);

Preacher 4×08 – Fear Of The LordTEMPO DI LETTURA 4 min

in Preacher/Recensioni by

A poche battute dal series finale, anche gli ultimi nodi della serie cominciano a venire al pettine e Preacher cambia decisamente ritmo se paragonato alle prime noiose puntate di questa stagione. “Fear Of The Lord” mette insieme una serie di plot twist che potrebbero serenamente bastare per due o tre episodi ma che, invece, vengono esplosi a ripetizioni in questi 40 minuti di perdizione, blasfemia e capezzoli strappati. Qualcuno potrebbe lamentarsi per l’eccessiva concentrazione o per l’abuso di situazioni estreme, ma qui si stanno sparando gli ultimi colpi a disposizione ed è giusto godersi i fuochi d’artificio. E con che soddisfazione!
Francamente, non si può nemmeno dire che manchi una trama o che non ci sia una direzione precisa perché l’Apocalisse ed un nuovo mondo disegnato ad hoc da Dio sembrano essere esattamente il punto finale di Preacher, e lì Sam Catlin sta dirigendo tutta la baracca. Ovviamente, a causa di queste tematiche abbastanza delicate, tutto sta assumendo toni ancora più delicati che mettono lo spettatore davanti a domande abbastanza importanti, seppure con un tono decisamente sopra le righe e probabilmente censurabile in un qualsiasi canale italiano di Rai o Mediaset. Nello specifico, l’incontro (anche abbastanza a sorpresa), poi rivelatosi falso, tra Jesse ed Il Santo porta in auge indirettamente la domanda delle domande: è giusto credere ciecamente ad un Dio che opera per vie misteriose “semplicemente” perché è Dio? E la metafora del Generale e dei suoi soldati è emblematica in tal senso e anche abbastanza a senso unico per volere di Fiore in modo da far confluire, ovviamente, più opinioni verso la chiara risposta: no.

Il Santo:You ever hear that story about the drunk general who got caught reading his map sideways?
Colonel rides up on his horse and says to the General, “What do we do?” Our General says, “We’re gonna march right up that hill.” The Colonel sees the sideways map in the General’s hand but he follows orders just like everybody else, so he sends his men up that hill into a slaughter.
You could hear them boys […] dying all because the Colonel followed his orders.
Jesse:You were the Colonel.
Il Santo:I was the General.

Tutti i personaggi di Preacher fondamentalmente si dividono tra fervidi credenti e acerrimi infedeli, e fondamentalmente sta tutta qui la vera battaglia che si compie: dal lato dei credenti ci sono ovviamente Herr Starr e tutto il Grail con la partecipazione di Hitler, dall’altro i principali esponenti sono Cassidy, Tulip ed Il Santo. In tutto ciò, Jesse è lo spettatore medio che vuole credere in un Dio che ha un progetto ed un piano per lui, ma purtroppo il progetto previsto non è quello che si potrebbe auspicare.
L’attesissimo faccia a faccia tra Jesse e Dio è ovviamente l’highlight di puntata, un highlight che sfortunatamente dura troppo poco ma che dà un bel po’ di cui parlare, specie se si guarda al cambio di atteggiamento del prete. Si è già a conoscenza del piano di Dio, quindi non c’è nessuna sorpresa a riguardo, ma il focus è tutto su Jesse che realizza, frase dopo frase, quanto il suo credo fosse in realtà mal riposto. La reazione è di quelle che ci si può aspettare da Jesse Custer ma va anche messa in prospettiva e, pertanto, risulta piuttosto frettolosa nel passare da “They burnt me, they tortured me, but I refused! I refused!” a “Thank You? For what? Kids with cancer? The Kardashians?” ed è oggettivamente il vero unico difetto di questo episodio altrimenti esplosivo.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Thank You? For what? Kids with cancer? The Kardashians?
  • Pip Torrens sta veramente dando il meglio di sé: gambe mozzate, capezzoli strappati, capelli improbabili e tanta fede
  • Finalmente chiuso il gap temporale anche con Tulip e Cassidy
  • Faccia a faccia tra Jesse e Dio
  • Dio strappa un occhio a Jesse
  • La metafora del Santo
  • Cassidy ed Humperdoo ed il loro rapporto padre-figlio
  • Pessima tempistica per il ritorno di Jesse nel trio
  • Forse troppa carne al fuoco che poteva essere diluita nelle puntate precedenti dove ce n’era decisamente più bisogno
  • Reazione eccessivamente veloce di Jesse

 

Se c’era da osare si è osato ed il Bless è totalmente meritato. E ora “to the moon“!

 

Messiahs 4×07 0.53 milioni – 0.1 rating
Fear Of The Lord 4×08 0.45 milioni – 0.1 rating

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: