fbpx

The Blacklist 3×12 – The Vehm (No. 132)TEMPO DI LETTURA 5 min

in Recensioni by

Samar: “Are you drinking Communion wine?”
Red: “Yes, it’s God-awful, if only they switched to a good Burgundy, people would be much more devout.”


Già dalla foto a fianco si capiscono molte cose: quella assunta dall’attore James Spader non è certo la posa in cui ci si mette di solito per dialogare con un alto prelato. A parte il suo sarcasmo generale e la definizione di decent person, degna persona, riconosciuta a Papa Francesco, si intuisce immediatamente il poco rispetto portato dal suo personaggio al cardinale in questione. In una puntata piuttosto cupa, comunque, il parlar anche di religione regala ottime battute, come quella sopra e quella secondo cui la religione è cosa potenzialmente buona rovinata dagli uomini. Come dare torto a Mr. Reddington? Il fattore umano conta sempre moltissimo: un po’ come con la scuola, il cast di insegnanti, educatori e compagni con cui ci si ritrova in parrocchia può fare la differenza fra un’esperienza che salva la vita e una che, invece, la rovina. Detto questo, andiamo con ordine. Lo scorso episodio ci aveva lasciati con una domanda: “Come darà Lizzie ai suoi uomini l’annuncio della propria gravidanza?”. La cosa viene risolta in modo rapido: Reddington già lo sapeva, in quanto attento osservatore, Tom invece trova la “lista dei pro e dei contro” compilata dalla futura madre. La reazione dei due alla notizia è molto diversa: se il padre del nascituro è caricato a pallettoni di gioia e positività, il Concierge del crimine vede innanzitutto nuove preoccupazioni, non piccole, aggiungersi a quelle già sulle sue spalle. Forse per questo, nel corso dell’episodio, dà sia il meglio che il peggio di sé: il peggio quando costringe i due che ha rintracciato nei boschi a cantare un’allegra canzoncina da boy scout sotto minaccia di una pistola puntata, il meglio quando, sul finale, racconta a Lizzie di avere seguito la madre di lei durante la gravidanza. Se qualcuno aveva dei dubbi dopo aver visto le scene di “The front (No. 74)” dove lui vegliava Liz all’ospedale, mentre in sottofondo i Cloud Cult cantavano “You were born”, ora sono definitivamente dissipati: biologia o meno, lei per lui è la bimba di cui si è occupato da sempre, magari sbagliando come tutti gli umani ed egli non vede perché dovrebbe smettere adesso. Questa parte della vicenda finisce, per ora, con la protagonista al telefono con un’agenzia di adozioni, per collocare il bambino presso un’altra famiglia, quando nascerà. Ok, lei ha segnato i suoi rapporti con Reddington nella colonna “contro” il diventare madre, ma sarà davvero pronta a lasciare andare la sua creatura e a non saperne mai più niente, quando l’avrà vista in faccia? Tra le soluzioni possibili non ci sarebbe affidarlo alla famiglia Zuma? Perché figlia e nipotina di Dembé non sono più state nominate, ma certamente saranno state ricollocate in un luogo sicuro. Siamo, inoltre, proprio certi che l’avere alle spalle il nostro criminale sia tutto questo danno? Chiaramente, lei è molto irritata dall’avere un uomo che la controlla, non si sa bene con quale diritto, impedendole per esempio di trasferirsi a Boston. Più che il gesto in sé, è l’atteggiamento complessivo di lui ad esasperarla, tra iperprotettività e spiegazioni non date. Prevedibilmente, tuttavia, il parto avverrà nel finale di stagione e ci sarà tutto il tempo per ponderare una saggia decisione. Intanto, giusto per movimentare un po’ le acque, per la prossima puntata è già previsto il ritorno di Margarita Levieva nel ruolo di Gina Zanetakos. Vedremo come reagirà al vederla il futuro paparino Tom.
Per quanto riguarda il blacklister di giornata, ci si arriva mediante una trama al sapor di Il Codice Da Vinci o di chi per esso, con la riesumazione di antichi strumenti di tortura medievali. Perché insomma, bisogna trovare qualche punto originale quando si rischia di somigliare troppo ad un qualsiasi episodio di Law and Order. A parte l’amaro in bocca lasciato dal pensare a come si possono manipolare facilmente le persone sbandierando alti ideali o che genere di personaggi possono essere quelli a cui vengono messi in mano bambini e ragazzi, notiamo come anche la trama verticale sia, ormai, al servizio di quella orizzontale. Arrivare a smascherare chi c’è dietro al gruppo Vehm serve a Reddington per finanziare quella che, parlando con Samar e Lizzie, egli definisce “La nostra guerra”. Si vis pacem, para bellum, dicevano gli antichi. Con il mondo come è messo oggi bisogna aggiungere: “Se vuoi preparare la guerra, procura prima di aver fatto un’adeguata raccolta fondi”. Nel caso specifico, se un uomo che ha già svariati miliardi e ha preso al Direttore i fondi d’emergenza ha bisogno di ulteriore denaro, viene da chiedersi quali siano le reali dimensioni della guerra che vuol fare. Non piccole, certamente.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Il lato tenero e premuroso di Mr. Reddington: divano, massaggio e Storiona della Buonanotte al punto giusto, raccontata con calma
  • Bentornato Hudson
  • Tom Keen, missione entusiasmo
  • “Nothing personal, (Ressler) but you sucked in bed.” Set, game and match to Samar Navabi
  • La scena tra il capo Cooper e Aram (“Le donne!”)
  • Il lato oscuro di Mr. Reddington: l’aggressore di Lizzie meritava una punizione, anche se non proprio la morte, ma la scena nei boschi è un po’ disturbante
  • In una puntata dove si tocca, per quanto di striscio, il tema della religione, ci sarebbe stato bene, in sottofondo, “No Church In The Wild” di Kanye West e Jay-Z. Forse però è un problema di coordinare ritmo della canzone e ritmo della recitazione
Puntata assai cupa, come si può notare dal gran numero di scene al buio e da come due di quelle in piena luce siano la cattura del clown all’inizio e, poi, la scena nei boschi con Reddington che viene fermato solo dall’ “Ora basta” di Dembé. Note più liete si prevedono per il prossimo episodio, almeno stando alle anticipazioni: verranno fornite dal simpatico (a molti ma non a Red) ometto della Motorizzazione e da un paio di deliziosi cagnetti volpini, legati all’altra guest star, Tony Shaloub, noto a molti come Mr. Monk, protagonista del telefilm omonimo. Non mancheranno, comunque, una strage durante una festa elegante e l’apparizione che ha già scatenato le ipotesi dei fans: quella di una donna sulla sedia a rotelle, con cicatrici sul volto. Potrebbero essere state causate da ustioni. Potrebbe quindi essere Katarina Rostova?
Mr.Gregory Devry 3×11 7.42 milioni – 1.6 rating
The Vehm 3×12 7.07 milioni – 1.6 rating

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

Baby 1×04 – Emma

Dare un giudizio obiettivo sulla nuova serie di casa Netflix è molto
error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: