Designated Survivor 2×14 – In The DarkTEMPO DI LETTURA 4 min

in Designated Survivor/Recensioni by
Secondo cliché, quando in una serie viene presentato un momento casting si crea sempre l’occasione per una serie di siparietti comici. Si tratti di trovare un nuovo medico per l’ospedale o una nuova fidanzata girando per locali, di sicuro chi cerca si dovrà imbattere in una serie di bizzarri personaggi prima di trovare il soggetto giusto. Un po’ come il piccolo Marco, protagonista di uno dei racconti mensili del libro Cuore, si mette in viaggio dagli Appennini alle Ande per cercare la mamma emigrata in Argentina e già si sa che non la troverà nella prima città in cui sbarca. Questa prevedibilità è proprio uno dei motivi per cui, a molti, De Amicis non piace. In Designated Survivor, comunque, questo luogo comune è usato piuttosto bene, non si insiste troppo sul lato tragicomico della situazione e la cosa risulta assolutamente digeribile. Al limite, ci si può chiedere perché la ricerca di un nuovo vicepresidente avvenga così tanto tempo dopo la morte di Peter McLeish, quando il pubblico si è oramai serenamente scordato del problema.
Molta più irritazione suscita, invece, il modo in cui viene usato un altro cliché ben noto: approfittare di un black out perché due personaggi restino bloccati in un ascensore, piuttosto che in una stanza chiusa elettronicamente, avendo così modo di conoscersi meglio e diventare, eventualmente, amici. Qui purtroppo, rinchiudere insieme Emily e Lyor si risolve principalmente in un gigantesco spottone per una nota marca di caramelle, senza aggiungere niente di concreto al tratteggio dei personaggi.
A proposito di personaggi, dopo essere stato introdotto nello scorso episodio e nella peggior maniera possibile, il fratello del presidente Kirkman sembra in fase di assestamento nella sempre impegnatissima vita della comunità che gravita intorno alla Casa Bianca, se non altro in veste di baby sitter della piccola Penny. Sinceramente, si spera di vederlo causare qualche guaio, in futuro, quanto meno per giustificare la sua presenza, perché finora il cambio fra lui e la First Lady è a tutto vantaggio di quest’ultima. Improbabile vederlo ricoprire qualche carica ufficiale, per quanto si sia dimostrato un valido aiuto nelle trattative col ministro giapponese delle finanze: la cosa richiamerebbe troppo gli indimenticati fratelli John e Robert Kennedy.
Per venire al piatto forte dell’episodio, il black out che lascia tutti al buio, da cui il titolo, esso serve soprattutto come artificio retorico per consentire al bel tenebroso Damian, col suo perfetto accento british, di andare a trovare la sua amica dell’ambasciata russa e per stuzzicare un po’ la gelosia di Hannah Wells. Perché, a quanto pare, gli sceneggiatori di questa serie riescono a descrivere le relazioni sentimentali solo attraverso triangoli e situazioni da liceo (vedere ad esempio la relazione fra Seth ed Emily).
Molto più promettente sembra lo sviluppo post – black out, servito dopo le doverose piccole rivolte ed i prevedibili atti di vandalismo, successivamente all’aver risolto tutto senza conseguenze devastanti grazie alla genialità dell’addetto informatico, il quale ha capito che se il codice d’avvio degli attacchi hacker è la data di nascita di Alan Turing, il codice per fermarli sarà la data di morte dell’inventore del computer. Dal trambusto di Washington viene scelta, infatti, la figura ritenuta più adatta a ricoprire la carica di vice presidente: è una donna afroamericana, sindaco della capitale statunitense, ritenuta portatrice sana di “stile Kirkman”, cioè del rimboccarsi le maniche e impegnarsi in prima persona, conoscendo effettivamente i reali bisogni della gente.
Essere donna e di pelle nera sono due ostacoli non semplicissimi da superare sulla strada verso una carica così importante, ma la serie vuole fare un balzo nella fede, con un ottimismo assolutamente condivisibile. Quando, nella prima serie di 24, venne introdotto un presidente USA afro americano e poi venne eletto Barack Obama, fu un momento di grande gioia per molti. Ci fu poi un presidente donna, nella serie, interpretata da Cherry Jones, ma questo il mondo lo sta ancora aspettando, dopo la sconfitta di Hillary Clinton alle ultime elezioni. Per la prossima corsa alla presidenza si parla di un’eventuale candidatura di Oprah Winfrey, la potentissima signora dei media a stelle e strisce, di pelle nera, divenuta miliardaria a partire da zero.
Anche senza volersi ossessionare a fare corrispondenze uno a uno tra personaggi reali e quelli della fiction, l’introduzione di Madam VP resta forse l’unico elemento di un certo interesse in uno show dove tutto viene appiattito in un sapor di quotidianità, senza particolari emozioni.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Madam VP
  • Si può dare una chance a Trey
  • Spottone delle caramelle
  • Aaron Shore, una volta, era un bel personaggio
  • Troppo tempo trascorso dalla morte di McLeish, il pubblico si era scordato l’assenza di un vice presidente

 

Chi si ostina a seguire la serie ha ormai imparato a non aspettarsi niente di originale, innovativo o sorprendente. Gli ascolti sembrerebbero però premiare la scelta di riorganizzare lo show.

 

Original Sin 2×13 3.69 milioni – 0.6 rating
In The Dark 2×14 3.98 milioni – 0.7 rating

 

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Designated Survivor

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: