più nella sua stessa festa quali altre certezze restano al mondo? Ed è un’idea che fotografa bene i tempi presenti, sempre più cinici e disillusi, nei quali è difficile trovare un valore umano dietro una festa profondamente consumistica come il Natale.
D’altro canto, la crisi che investe Scott Calvin è legata anche al rapidissimo cambiamento delle abitudini dei più giovani, fenomeno che ha reso a dir poco anacronistici molti aspetti del folklore natalizio anglosassone. Gli elfi che confezionano giocattoli da consegnare la sera di Natale risultano ridicoli, se si pensa che ormai già i bambini preferiscono smartphone e iPad e non sanno più cosa farsene di un trenino o di un cavalluccio a dondolo; così come appare demodée la tradizionale letterina scritta a mano, perché i giovani di oggi sono maggiormente a loro agio con i social media e la messaggistica istantanea.

AL PASSO COI TEMPI


Santa Claus non può capire questo nuovo mondo, ma per fortuna The Santa Clauses non si trasforma nell’urlo disperato e sterile di un boomer nei confronti del cambiamento. Anzi, la miniserie Disney+ è un’operazione nostalgica che non rinuncia ad adeguarsi all’epoca contemporanea, tanto nei contenuti quanto nel linguaggio artistico.
Il già citato immaginario natalizio viene in qualche modo “aggiornato”, mostrando elfi (alcuni anche di colore, assenti nel film del 1994) che si servono di nuove tecnologie o che fanno discorsi degni del peggior politicamente corretto. Attenzione, però: su quest’ultimo punto la sensazione è che la Disney voglia fare dell’ironia, consapevole di quanto risulti fastidiosamente buonista l’idea di una lista dei bambini incompresi al posto di quella dei bambini cattivi; e la proposta, che salta fuori a un certo punto, di etichettare direttamente tutti i bambini come cattivi e tutte le bambine come buone sa tanto di pesante bordata a certe derive nazifemministe e misandriche che nella serialità contemporanea non mancano.
Non mancano neanche citazioni pop più o meno evidenti e siparietti comici conseguenti più o meno riusciti: in testa c’è sicuramente la sequenza in cui, sulle note di “Eye Of The Tiger, Babbo Natale/Scott Calvin si allena per perdere acquisire peso, secondo la convinzione che i poteri di Santa Claus siano direttamente proporzionali alla sua ciccia.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Rivedere Tim Allen nei panni di Scott Calvin
  • Babbo Natale in crisi: specchio dei tempi presenti
  • Finalmente la Disney prende in giro il politicamente corretto
  • Gustose citazioni pop
  • Nulla di rilevante

 

The Santa Clauses (Nuovo Santa Claus Cercasi) si preannuncia un riuscito omaggio al film degli anni ’90 divenuto presto un cult delle produzioni natalizie, ma non si appiattisce sul semplice fattore nostalgia e punta a offrire un quadro dal sapore agrodolce di cosa sia il Natale nel 2022.

Divoratore onnivoro di serie televisive e di anime giapponesi, predilige i period drama e le serie storiche, le commedie demenziali e le buone opere di fantascienza, ma ha anche un lato oscuro fatto di trash, guilty pleasures e immondi abomini come Zoo e Salem (la serie che gli ha fatto scoprire questo sito). Si vocifera che fuori dalla redazione di RecenSerie sia una persona seria, un dottore di ricerca e un insegnante di lettere, ma non è stato ancora confermato.

Rispondi

Precedente

Inside Man 1×04 – Episode 4

Prossima

Guardiani Della Galassia Holiday Special

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: