);

Sneaky Pete 3×03 – The Stamford Trust FallTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/Sneaky Pete by

Ci sono voluti tre episodi ma alla fine Sneaky Pete sembra essere riuscito a mettersi di nuovo in carreggiata sotto la guida del nuovo showrunner Blake Masters. Dopo aver “risolto” in “The Double Up And Back” le ultime questioni lasciate in sospeso nello scorso season finale, e aver cominciato a costruire un po’ di retro continuity per alcuni personaggi in “The Huckleberry Jones”, finalmente si comincia a respirare e a percepire l’esistenza di un disegno più grande composto da varie sottotrame. E tutto viene costruito e collegato in praticamente 50 minuti, quasi ad enfatizzare la differenza di tempo che ci è voluta a lasciarsi alle spalle il passato e costruire un nuovo futuro.

Marius: I’m gonna get the money. ‘Cause it’s my fault, anyway.
Lizzie: Who the hell are you, and what have you done with Marius Josipović?
Marius: I just need a little bit of time, but, uh, I’m gonna get the $400,000.
[…]
Marius: Sy Rubinek. I’ll find him. I’ll set him up. I’ll help you take him down, but I want $400,000.
T. H . Vignetti: Done.
Marius: And the Bernhardts get to keep their license, no matter what.
T. H . Vignetti: Agreed.
Marius: And her. I don’t see her. She doesn’t come near me. But she still gets a lawyer.

Sembra ritornare in voga quell’intricato domino, un po’ forzato ma comunque molto avvincente, che fungeva da base per le scorse stagioni: per ottenere A bisogna prima risolvere il problema B, che è a sua volta risolvibile solo se C e D vanno come devono andare. Si sta parlando praticamente di una struttura a livelli estremamente interconnessa e dettagliata che tiene unita tutti i personaggi e che, alla fine, rappresenta un’unica trama orizzontale. Il merito è ovviamente di Marius, unico vero collante, ma è importante notare l’inserimento di altri character che servono da MacGuffin per lo sviluppo delle side quest. In particolare, T.H. Vignetti ed il “famosissimo” Sy Rubinek, apparentemente il truffatore migliore al mondo.
L’inserimento di elementi nella retro continuity della mamma di Carly e di Otto funzionano benissimo per creare fomento nel presente. Se da un lato Carly continua imperterrita la ricerca della verità circa la morte dei suoi genitori, dall’altro si scopre che Otto ha tradito in passato Audrey e che questo suo tradimento è in realtà il motivo principale che ha fatto collassare su sé stessa la famiglia Bernhardt. Un collegamento molto interessante ed inaspettato che mette Otto sotto una luce completamente diversa, utilissima soprattutto per creare qualcosa di più in quel personaggio bonario interpretato da Peter Gerety. Bisogna vedere quanto di questo verrà tenuto in gioco nei prossimi episodi, ma per il momento è più che apprezzabile.
La menzione ad honorem di questa puntata va al vero Pete Murphy, icona non volutamente comica della serie che, con poche ma azzeccate battute ed un tempismo decisamente sbagliato, tiene sulle sue spalle tutta la leggerezza dello show. Una boccata d’aria fresca che sta benissimo in una serie come questa, anche se il prezzo che si deve pagare sono due chiappe ed una scena di nudo con la cugina minorenne.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Plot twist: la mamma di Carly è viva
  • Rapporto Marius-Lizzie
  • T. H. Vignetti
  • Il vero Pete Murphy, sempre e comunque…
  • Svelata la trama orizzontale della stagione
  • Inserimento di vari elementi di retro continuity, tipo il tradimento di Otto
  • What about my sandwhich?
  • A volte manca di realismo

 

“The Stamford Trust Fall” traccia (finalmente) il sentiero che la serie dovrà percorrere nei prossimi sette episodi. Di per sé è una puntata molto interessante, sfrutta appieno tutti i personaggi e gioca anche molto sui sentimenti. Da qui in poi deve essere solo che un crescendo.

 

The Huckleberry Jones 3×02 ND milioni – ND rating
The Stamford Trust Fall 3×03 ND milioni – ND rating

 

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: